Judy: Liza Minnelli si rifiuta di vedere il film con Renée Zellweger

Liza Minnelli, figlia della star Judy Garland, si rifiuta categoricamente di vedere il film dedicato agli ultimi anni di vita di sua madre, interpretata da Renée Zellweger.

NOTIZIA di 05/02/2020

Judy, biopic dedicato alla star di Hollywood Judy Garland interpretata da Renée Zellweger è arrivato nelle sale ma Liza Minnelli, figlia della storica attrice, non vuole vedere il film firmato da Rupert Goold che disapprova completamente.

Judy 2
Judy: una sequenza del film

Il film Judy, per il quale Renée Zellweger ha da poco vinto un Golden Globe, un BAFTA ed è stata nominata agli Oscar 2020, affronta gli ultimi anni di vita dell'attrice famosa in tutto il mondo, mostrando tutta la sua fragilità e le difficoltà che ha dovuto affrontare. Ma sua figlia Liza Minnelli, star incontrastata di Broadway, fin dall'inizio non ha voluto avere a che fare con questo biopic, rifiutandosi anche di vederlo al cinema e lanciando frecciatine alla protagonista: "Spero che Renée Zellweger si sia divertita a farlo"

Un rifiuto categorico, che avevamo già avuto modo di constatare dal 2018, quando si parlava della realizzazione di Judy e Liza Minnelli affermò di essere completamente fuori dalla lavorazione. In una recente intervista a Vanity Fair, la showgirl ha riconfermato questo aspetto: "Non ho mai incontrato né parlato con Renée Zellweger. Non so come siano iniziate queste storie, ma non approvo né do la mia benedizione in alcun modo all'imminente film su Judy Garland. Eventuali segnalazioni contrarie sono al 100% delle costruzioni."

Renée Zellweger: "Judy Garland costretta a drogarsi ne Il mago di Oz per restare magra"

Renée Zellweger, che continua a ottenere consensi e riconoscimenti per la sua interpretazione, ha risposto a queste affermazioni in una recente intervista con Lorraine Kelly: "So che i rappresentanti della famiglia hanno visto il film, quindi questo mi fa sorridere. È un problema emotivo, e probabilmente una cosa molto complicata, ma la mia speranza è che il film venga riconosciuto come espressione di affetto e adorazione, una conferma dell'importanza di Judy Garland".