Facebook

Brooke Shields shock: "Sono stata stuprata quando avevo 22 anni"

La modella e attrice ha rivelato tutto nel nuovo documentario in due parti Pretty Baby: Brooke Shields, presentato in questi giorni al Sundance.

Brooke Shields shock: "Sono stata stuprata quando avevo 22 anni"

Brooke Shields ha raccontato per la prima volta di essere stata aggredita sessualmente all'età di 20 anni.

L'ex attrice bambina e top model, oggi 57enne, ha rivelato la sua storia nel nuovo documentario in due parti Pretty Baby: Brooke Shields, presentato in anteprima al Sundance Film Festival 2023 venerdì 20 gennaio. Pur non facendo il nome del suo aggressore, l'attrice conferma che si trattava di un importante attore di Hollywood e che era in rapporti amichevoli con lui prima dello stupro.

"È la prima volta che parlo di quello che è successo", racconta Brooke in lacrime nel film, come riporta il Daily Beast.

Brooke Shields ha raccontato di essersi laureata a Princeton nel 1987 e che stava cercando di rientrare nel mondo della recitazione quando ha sentito parlare di una possibile parte per lei. Il suo aggressore l'ha quindi contattata.

"Siamo stati a cena, pensavo fosse un incontro di lavoro", ha spiegato Brooke. "Avevo già incontrato questa persona in passato, ed era sempre stata gentile con me". Alla fine della cena, Brooke ha raccontato che le cose hanno iniziato a non quadrare, così ha pensato di andarsene in fretta. "Ho detto: 'Devo prendere un taxi' e lui mi ha risposto: 'Torna in albergo, ti chiamo un taxi'".

Dopo averlo seguito in albergo, l'uomo è andato in bagno per poi uscirne completamente nudo. Brooke nel frattempo stava guardando il paesaggio con un binocolo.

"La porta si apre e questa persona è nuda", ha raccontato Brooke. "Ho rimesso a posto il binocolo e lui era proprio su di me". Ha descritto i momenti successivi come una "lotta" e ha detto che in quel momento aveva troppa paura per reagire. "Mi sono assolutamente bloccata. Ho pensato: 'Il mio unico 'No' avrebbe dovuto essere sufficiente. Rimani viva e vattene', ha rivelato Brooke.

Durante l'aggressione, Brooke ha rivelato di essersi sentita come "dissociata" dal suo corpo, un meccanismo di sopravvivenza che ha imparato quando faceva scene di nudo sul set da adolescente, compresi i suoi ruoli negli anni '80 in Laguna blu e nel 1981 in Amore senza fine.

"Un attimo dopo, la porta è aperta e la persona dice: 'Ci vediamo in giro'. Ho detto 'Sì', sono uscita, sono scesa in ascensore e ho preso il mio taxi. Ho pianto fino all'arrivo all'appartamento della mia amica", ha spiegato Brooke.

Brooke Shields attacca Tom Cruise per la sua "ridicola" posizione sulla depressione postpartum

La star ha ammesso di non aver mai affrontato pubblicamente il suo aggressore, ma di avergli scritto una lettera. "Gli ho detto: 'C'era una fiducia enorme ed è appena sparita. Come ti sei permesso? Sono migliore di così. Sono migliore di te'. Questo è il modo in cui ho affrontato le cose. Volevo cancellare l'intera vicenda dalla mia mente e dal mio corpo e continuare a percorrere la strada che stavo percorrendo. Il sistema non era mai venuto ad aiutarmi. Quindi sono dovuta diventare più forte da sola".