Dakota Johnson: "Alfred Hitchcock ha rovinato la carriera di mia nonna Tippi Hedren"

Dakota Johnson ha parlato di sua nonna, l'attrice Tippi Hedren, e di come Alfred Hitchcock abbia rovinato la sua carriera con i suoi abusi e le sue molestie.

NOTIZIA di 13/11/2021

Dakota Johnson ha puntato il dito contro Alfred Hitchcock, spiegando come il regista abbia rovinato la carriera di sua nonna, l'attrice Tippi Hedren, protagonista dei film Gli Uccelli e Marnie. "L'ha terrorizzata", ha quindi dichiarato la protagonista di Cinquanta sfumature di Grigio.

Dakota Johnson ha approfittato del podcast Awards Chatter per parlare della carriera di Tippi Hedren, madre di Melanie Griffith e, dunque, sua nonna. Molti ricordano Hedren per essere stata la protagonista de Gli Uccelli e Marnie, film diretti da Alfred Hitchcock che le hanno permesso di raggiungere la fama internazionale. La carriera di Hedren, però, non è andata avanti nel modo in cui ci si poteva aspettare e Johnson individua la responsabilità di ciò nell'atteggiamento che proprio Hitchcock ha riservato a sua nonna oltre mezzo secolo fa.

Innanzitutto, la star di Suspiria ha detto che Hedren è sempre stata dalla sua parte e l'ha sempre incoraggiata quando ha scelto di perseguire una carriera da attrice, nonostante gli abusi che lei stessa ha dovuto subire nel settore. "È sempre stata davvero onesta e ferma nel difendersi. Questo è quello che ha fatto", ha detto Johnson, entrando più nello specifico: "Hitchcock ha rovinato la sua carriera perché non voleva andare a letto con lui. L'ha terrorizzata. Non è mai stato ritenuto responsabile". Ricordiamo che, nel suo libro di memorie del 2016, Hedren, che ora ha 91 anni, ha affermato di essere stata aggredita sessualmente da Hitchcock diverse volte durante la realizzazione di entrambi i film. "È completamente inaccettabile che persone che occupano una posizione di potere esercitino quel potere su qualcuno in una posizione più debole, indipendentemente dal settore", ha continuato Johnson, emozionandosi e aggiungendo: "È difficile parlarne perché è mia nonna. Non vorresti mai che qualcuno approfittasse di tua nonna".

Hedren ha raccontato le sue esperienze con Hitchcock, morto nel 1980, dicendo che il regista avrebbe fatto passare il suo autista davanti alla sua casa ed una volta aveva chiesto a Hedren di "toccarlo" mentre stavano lavorando a Gli Uccelli. Ha anche detto che il regista, una volta, ha cercato di costringerla a baciarlo nel retro di una limousine. "È stato un momento terribile, terribile", si legge quindi nel libro, in cui Hedren ha inoltre scritto di non aver detto a nessuno dell'aggressione perché "molestie sessuali e stalking erano termini che non esistevano" nei primi anni '60. L'attrice ha detto che le cose si sono intensificate ulteriormente quando ha lavorato con il regista in Marnie. Una volta, lui si sarebbe presentato nel suo camerino e le avrebbe messo le mani addosso. "Era sessuale, era perverso", ha scritto Hedren in riferimento a quell'episodio.