Dane DeHaan su ZeroZeroZero: “Nel traffico di cocaina non ci sono buoni”

Intervista video a Dane DeHaan, tra i protagonisti della prima stagione di ZeroZeroZero: da figlio di papà tenuto all'oscuro dei traffici loschi di famiglia a boss criminale.

INTERVISTA di 06/03/2020
Zerozerozerodane Dehaan Venezia 2019
ZeroZeroZero: Dane Dehaan a Venezia 2019

La prima stagione di ZeroZeroZero, serie creata da Stefano Sollima a partire dall'omonimo romanzo di Roberto Saviano, sta per concludersi: il 6 marzo, su Sky Atlantic HD andranno in onda gli ultimi due episodi (otto in tutto).
Ambientata in tre diversi continenti, la vera star della serie sono 16 milioni di dollari di cocaina che intrecciano le vite di diverse famiglie, compresa quella dei Lynwood: apparentemente irreprensibili imprenditori americani che lavorano nei trasporti, in realtà corrieri di droga, che stringono un affare con i La Piana, criminali calabresi.

ZeroZeroZero, la recensione degli episodi 1x01 e 1x02: la cocaina non dorme mai

Zerozerozero 5
Zerozerozero: una scena con Dane DeHaan

Il più giovane dei Lynwood è Chris, interpretato da Dane DeHaan: tenuto all'oscuro dei traffici di famiglia, il giovane in realtà sa tutto e non vede l'ora di entrare nel business. Ne abbiamo parlato proprio con l'attore, incontrato al Lido di Venezia, in occasione della 76esima Mostra Internazionale del cinema di Venezia, dove la serie è stata presentata in anteprima mondiale.

La video intervista a Dane DeHaan

Stefano Sollima su ZeroZeroZero: "Di nuovo con Saviano, Sky e sopratutto i Mogwai: sono un loro grande fan"

Nel traffico di cocaina nessuno è buono, anche se è gentile

Dsc04156
ZeroZeroZero: un'immagine del sesto episodio

Tutte le famiglie raccontate in ZeroZeroZero sono complicate e quella dei Lynwood non fa eccezione: "Più le famiglie sono complesse, più sono interessanti e adatte a un film" ci ha detto Dane DeHaan, proseguendo: "Chris, il personaggio che interpreto, è una persona molto complessa: vuole assolutamente essere coinvolto nel business di famiglia, desidera l'amore e il rispetto di suo padre e vuole guadagnarselo. Il padre però ha paura di coinvolgerlo: lo tratta come un uccellino fragile, perché Chris è affetto dalla malattia di Huntington, una patologia genetica degenerativa. Sua madre è morta e tutti sanno che cosa succederà al mio personaggio: per questo suo padre non gli lascia vivere la vita come vorrebbe."

Roberto Saviano su Zero Zero Zero: "Raccontiamo la criminalità attraverso diversi tipi di famiglia"

L'orologio della vita di Chris dunque va avanti più velocemente: il ragazzo è, secondo il suo interprete, la rappresentazione in carne e ossa del proverbio latino "carpe diem": "È importante essere presenti: è importante capire che persona si è e fare ciò che ami nella vita. Devi trovare la tua personale verità e vivere la vita che vuoi."

De Domenico e Chiaramida, boss in ZeroZeroZero: "Anche nel crimine la conoscenza è potere"

Zerozerozero 4
Zerozerozero: una scena della serie

Per Chris seguire la propria verità implica però andare nel Lato Oscuro: "Beh, tutti stiamo spedendo cocaina: non ci sono i buoni!" ci ha detto sorridendo DeHaan, spiegando meglio: "È una delle cose belle della serie: non ci sono buoni, siamo tutti cattivi, anche se siamo gentili. Facciamo cose molto illegali. Il mio personaggio fa un percorso selvaggio: la star della serie sono i 16 milioni di dollari di cocaina sulla nave e il mio personaggio è legato a loro. Il nostro viaggio è abbastanza folle."