Chris Noth: Peloton scarica Mr. Big come testimonial dopo le accuse di stupro

Chris Noth, l'interprete di Mr. Big in And Just Like That..., è stato appena scaricato dall'azienda Peloton come suo testimonial, in seguito alle accuse di violenza sessuale.

NOTIZIA di 17/12/2021

Peloton, l'azienda che aveva appena realizzato un esilarante spot con Chris Noth, ha deciso di rimuovere il video dopo che l'interprete di Mr. Big in And Just Like That... è stato accusato di stupro e violenza sessuale da due diverse donne, secondo quanto rivelato dal The Hollywood Reporter. Attenzione, seguono spoiler sul primo episodio !

The Good Wife: Chris Noth nell'episodio The Line
The Good Wife: Chris Noth nell'episodio The Line

La clip, della durata di circa 30 secondi, è stata presentata in anteprima appena tre giorni dopo lo scioccante primo episodio della serie sequel di Sex and the City, in cui il personaggio di Noth e una cyclette della Peloton hanno entrambi ruoli da protagonista. Lo spot, realizzato grazie all'aiuto di Ryan Reynolds, è diventato virale e le testate giornalistiche hanno iniziato a parlare più della pubblicità che dell'episodio dello show.

L'attore, d'altro canto, si è ritrovato nei titoli di molti giornali per una ragione piuttosto diversa: due donne hanno presentato accuse dettagliate contro di lui in un pezzo pubblicato da The Hollywood Reporter. Zoe e Lily, come sono state chiamate le donne per mantenere il loro anonimato, secondo quanto riferito si sono avvicinate alla pubblicazione separatamente e a distanza di mesi e hanno affermato che l'attore avrebbe avuto rapporti sessuali con loro senza il loro consenso nel 2004 e nel 2015.

Chris Noth in una scena della commedia Sex and the City 2
Chris Noth in una scena della commedia Sex and the City 2

Chris Noth ha immediatamente inviato una dichiarazione al The Hollywood Reporter: "Le accuse contro di me fatte da individui che ho incontrato anni, addirittura decenni fa, sono categoricamente false. Queste storie potrebbero essere di 30 anni fa o 30 giorni fa, non cambia niente, per me no significa sempre no. Gli incontri sono stati consensuali. È difficile non mettere in discussione il tempismo di queste storie. Non conosco il motivo per cui stanno emergendo ora, ma so questo: non ho mai aggredito queste donne".