Julia Roberts: l'errore imbarazzante sul titolo di un articolo "buca" i social

Julia Roberts è al centro di un errore piuttosto imbarazzante a causa del titolo di un articolo che è diventato virale.

NOTIZIA di 11/12/2018

Julia Roberts è al centro di un divertente, e imbarazzante, errore di stampa che spiccava su un titolo pubblicato dal quotidiano Post-Journal, un quotidiano locale di Jamestown, che ha causato delle reazioni sui social media davvero irresistibili.

Ad accompagnare l'articolo realizzato dall'Associated Press, c'era la frase "Julia Roberts trova che la sua vita e i suoi buchi siano migliorati con l'età". Ovviamente si trattava di un errore: al posto di Roles è stato scritto Holes.
L'immagine della pagina è diventata immediatamente virale e successivamente è stato corretto l'errore nelle copie pubblicate il giorno successivo, situazione che comunque non ha arrestato l'ondata dei commenti.

I fan dell'attrice premio Oscar hanno reagito con grande ironia condividendo frasi come "Julia Roberts sarà felice di sapere che i suoi buchi stanno migliorando con l'età", "Chiaramente ha un ginecologo di talento", "Possano tutti i vostri buchi migliorare con l'età!!!, e "O si tratta di un errore o Julia Roberts era davvero in vena di condividere qualcosa". A intervenire anche l'attrice Busy Philipps che ha dichiarato: "Ecco il motivo per cui è una star del cinema. I miei buchi sono solo peggiorati con l'età".

I fan si sono chiesti anche come sia stato possibile inciampare in un errore del genere, considerando che H e R non sono due lettere situate una accanto all'altra sulla tastiera di un computer e più di una persona è convinta che quel titolo verrà mostrato durante le lezioni di giornalismo per molti anni.

Julia è recentemente tornata protagonista in televisione con la serie Homecoming, mentre la sua interpretazione nel film Ben is Back sta ottenendo un'ottima accoglienza da parte della critica, del pubblico e di chi sta assegnando in queste settimane le nomination ai premi cinematografici che verranno attribuiti all'inizio del 2019.