This Is Us 5, la recensione: torna l’epopea familiare che gioca col tempo (e con le emozioni del pubblico)

La nostra recensione di This Is Us 5, i nuovi episodi della quinta stagione del family drama creato da Dan Fogelman dal 14 aprile su Fox Italia, in cui fanno capolino la pandemia e il black lives matter.

RECENSIONE di 14/04/2021

Pieno di buone intenzioni, ben realizzato e ben recitato, anche dal punto di vista della struttura il pilot di This Is Us funziona, forse pure troppo: ci porta dalle premesse alla chiusura del cerchio in maniera pulita e soddisfacente, con tanto di twist a effetto, dando però l'impressione di aver "bruciato" e reso inutilizzabile per il futuro la sua idea narrativa fondante.

This Is Us 5 Susan Kelechi Watson Sterling K Brown
This is Us 5: una foto di scena della quinta stagione

Queste erano le parole con cui descrivevamo il pilot di This Is Us cinque anni orsono, la serie che arrivava nei palinsesti NBC probabilmente non consapevole del successo mondiale che avrebbe ottenuto, tanto da aggiudicarsi un rinnovo multiplo di tre stagioni (evento rarissimo per un drama sulla tv generalista) e arrivare (per il momento) a quota cinque annate da 18 episodi ciascuna. Quindi scrivendo anni dopo questa recensione di This Is Us 5, che torna con i nuovi episodi della quinta stagione dal 14 aprile su Fox Italia, è un vero piacere realizzare che il creatore Dan Fogelman abbia saputo non solo non bruciarsi proprio niente, ma anzi riesca ancora a sorprenderci dopo tanto tempo. Ripercorriamo insieme la storia dei Pearson per capire come hanno saputo reinventarsi, ancora una volta, allacciandosi al presente che stiamo vivendo.

IN PRINCIPIO ERANO I BIG THREE...

Tiu 5Azc03 Nup 192228 0006
This is Us 5: un'immagine della serie

This Is Us ci presentava quattro personaggi accomunati da un fatto: la data di nascita. A fine pilot avremmo scoperto che si trattava dei membri della stessa famiglia ma in epoche diverse. Il padre Jack (Milo Ventimiglia, nel 1980) e i suoi tre figli (i cosiddetti "big three" Kevin, Kate e Randall, nel presente 36 anni dopo), due gemelli e uno adottato il giorno della nascita dopo essere stato abbandonato ad una caserma dei pompieri. Da quel momento in poi è stato chiaro che la peculiarità di questa serie, che rinverdiva un genere che si pensava non avesse più niente da dire come il family drama, sarebbe stata il saltare continuamente da un piano temporale all'altro - con dei raccordi sempre pensati e studiati. L'obiettivo del creatore Dan Fogelman, reduce dalle comedy e ora re dei drama? Raccontare quella che di fatto si è dimostrata un'epopea familiare che ha attraversato epoche, tematiche, plot twist e vicissitudini fino ai giorni nostri. La serie poi è diventata a tutti gli effetti "il Lost dei family drama" passando dai flashback ai flashforward e quindi mostrandoci anche uno stralcio di futuro dei Pearson, e giocando con la componente mystery per tenere viva l'attenzione del pubblico su quanto sarebbe accaduto tanto nel passato quanto nel futuro.

This Is Us: la nuova serie NBC commuove e sorprende

GIOCARE COL TEMPO E LE EMOZIONI DEL PUBBLICO

Tiu 5Azc03 Nup 192228 0014
This is Us 5: un'immagine della quinta stagione

Spesso This Is Us è stata additata come una serie "ruffiana" che mostrava in modo artificioso le emozioni del pubblico, che giocava con esse, plasmandole a immagine e somiglianza di chi stava dall'altra parte dello schermo. Sempre sul labile confine fra stucchevole e veritiero nel raccontare le emozioni e i rapporti tra fratelli e sorelle, tra genitori e figli. Questo perché ha saputo creare, in fase di scrittura prima e con un casting tra i migliori di sempre poi, dei personaggi a tutto tondo, sfaccettati, complessi, pieni di contraddizioni e imperfetti proprio come nella vita vera. Allo stesso tempo ha forgiato una delle coppie più amate delle serie tv, Jack e Rebecca, tra le più solide nei loro alti e bassi e con la maggior chimica di sempre, grazie ai volti di Milo Ventimiglia e Mandy Moore. Questo anche nelle versioni dei vari protagonisti negli anni, invecchiati o ringiovaniti col trucco solo quando appariva sensato farlo, e negli altri casi scegliendo attori dell'età appropriata.

Le serie tv ai tempi del Covid-19: come la tv generalista affronta la pandemia

...OGGI È (ANCHE) LA PANDEMIA

This Is Us 5 Caitlin Thompson Justin Hartley
This is Us 5: Justin Hartley, Caitlin Thompson in una scena

Da sempre attento all'attualità e alle tematiche che il suo cast variegato può portare alla narrazione, Fogelman ha saputo ancorarsi senza forzature, ma in modo naturale, alla realtà che stiamo vivendo. Nei nuovi episodi della quinta stagione arriva quindi la pandemia nelle vite dei personaggi. Kevin (Justin Hartley, nel ruolo della vita come lui stesso lo ha definito) deve affrontare la gravidanza di Madison (Caitlin Thompson) e soprattutto capire come questa si inserisca nella sua caotica vita di attore, mentre sono andati a convivere col pretesto del Covid. Una storia che permette allo show di affrontare il tema della bulimia, già accennato per il personaggio quando conobbe Kate, e ricordarci quanto l'aura di Jack pesi ancora sui suoi tre figli, su Kevin forse più di tutti. A proposito di Kate (Chrissy Metz), anche lei deve affrontare un possibile secondo bambino in arrivo con Toby (Chris Sullivan) e un segreto dal passato mai rivelato a nessuno.

This Is Us 5 Sterling K Brown
This is Us 5: Sterling K. Brown in una scena

Infine il personaggio di Randall (Sterling K. Brown), essendo afroamericano, permette agli autori di affrontare la tematica del black lives matter dal punto di vista familiare e non, come è accaduto in altre serie, procedurale/poliziesco: cosa significhi intimamente per lui e per la famiglia, in primis la moglie Beth (Susan Kelechi Watson), e cosa abbia significato negli anni doversi tenere dentro molti atteggiamenti per non "destabilizzare" l'equilibrio familiare "bianco" dei Pearson. Randall continua a intraprendere un percorso di auto consapevolezza, anche delle proprie origini, con nuovi scioccanti rivelazioni sul suo passato. Kevin e Randall sono ai ferri corti, lo ricordiamo, dopo una discussione in cui sono volate parole molto dure in seguito alla decisione della madre Rebecca di andare ad affrontare il trial clinico... anche se ora è bloccata con Miguel (Jon Huertas) al capanno di famiglia, per via del Covid-19, e sono tutti costretti a sentirsi tramite videochiamate grazie alla tecnologia.

Noi, al via le riprese dell'adattamento di This Is Us, con Lino Guanciale

"NOI" ITALIANI

This Is Us 5 Mandy Moore Milo Ventimiglia
This is Us 5: Mandy Moore e Milo Ventimiglia in un'immagine della stagione 5

Proprio per tutti i motivi sopra elencati e in parte analizzati, non possiamo non chiudere la recensione di This Is Us perplessi, ma non pregiudizievoli, sull'adattamento italiano annunciato per la serie, Noi, 12 puntate da 50' per Rai1, proprio per la sua natura originale e peculiare che, se ripresa pedissequamente, non potrebbe ottenere l'effetto sperato (un po' lo stesso problema dell'Utopia americano rispetto a quello inglese). Diretta da Luca Ribuoli e scritta da Sandro Petraglia, Flaminia Gressi e Michela Straniero, prodotta da Cattleya in collaborazione con Rai Fiction, la controparte italiana avrà Lino Guanciale e Aurora Ruffino nei panni di Pietro e Rebecca, una giovane coppia che affronta la sfida di crescere tre figli e di Claudio (Dario Aita), Caterina (Claudia Marsicano) e Daniele (Livio Kone) che cercano la propria strada verso la felicità. Nel anche Angela Ciaburri, Leonardo Lidi, Flavio Furno, Timothy Martin, Francesca Agostini, Liliana Fiorelli, Giordana Faggiano e Massimo Wertmüller.

Conclusioni

A chiusura di questa recensione di This Is Us 5 siamo fieri che la tv generalista statunitense possa portare ancora prodotti di questo livello, che nulla hanno da invidiare alle grandi produzioni via cavo e streaming multimilionarie, dato che spesso ci dimentichiamo che la principale forza della serialità sta nella scrittura, nella semplicità della storia raccontata e poi resa complessa dalla bravura della writers room prima, e di cast e crew poi. Dal creatore agli sceneggiatori, agli interpreti, ai direttori del casting, al trucco e parrucco, tutti hanno contribuito a rendere This Is Us “il Lost dei family drama” e una delle serie più originali degli ultimi anni, che ha saputo rimanere fedele a se stessa pur reiventandosi sempre, continuamente, inserendo infine anche la pandemia nella propria trama senza forzature e sbavature.

Movieplayer.it

4.5/5

Voto medio

3.6/5

Perché ci piace

  • L’attenzione all’attualità mai prepotentemente inserita, tanto con la pandemia quanto col il black lives matter, questa volta visto dal punto di vista familiare e non procedurale.
  • L’aver saputo reinventarsi ancora una volta con alcune trovate temporali originali per raccontare ancora storie inedite sui Pearson.
  • Il casting perfetto che continua a sorprendere.

Cosa non va

  • La serie potrebbe sembrare “ruffiana” per come gioca con i sentimenti del pubblico, ma un occhio più attento scorgerà l’incredibile costruzione temporale dell’intero impianto narrativo dello show.