Edward Norton sulla reazione di Donald Trump al voto: "Un mafioso vendicativo"

Edward Norton ha analizzato i motivi per cui Donald Trump starebbe creando paura e caos nel suo elettorato per i risultati delle presidenziali americane.

NOTIZIA di 20/11/2020

In una serie di tweet divenuti subito virali, Edward Norton ha attaccato duramente Donald Trump per la sua reazione al voto degli americani nell'ambito delle presidenziali 2020. L'attore ha quindi definito il tycoon "guastafeste vendicativo" e un "mafioso".

Donald Trump nell'atto di imbracciare un fucile
Donald Trump nell'atto di imbracciare un fucile

Sono trascorse due settimane da quando è stata decretata la vittoria di Joe Biden nella corsa alla Casa Bianca, eppure Donald Trump continua a rifiutare di ammettere la sua sconfitta elettorale. Giorno dopo giorno, si susseguono le esternazioni del magnate che lasciano ben intendere il suo intento di rendere più complicato possibile il passaggio del potere a favore del suo successore, e sui social non mancano i commenti di coloro che giudicano questo suo atteggiamento piuttosto "infantile". Tra questi c'è anche Edward Norton che nelle ultime ore non le ha mandate di certo a dire e su Twitter ha definito Donald Trump "lamentoso, imbronciato, petulante, guastafeste e vendicativo". L'attore di Fight Club commentato la reazione di Trump al risultato delle elezioni ed ha spiegato come il futuro ex presidente "stia solo mettendo un broncio malvagio e mostrando il dito medio all'intero Paese per puro dispetto, senza un solo pensiero di riguardo per i morti ed i malati". Ricordiamo che Trump continua ormai da giorni a ricondurre a delle presunte frodi elettorali la ragione per cui è stato sconfitto da Joe Biden.

"Non credo che Trump stia cercando di 'rendere felice la sua base elettorale' o che 'il caos sia ciò che ama'", ha detto Norton. "Il nocciolo di tutto è che sa di trovarsi in profondo pericolo dal punto di vista legale e questo definisce ogni sua azione". Norton ha osservato che Trump sta ritardando il passaggio del potere negli Stati Uniti per pura "tattica" e quindi per "guadagnare tempo per la copertura e la soppressione delle prove" e per creare "un finale disperato". Qual è l'obiettivo finale di Trump? Per come la vede Norton, è "creare abbastanza caos e ansia riguardo un pacifico passaggio di potere e la paura di danni irreparabili al sistema per poter così concludere un accordo in stile Nixon in cambio di una concessione definitiva". "Non possiamo lasciare che questo mafioso spinga gli Stati Uniti ad un accordo per salvargli il culo minacciando la nostra democrazia", ​​ha aggiunto Edward Norton, invitando gli americani a denunciare il bluff del tycoon. "Questa è la sua commedia. Ma ha solo spazzatura in mano. Se ne va, sgraziato e infamante. Ma se accettiamo uno scambio, se gli offriamo un accordo mediato, saremo vulnerabili al suo ritorno. Non possiamo indietreggiare".