Patriots Day: la vedova di uno degli attentatori accusa il film di ingiustizia

Katherine Russell, moglie di Tamerlan Tsarnaev, non ha apprezzato il modo in cui viene rappresentata nel lungometraggio diretto da Peter Berg.

Patriots Day: la nuova locandina

La vedova di uno degli attentatori che hanno agito durante la maratona di Boston ha chiesto l'aiuto di un avvocato perché sostiene che il film Patriots Day sia ingiusto nei suoi confronti. Katherine Russell, che era sposata con Tamerlan Tsarnaev, ha infatti dichiarato che il lungometraggio fa intendere che conoscesse qualcosa riguardante l'attacco e non abbia collaborato durante le indagini.
L'avvocato Amato DeLuca ha dichiarato: "Semplicemente non è vero. Non c'è alcuna obiezione sul fatto che si girasse un film... Quello su cui si discute è il fatto che Katie venga ritratta come qualcuno che non voleva cooperare o cercare di salvare vite. Ha fatto qualsiasi cosa potesse fare".

La donna non è mai stata accusata dalle autorità e il suo avvocato ha ribadito che non sospettava nulla prima dei tragici eventi. In Patriots Day, invece, viene ritratta scontrosa e mentre si rifiuta di rispondere a delle domande della polizia e chiede la presenza di un avvocato, ma le viene risposto che non ne ha diritto.

Richard DesLauriers, uno degli agenti speciali dell'FBI che ha lavorato al caso, ha dichiarato che non ha alcun motivo di pensare che quell'aspetto del film sia inaccurato. Katherine Russell ha parlato con le autorità più volte, in particolare nelle ore dopo la morte del marito. La donna ha avuto otto-dieci conversazioni con tre investigatori di Washington mentre si trovava nella casa dei suoi genitori a Rhode Island e in uno studio legale di Providence.

La vedova, che si è trasferita nel New Jersey, ha dichiarato tramite il suo avvocato che considera ingiusto concentrarsi sulle ore successive alla morte del marito perché era spaventata e confusa, mentre nei mesi successivi ha offerto ogni tipo di aiuto . DeLuca ha sottolineato: "Alimenta questa convizione che Katie, essendo musulmana, si ritenesse al di sopra della nazione e del loro patriottismo. In realtà si è comportata come ogni persona nella stessa situazione".

Il produttore Michael Radutzky, parlando della scena dell'interrogatorio, ha dichiarato che si basa su diverse fonti legati alle autorità che hanno riportato il suo comportamento, le sue reazioni e le sue dichiarazioni. Il regista Peter Berg, inoltre, ha sottolineato che c'erano delle questioni in sospeso legate a Katherine Russell ed era complicato capire come qualcuno che viveva in un appartamento così piccolo insieme agli attentatori non sapesse nulla di quanto stava accadendo. Il filmmaker aveva inoltre chiesto di parlare con la donna ma lei non ha voluto incontrare la produzione. L'avvocato sostiene che la decisione sia stata presa perché non c'era alcun interesse nei confronti della realizzazione del film e non si voleva alimentare possibili teorie sul coinvolgimento della vedova, che ha risposto a tutte le domande dell'FBI e della task force anti terrorismo.

Patriots Day si conclude inoltre con la descrizione dell'attuale situazione delle persone al centro degli eventi e per quanto riguarda Katherine Russell si dichiara che le autorità stanno continuando a indagare su un suo possibile coinvolgimento nell'esplosione delle bombe. L'avvocato, tuttavia, ha dichiarato che nulla è cambiato rispetto al periodo successivo all'attentato.

Patriots Day: la vedova di uno degli attentatori...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Uncharted: Mark Wahlberg ha abbandonato l'adattamento
Amber Heard sotto processo: la produzione di London Fields le fa causa