Giulia De Lellis torna dopo cinque anni a Uomini e Donne, ecco perché

A cinque anni dalla sua scelta per Andrea Damante, Giulia De Lellis torna a Uomini e Donne, ecco cosa farà l'influencer.

NOTIZIA di 30/11/2021

Giulia De Lellis è tornata sul parterre di Uomini e Donne, il programma che le ha dato la notorietà. L'influencer, che oggi ha oltre 5 milioni di follower, sarà ospite del dating show per parlare del libro di Raffaella Mennoia, braccio destro di Maria De Filippi, incentrato su una ex protagonista del dating show.

Lo scorso 19 novembre è stata registrata una puntata di Uomini e Donne con un'ospite a sorpresa, Giulia De Lellis non metteva piede negli studi del dating sgow dal maggio del 2016, in quei giorni la ragazza fu la scelta del tronista Andrea Damante. La loro storia, tra alti e bassi è terminata, secondo Giulia, a causa di un tradimento di Andrea. La De Lellis, con l'aiuto della scrittrice Stella Pulpo, ha pubblicato il libro 'Le corna stanno bene su tutto. Ma io stavo meglio senza!', che con oltre 100mila copie vendute in pochi mesi, è stato tra i più letti del 2019.

Giulia De Lellis è tornata nel programma per l'uscita del libro di Raffaella Mennoia, braccio destro di Maria De Filippi e autrice di alcuni suoi programmi, tra cui Uomini e Donne. La Mannoia sta "spoilerando" alcuni dettagli del suo romanzo, grazie a questo sappiamo che è ispirato alle vicende di una ex protagonista del programma, della quale non ha ancora svelato l'identità. Cupido spostati, questo il titolo del libro, potrebbe essere basato proprio sulla relazione tra Giulia e Andrea.

Nelle note che accompagnano il romanzo Raffaella Mennoia ha voluto scrivere "a volte basta uno sguardo. La scintilla scocca, l'aria diventa elettrica e il mondo intorno si dissolve. Esistono solo loro, due persone attratte come magneti una verso l'altra. Quello che faccio io, ogni giorno, è creare una possibilità di incontro, una prospettiva di corteggiamento perché la freccia vada a segno. Vado a caccia di quella magia che non si può contraffare. E anche se mi chiamano Cupido, ho imparato che l'Amore vero non si progetta, ma si guarda crescere".