Facebook

Bill Murray accusato di aver baciato e molestato sessualmente una donna sul set di Being Mortal

Trapelano i dettagli dell'incidente sul set di Being Mortal: Bill Murray è stato accusato di aver baciato e molestato sessualmente una donna dello staff di produzione.

Trapelano i primi dettagli sul misterioso indicente che ha coinvolto Bill Murray sul set di Being Mortal qualche mese fa, spingendo la produzione a sospendere le riprese. Secondo Puck, Murray sarebbe stato accusato da una donna dello staff di molestie e comportamenti inappropriati, visto che avrebbe tentato di baciarla e molestarla sul set. L'attore avrebbe poi patteggiato un risarcimento di 100.000 dollari.

Morti Non Muoiono Bill Murray Cannes 2019Jpeg
I morti non muoiono: Bill Murray a Cannes 2019

Puck riferisce, tramite più fonti, che il 72enne Bill Murray avrebbe avuto atteggiamenti troppo amichevoli con un membro dello staff di produzione femminile "molto più giovane". L'attore si sarebbe messo a cavalcioni su di lei dopo averla fatta sdraiare su un letto che faceva parte del set di produzione e l'avrebbe baciata in bocca mentre entrambi indossavano le mascherine, in mezzo ai protocolli COVID. Murray si è difeso dicendo che il suo era solo uno scherzo, ma la donna "inorridita", che sarebbe stata bloccata sotto il peso dell'uomo, non poteva muoversi e ha "interpretato le sue azioni come del tutto sessuali".

In un primo tempo, dopo lo stop alla lavorazione di Being Mortal, erano circolate voci riguardo al fatto che la persona che accusava Murray di comportamento inappropriato fosse l'attrice Keke Palmer, voci poi smentite.

Bill Murray sulle accuse ricevute sul set di Being Mortal: "Ho fatto qualcosa che pensavo fosse divertente"

Dopo l'incidente, la donna membro staff di produzione ha presentato una denuncia così come un testimone. L'unità Searchlight della Disney ha sospeso la produzione del film. Secondo quanto riferito, Bill Murray si sarebbe pentito di ciò che è successo non solo per via dell'incomprensione sul suo comportamento, ma anche perché la troupe aveva perso il lavoro a causa sua. L'attore ha deciso di mediare con l'accusatrice nella speranza di lasciarsi alle spalle l'incidente e riprendere la produzione. Secondo quanto riferito, la donna voleva finire il film e avrebbe accettato così un risarcimento di 100.000 collari che includeva anche un accordo di non divulgazione e la rinuncia al diritto di citare in giudizio i produttori di Being Mortal, tra cui Searchlight e Disney, in futuro.

Anche se al momento non si hanno notizie di un eventuale ripartenza della produzione di Being Mortal, Bill Murray ha definito l'esperienza "piuttosto educativa" per lui: "Quello che ho sempre pensato fosse divertente da bambino non è necessariamente ciò che è divertente ora. Le cose cambiano e i tempi cambiano, quindi è importante per me capirlo".