La dolce arte di esistere 2014

2.5/5
2.0/5
Locandina di La dolce arte di esistere

La dolce arte di esistere è un film di genere Drammatico del 2014 diretto da Pietro Reggiani con Francesca Golia e Anita Kravos. Durata: 96 min. Distribuito in Italia da Adagio Film. Paese di produzione: Italia.

Trama

La trama di La dolce arte di esistere (2014). L'invisibilità psicosomatica: una strana patologia, che porta le persone con disagi di relazione, in certe situazioni, a diventare letteralmente invisibili. Roberta, una ragazza che scompare se nessuno le dà attenzione, incontra Massimo, un ragazzo ansioso che, al contrario, scompare se sente attenzione su di sé. Dall'infanzia dei protagonisti, scopriamo l'origine delle loro opposte patologie, il loro affacciarsi al mondo adulto e la loro storia d'amore, ardua visto che i due faticano a restare visibili nello stesso momento; il racconto sarà anche occasione per una sorta di excursus surreale su certi aspetti della nostra società contemporanea.

Recensione

A qualche mese dal cine-comic tutto italiano di Gabriele Salvatores, Il ragazzo invisibile, un altro regista, lontano anni luce dallo stile cinematografico del Premio Oscar ma non per questo meno interessante e degno di nota, decide di raccontare il disagio giovanile contemporaneo attraverso la "tematica" l'invisibilità. Pietro Reggiani scrive e dirige La dolce arte di esistere a otto anni dal suo personale capolavoro L'estate di mio figlio, consegnando al pubblico un lungometraggio borderline tra favola e dramma dove la magia e la realtà si incontrano in una storia d'amore surreale ma verissima. Una voice over invadente Massimo ...

Leggi la recensione completa di La dolce arte di esistere (2.5 stelle su 5)

Perché ci piace

  • La fantomatica tematica dell’invisibilità psicosomatica è un geniale punto di partenza per la storia raccontata da Pietro Reggiani.
  • La dolce arte di esistere è un film borderline tra favola e dramma dove la magia e la realtà si incontrano in una storia d'amore surreale ma verissima.

Cosa non va

  • Il film risulta troppo lungo per quello che in realtà racconta tanto da far pensare che sarebbe stato meglio usare il plot per un cortometraggio.
  • Il film ha in sè una parte documentaristica dove una voice over (Carlo Valli) racconta la patologia immaginaria dell’invisibilità psicosomatica risultando, però, eccessivamente invadente.

Cast

Francesca Golia Roberta
Anita Kravos Anita Kravos Madre di Roberta
Rolando Ravello Rolando Ravello Vincenzo
Salvatore Esposito Salvatore Esposito Saverio
Francesca Cuttica Federica
Claudia Amato Roberta bambina
Edoardo Olivieri Massimo bambino
Pietro Bontempo Padre di Roberta
Asya Pignanelli Roberta ragazza
Anna Ferraioli Ravel Cecilia

Vai al cast completo di La dolce arte di esistere

Video

Vai a tutti i video

Immagini e foto

Vai alla galleria completa

Home Video

dvd

La dolce arte di esistere
2016 - CG Entertainment
Contiene 1 Ora e 36 Minuti di contenuti su 1 Disco.

Tutti gli home video

News e articoli

  • La grande scommessa, Point Break, Perfect Day, Irrational Man e i voti del mese in homevideo - Parte 2

    La grande scommessa, Point Break, Perfect Day, Irrational Man e i voti del mese in homevideo - Parte 2

    L'intenso thriller finanziario dal supercast, il remake a tutta adrenalina, la guerra fra tragedia e humour e il film di Woody Allen al centro della seconda parte della rubrica homevideo. E poi ancora l'orrore natalizio Krampus e quello acquatico Shark Lake, la bizzarra divinità di Van Dormael e i direct to video A spasso nel bosco e Sballati per le feste. Quindi cartoon con Doraemon, i The Pills scansafatiche e un paio di commedie tra ansia e inadeguatezza.

  • La dolce arte di esistere: l'insostenibile leggerezza del non essere secondo Pietro Reggiani

    La dolce arte di esistere: l'insostenibile leggerezza del non essere secondo Pietro Reggiani

    Lui ha una fragilità che lo rende invisibile davanti a qualsiasi rapporto umano e lei, al contrario, ha un tale vuoto interiore che, se nessuno le infonde vita, scompare. Loro sono Massimo e Roberta i protagonisti del nuovo lungometraggio di Pietro Reggiani che per l'occasione inventa una patologia - invisibilità psicosomatica - sulla quale costruisce una storia d'amore e solitudini.

  • Lo Spiraglio: Sergio Castellitto ospite del festival

    Lo Spiraglio: Sergio Castellitto ospite del festival

    Eventi speciali, corti e lungometraggi con tema la salute mentale al MAXXI dal 9 all'11 aprile. Tra i premiati, il regista e attore Sergio Castellitto.

  • La dolce arte di esistere: l’incontro col regista Pietro Reggiani

    La dolce arte di esistere: l’incontro col regista Pietro Reggiani

    Secondo Pietro Reggiani l'invisibilità non è unicamente frutto della magia, anzi. Esiste, nell'immaginario del regista, una forma d'invisibilità, chiamata psicosomatica legata alla presenza o assenza di eccessive attenzioni. L'ultimo lavoro del cineasta veronese, La dolce arte di esistere, è basato proprio su questa fantomatica malattia dell'anima che nel film è metafora del male di vivere.

  • La dolce arte di esistere, ecco una clip del film di Reggiani

    La dolce arte di esistere, ecco una clip del film di Reggiani

    Pietro Reggiani torna dietro la macchina da presa per la sua seconda regia, dopo il successo ottenuto al Tribeca e Montreal con L'estate di mio fratello.

  • Non scomparire: concluse le riprese

    Non scomparire: concluse le riprese

    Ultimata la lavorazione del secondo lungometraggio di Pietro Reggiani interpretato da Rolando Ravello e Anita Kravos.