Solo cose belle

2018, Commedia

3.6
Solo cose belle (2018)
Genere
Durata
Regista
Uscita ITA

Benedetta, sedicenne figlia del sindaco di un piccolo paese riminese, incontra e fa amicizia con un ragazzo della "casa-famiglia" guidata da un uomo di chiesa e che ha accolto persone bisognose d'aiuto, tra cui una coppia appena sbarcata in Italia, un'ex prostituta con la figlioletta, un paio di disabili e un giovanissimo ex detenuto. Attraverso i suoi occhi Benedetta ci guida in un questo mondo ai margini dove tutti sembrano essere "sbagliati" ma in realtà sono soltanto davvero umani.

Perché ci piace
  • Per la capacità di parlare al maggior numero di persone possibili adottando uno stile popolare, che pure non rinuncia a una certa presenza autoriale.
  • Per la semplicità di una storia, che sa evitare la falsa retorica e le esagerazioni.
  • Per la leggerezza con cui il film affronta il tema del diverso, degli ultimi e dell’accettazione dell’altro.
  • La vera forza è il solido lavoro di scrittura che permette alla storia e ai personaggi di risultare autentici e reali.
Cosa non va
  • Un finale un po’ troppo conciliante, ma in linea con un film volutamente popolare.

News e articoli


Solo cose belle, la recensione: Un manifesto sull’accoglienza

6 settimane fa

Le vostre recensioni


Mostra i vecchi commenti