Angelina Jolie e Elisabetta II del Regno Unito: quando la Regina incontrò la diva di Hollywood

Angelina Jolie incontrò Elisabetta II del Regno Unito a Buckingham Palace per ricevere un titolo concesso a pochi americani dalla famiglia reale.

NOTIZIA di 13/04/2021

Nel 2014 Angelina Jolie fu convocata a Buckingham Palace da Elisabetta II del Regno Unito per un incontro ed, essendo la Regina una sua grande fan, all'attrice fu conferito un onore concesso a pochissimi americani dalla famiglia reale britannica.

La Regina Elisabetta II solitamente è molto selettiva nello scegliere le persone che ricevono dei titoli, specialmente se si parla di questo riconoscimento, ed è interessante notare che non sono state le capacità recitative della Jolie ad attirare l'attenzione della famiglia reale.

Le cittadine americane tecnicamente non possono diventare dame, essendo un titolo che tipicamente è riservato agli inglesi, ma la Regina nel 2014 ha fatto un'eccezione e ha conferito alla Jolie il titolo onorifico di dama: sebbene non possa essere ufficialmente chiamata Dame Angelina, può usare le iniziali DCMG dopo il suo nome.

La Jolie non ha ricevuto quest'incredibile onore per le sue capacità di recitazione, come già specificato in precedenza, bensì per i suoi sforzi, su scala globale, utili per tentare di porre fine alla violenza sessuale contro le donne. Pochissimi altri americani sono stati onorati dalla Regina con lo stesso titolo: il regista Steven Spielberg è stato insignito del titolo di cavaliere onorario nel 2006 per il suo contributo all'industria cinematografica secondo ABC News.

Angelina Jolie si è detta onorata dal riconoscimento conferitole da Elisabetta II del Regno Unito e durante un'intervista di Entertainment Tonight ha dichiarato: "Ricevere un onore legato alla politica estera significa molto per me, poiché è ciò a cui desidero dedicare la mia vita lavorativa. Tentare di prevenire la violenza sessuale e, soprattutto, lavorare a diretto contatto con persone sopravvissute ad uno stupro è di per sé un onore per me."