Il Trono di Spade 8x03: Maisie Williams commenta l'epilogo della battaglia a Grande Inverno

Il Trono di Spade 8x03 ha dato spazio all'epica battaglia a Grande Inverno, ecco i commenti di Maisie Williams.

NOTIZIA di 29/04/2019

Il Trono di Spade 8x03 ha tenuto i fan, in attesa di scoprire in che modo si sarebbe concluso lo scontro con il Re della Notte, e l'attrice Maisie Williams ha ora condiviso i suoi commenti agli eventi mostrati sul piccolo schermo.
L'interprete di Arya ha ovviamente parlato di alcuni dei momenti più importanti dell'ultima stagione della serie, non proseguite se non volete spoiler !

La giovane star della serie Il trono di spade ha ammesso di aver letto solo in un secondo momento gli script delle puntate inedite e ha quindi scoperto che sarebbe stata Arya Stark a uccidere il Re della Notte durante un incontro con i colleghi a Belfast: "Arrivavo al lavoro e tutti stavano parlando della terza puntata. Il regista Miguel Sapochnik ha detto: 'Hai letto il copione?'. Quando ho risposto di no ha replicato: 'Oh, allora non posso dirtelo'".
Maisie Williams ha spiegato che nessuno le voleva dare delle anticipazioni e ha iniziato a fare ogni tipo di supposizione relative alla puntata, di cui potete leggere la nostra recensione de Il Trono di Spade 8x03.

L'attrice ha poi letto insieme ai colleghi lo script: "Si è trattato di qualcosa di incredibilmente eccitante, ma ho pensato immediatamente che tutti lo avrebbero odiato, che Arya non merita quel momento. La parte più difficile è che quando getti le basi per un villain così impossibile da sconfiggere e poi ci si riesce deve essere un evento fatto in modo intelligente, se no le persone pensano: 'Non poteva essere così cattivo se una ragazzina talmente minuta arriva e lo pugnala'. Devi renderlo fantastico. E l'ho detto al mio ragazzo e ha replicato: 'Non dovrebbe in realtà essere Jon a farlo?'".

La giovane attrice ha però iniziato ad apprezzare l'idea durante le riprese e in particolare dopo aver girato la sequenza in cui Melisandre, interpretata da Carice van Houten, le ricorda della profezia della terza stagione: "Mi sono resa conto che l'intera scena con lei fa riemergere tutto quello a cui ho lavorato nelle precedenti sei stagioni, quattro se si conta dal momento in cui è arrivata nella Casa del Bianco e del Nero. Tutto conduce a questo momento esatto ed è inoltre inaspettato, come fa la serie. Quindi ho pensato: 'Vai a fanculo Jon, ci penso io'".
Maisie ha quindi ricordato di non aver mai interpretato delle scene di battaglia, nonostante Arya sia il personaggio che si è allenato di più, e avere l'opportunità di girare la battaglia a Grande Inverno è stato qualcosa di entusiasmante, pur dovendo fare i conti con la fatica: "Si tratta di continue riprese di notte senza interruzioni. E non puoi ammalarti, devi pensare a te stessa perché non può girare nessun altro quelle scene. Ma la sensazione nell'aver raggiunto un tale risultato non ha paragoni. Durante una di quelle dure giornate ti rendi conto che si è parte di qualcosa di talmente iconico e sarà fantastico".

Il trono di spade 8: 5 teorie (pazzesche e azzardate) per il gran finale

Kit Harington ha invece ammesso di essere rimasto un po' spiazzato: "Ero sorpreso perché avevo pensato che sarebbe toccato a me! Ma mi è piaciuta, dà all'addestramento di Arya uno scopo e un obiettivo finale. La scena è decisamente migliore in questo modo. Penso che causerà qualche frustrazione nel pubblico perché Jon sta dando la caccia al Re della Notte e ci si può attendere un'epica battaglia che non accade mai, ma è ciò che succede nella serie ed è la cosa giusta per i personaggi. C'è qualcosa di importante nel fatto che non sia la persona che ci si potrebbe attendere".

Il regista Miguel Sapochnik ha inoltre aggiunto che era importante far credere agli spettatori che sarebbe stato Jon a uccidere il nemico, seguendolo così nel suo percorso senza mostrare Arya: "Volevo che i fan pensassero 'Jon ce la farà. Jon ce la farà'. E poi fallisce, non ci riesce nel momento finale. Quindi spero che sia una svolta interessante che nessuno poteva prevedere".