Cobra: Sylvester Stallone e la risposta che asfaltò il suo ego sul set: "Togli le mani da..."

La risposta di Ric Waite alle critiche di Sylvester Stallone sul set di Cobra ridimensionò notevolmente l'ego smisurato del leggendario attore americano.

NOTIZIA di 14/09/2020

Sul set di Cobra, Sylvester Stallone si lamentò con il direttore della fotografia Ric Waite dicendo che erano rimasti indietro con le riprese a causa sua e che lui e la sua troupe dovevano lavorare più duramente. La risposta di Waite asfaltò Stallone, ridimensionando notevolmente il suo ego smisurato.

Sylvester Stallone con Brigitte Nielsen in Cobra
Sylvester Stallone con Brigitte Nielsen in Cobra

Il direttore della fotografia rispose dicendo che se Stallone "fosse disposto a togliere le mani dal culo di Brigitte Nielsen e smettesse di mettersi in mostra con le sue guardie del corpo, forse non avrebbero più problemi di ritardi con le riprese".

Stallone rimase così scioccato dal fatto che qualcuno gli avesse parlato in quel modo che l'incidente servì ad attenuare il suo ego per alcune settimane. In un'intervista, alcuni anni dopo, Waite però ha ammesso che Stallone ha un grande senso dell'umorismo, nonostante il suo ego.

Cobra: un primo piano di Sylvester Stallone
Cobra: un primo piano di Sylvester Stallone

Il direttore alla fotografia ha anche confermato una diceria ricorrente secondo cui fu Stallone il vero regista di Cobra e non George P. Cosmatos; Waite arrivò perfino a definire Cosmatos, il regista accreditato, un buon produttore, ma un pessimo regista.