2 Fast 2 Furious: perché Vin Diesel non è comparso nel film?

Dopo l'enorme successo del primo Fast and Furious, Vin Diesel decise di non partecipare al secondo film della saga, ecco perché.

NOTIZIA di 23/03/2020

L'assenza di Vin Diesel in 2 Fast 2 Furious è stato uno dei piccoli grandi misteri della saga action. Dopo l'enorme successo del primo film, Fast and Furious, che ha praticamente lanciato l'attore in cima alla vetta degli interpreti più amati di Hollywood, la sua decisione di non partecipare al secondo capitolo è sembrata quanto meno bizzarra, ma c'era un buon motivo.

Fast & Furious 7: Vin Diesel e Paul Walker sul fiume
Fast & Furious 7: Vin Diesel e Paul Walker sul fiume

Il regista Rob Cohen notò Vin Diesel in Pitch Black e lo trovò subito perfetto per il suo film in fase di sviluppo, il primo celebre Fast and Furious. L'attore fu convinto a partecipare al film, ma avendo dei seri dubbi sulla sceneggiatura obbligò la produzione a modificare il personaggio di Dominic Toretto, modellandolo in prima persona.

Il coinvolgimento di Diesel in fase di realizzazione dello script ebbe risultati decisamente positivi, ma la medesima perplessità sulla scrittura tornò a dare problemi anche con il secondo film del franchise. Nonostante fossero stati offerti all'attore ben 25 milioni di dollari per tornare nel ruolo di Dom, Diesel preferì tornare in scena con il sequel di Pitch Black, The Chronicles of Riddick.

Fast and Furious: Dave Bautista, no allo spinoff "Preferisco fare bei film"

Il motivo per cui Vin Diesel non compare in 2 Fast 2 Furious è legato proprio alle divergenze sulla sceneggiatura, come spiegato a #legend: "Avevo iniziato a pensare al primo Fast and Furious come se fosse un classico, in stile Gioventù bruciata. Se lo avessimo 'sequelizzato' nel modo in cui gli studios lo stavano facendo in quegli anni, semplicemente mettendo insieme una storia in modo forzato, avrei tolto al primo film la possibilità di diventare un classico."
La star avrebbe infatti preferito un secondo capitolo della storia maggiormente legato dal punto di vista narrativo e che desse spazio, in qualche modo, alle origini dei protagonisti. L'attore tornò poi brevemente nel finale di The Fast and the Furious: Tokyo Drift, ma riprese seriamente in mano il personaggio soltanto con Fast and Furious - Solo parti originali, per il quale venne richiesto, e concesso, anche un ruolo da produttore, per evitare problemi di script come negli anni precedenti.