Britney Spears accusa il padre: ecco cosa ha detto nella sua deposizione da incubo

Questa notte Britney Spears ha accusato finalmente suo padre Jamie Spears e i suoi collaboratori di averla schiavizzata e di aver abusato di lei in tredici anni di tutela legale: ecco cosa ha detto durante la sua testimonianza alla giudice.

NOTIZIA di 24/06/2021

Britney Spears ha accusato suo padre Jamie Spears, che detiene la sua tutela legale, di averla letteralmente schiavizzata negli ultimi tredici anni, con l'aiuto del suo entourage e dei suoi avvocati. La testimonianza in tribunale di Britney, che potete leggere di seguito, è un vero e proprio film dell'orrore che la star racconta con lucidità, e che arriva a pochi mesi di distanza dall'uscita del discusso documentario Framing Britney Spears, che aveva sollevato un dibattito molto acceso sulla sua situazione personale.

Ecco cosa ho passato in questi tredici anni di tutela legale

Britney Spears e suo figlio Jayden mangiano lo yogurt gelato a Menchie, Calabasas
Britney Spears e suo figlio Jayden mangiano lo yogurt gelato a Menchie, Calabasas

"Le persone che mi hanno fatto questo, non dovrebbero essere in grado di cavarsela così facilmente": così inizia la lunga lista di accuse che Britney Spears ha dichiarato ai giudici contro la sua famiglia. "Ho portato quattro fogli di carta, su cui ho scritto per esteso ciò che ho passato", ha esordito Britney al telefono, in quanto, per via delle restrizioni per il Covid, ha potuto presentarsi soltanto in questo modo. "Dopo 13 anni trascorsi sotto la tutela legale di mio padre, ammetto di aver mentito in passato quando ho dichiarato di essere felice." Non è la prima volta che la star finisce in tribunale, ma stavolta sembra intenzionata a farsi ascoltare "una volta per tutte". Ecco le parti più salienti della sua deposizione:

Britney Spears si rivolge ai giudici: "Ho detto al mondo di essere felice. Era una bugia"

Las Vegas

Britney Spears al Gymboree Play per passare del tempo con i figli a Los Angeles
Britney Spears al Gymboree Play per passare del tempo con i figli a Los Angeles

"Mi son trattenuta a Las Vegas per quattro anni per una serie di spettacoli ed è stato difficile, perché in tutto questo lasso di tempo, avrei avuto bisogno di una pausa nel mezzo. Ma no, mi è stato detto che avrei dovuto continuare, come da programma. Lavoravo quattro giorni alla settimana. Metà del tempo in studio e metà del tempo in uno studio di Westlake. Fondamentalmente stavo dirigendo la maggior parte dello spettacolo. Ho fatto la maggior parte della coreografia, il che significa che ho insegnato ai miei ballerini la mia nuova coreografia, da sola. Prendo tutto ciò che faccio molto sul serio. Ci sono tonnellate di video con me alle prove. Non sono stata brava nel farlo a quel tempo, sono stata fantastica. Ho guidato, tutto da sola, un team di 16 ballerini." Ha detto Britney a fugare qualsiasi insinuazione sulla demenza che le era stata attribuita di recente.

"È divertente ascoltare la versione dei miei manager di questa storia. Dissero che non partecipavo alle prove, ma quando una volta mi sono impuntata e ho detto che non avrei ballato, il mio manager ha chiamato il terapista che mi aveva in cura in quel periodo e gli ha detto che non stavo collaborando o seguendo le linee guida del programma. E ha anche detto che non stavo prendendo le mie medicine, che è stupido da dire, perché c'era una signora che mi seguiva a quei tempi e ogni mattina, negli ultimi otto anni, mi ha dato sempre le stesse medicine."

Il litio

Britney Spears e Michael Jackson
Britney Spears e Michael Jackson

"Quando mi avevano detto che mi avrebbero concesso una pausa da Las Vegas e ho confessato al mio assistente che non esibirmi più mi faceva sentire strana, mi hanno mandato dal mio terapista. Lui mi ha fatto sedere in una stanza e ha detto che aveva ricevuto un milione di telefonate riguardo al mio comportamento, che non partecipavo alle prove e non prendevo le mie medicine. Tutto questo era falso."

"Immediatamente, il giorno dopo, dal nulla, mi ha dato il litio. Mi ha tolto le normali medicine che prendevo da cinque anni. E il litio è un farmaco molto, molto forte e completamente diverso da quello a cui ero abituata. Puoi diventare mentalmente menomato se ne prendi troppo, se lo assumi per più di cinque mesi. Ma me l'ha dato lo stesso e mi sono sentita come se fossi ubriaca."

"Non riuscivo nemmeno a parlare con mia madre o mio padre, quando assumevo quel farmaco. Ho detto al mio medico che ero spaventata e lui in cambio mi ha fatto assumere sei diverse infermiere per monitorarmi quando assumevo il litio. C'erano sei diverse infermiere a casa mia che non mi permettevano di salire in macchina per andare da nessuna parte, per un mese."

Britney Spears ha pianto per due settimane a causa del documentario: "Imbarazzata dal modo in cui mi ritrae"

Jamie Spears, padre padrone

Britney Spears in un immagine promozionale tratta dal video musicale 'Womanizer'
Britney Spears in un immagine promozionale tratta dal video musicale 'Womanizer'

"Non solo la mia famiglia non ha fatto nulla per impedire tutto ciò, ma mio padre Jamie Spears era d'accordo. Su tutto. Tutto quello che mi è successo doveva essere approvato da mio padre. E mio padre si è comportato come se non sapesse quello che mi capitava. Durante le due settimane di vacanza da Las Vegas, una signora è venuta a casa mia per quattro ore al giorno, mi ha fatto sedere e mi ha fatto un test psicologico. Ci è voluta un'eternità. Ma mi è stato detto che dovevo farlo. Poi, dopo, ho ricevuto una telefonata da mio padre, che sostanzialmente diceva che avevo fallito il test o qualsiasi altra cosa volesse dire."

"Mi dispiace, Britney, devi ascoltare i dottori. Stanno ipotizzando di mandarti in una piccola casa a Beverly Hills per fare un piccolo programma di riabilitazione. Pagherai $ 60.000 al mese per questo." Ho pianto al telefono per un'ora e lui stava lì, adorava sentirmi così. Adorava il fatto di potermi controllare, poter controllare qualcuno potente come me. Io ho obbedito, ho fatto le valigie e sono andata in quel posto a Beverly Hills."

Ho lavorato in condizioni da traffico sessuale

Britney Spears ai VMA nella celebre performance con il serpente.
Britney Spears ai VMA nella celebre performance con il serpente.

"Ho lavorato sette giorni alla settimana, senza giorni di riposo e in California, l'unica cosa simile a questa condizione, si chiama traffico sessuale. Far lavorare chiunque contro la sua volontà, sottrargli tutti i suoi averi - carta di credito, contanti, telefono, passaporto - e metterli in una casa dove lavorano con le persone che vivono con loro."

"Vivevano tutti in casa con me, le infermiere, la sicurezza 24 ore su 24. C'era uno chef che veniva lì e cucinava per me ogni giorno durante i giorni feriali. Mi hanno visto nuda, ogni giorno, mattina, mezzogiorno e sera, quando mi cambiavo. Non avevo una porta per la privacy, neppure nella mia stanza."

"Ma il mio prezioso corpo, che ha lavorato per mio padre negli ultimi fottuti 13 anni, cerca di essere così buono e carino. Così perfetto. Lo stato della California ha permesso a mio padre - un padre così ignorante - di prendere sua figlia, come se lavorassi per lui, e farle fare ciò che voleva. Ma dopo aver mentito e detto al mondo intero "Sto bene e sono felice", ora posso dirvi che era una bugia. Ho pensato che forse se l'avessi detto abbastanza forte, mi sarei potuta convincere che fosse vero, che sarei potuta diventare felice. Ma non è così. Sono stata traumatizzata. Ora sto dicendo la verità, ok? Non sono felice. Non riesco a dormire. Sono così arrabbiata. E sono depressa. Piango ogni giorno."

Voglio terminare la mia tutela legale e voglio fare causa alla mia famiglia

Britney Spears Madonna Christina Aguilera
Il bacio tra Madonna, Christina Aguilera e Britney Spears agli gli MTV Video Music Awards del 2003

"Voglio cambiamenti e voglio cambiamenti che proseguano nel futuro. Mi merito cambiamenti. Mi è stato detto di nuovo di sedermi ed essere valutata, di nuovo, per porre fine alla tutela. Ma onestamente, non credo di dover essere ancora valutata da nessuno. Ho fatto più che abbastanza. Voglio solo indietro la mia vita. E sono passati 13 anni. Ed è abbastanza. È passato molto tempo da quando ho posseduto i miei soldi. Ed è il mio desiderio e il mio sogno che tutto questo finisca senza essere messo alla prova ancora."

_"E sinceramente vorrei fare causa alla mia famiglia. Vorrei anche essere in grado di condividere la mia storia con il mondo, e quello che mi hanno fatto. Voglio essere in grado di essere ascoltata su quello che mi hanno fatto, dopo che mi hanno costretta a tenerlo dentro per così tanto tempo, non fa bene al mio cuore."

"Il motivo principale per cui sono qui è perché voglio terminare la tutela legale di mio padre, senza dover essere valutata di nuovo. Ho fatto molte ricerche. E ci sono un sacco di giudici che mettono fine alle tutele per le persone, senza che debbano essere valutati tutto il tempo. Le uniche volte che non lo fanno è quando un membro della famiglia dice che qualcosa non va in questa persona. Ma considerando che la mia famiglia ha vissuto grazie alla mia tutela per 13 anni, non sarò sorpresa se uno di loro avesse qualcosa da ridire in futuro."

Mi impediscono di avere dei figli

Britney Spears ha spiegato che il padre Jamie Spears (e i suoi collaboratori) le impediscono di recarsi in ambulatorio per farsi rimuovere la spirale anticoncezionale e di avere dei figli con l'uomo che ama. "Lavoro da quando avevo 17 anni. Credo davvero che questa tutela sia abusiva e che possiamo stare qui seduti tutto il giorno e dire oh, la tutela serve per aiutare le persone. Ma no, ci sono anche migliaia di tutori abusivi. Non mi sento di poter vivere una vita piena. Vorrei andare avanti progressivamente, voglio potermi sposare e avere un bambino. Mi è stato detto che non posso farlo, sotto tutela. Ma mi merito di avere una vita mia. Ho lavorato tutta la mia vita. Mi merito due o tre anni di pausa e di fare quello che voglio. Ma mi sento vittima di bullismo, esclusa e sola. E sono stanca di sentirmi così. Merito di avere gli stessi diritti di chiunque altro, avere un figlio, una famiglia, una qualsiasi di queste cose e altro ancora."