Serena Rossi conquista la stagione cinematografica 2017: “Adesso vorrei fare un ruolo drammatico”

Serena Rossi ha ricevuto a Sorrento, durante la 40esima edizione delle Giornate Professionali di Cinema, il Biglietto d'oro per la sua interpretazione in Ammore e malavita. Tra musica, risate, amore per il cinema e per suo figlio, l'attrice ci ha confessato di voler affrontare un ruolo drammatico grazie a cui esprimere il lato più oscuro di se stessa.

Ammore e Malavita: Giampaolo Morelli e Serena Rossi in una foto

Fin dal primo ruolo che le ha donato grande popolarità, Carmen Catalano nella soap Un posto al sole, Serena Rossi ha dimostrato di possedere due grandi qualità: una splendida voce e un sorriso contagioso. Il suo entusiasmo, la simpatia e la bravura l'hanno portata a passare con disinvoltura dalla televisione al cinema, passando per il teatro.

Leggi anche: Ammore e malavita: il musical dei Manetti Bros. colpo di fulmine e di pistola

Conduttrice dello show di Rai 1 Celebration, protagonista del musical Ammore e malavita dei Manetti Bros., presentato in concorso all'ultima Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, ora in sala con la commedia dei fratelli Vanzina Caccia al tesoro e presto di nuovo voce della principessa Anna nel corto Disney Frozen - Le avventure di Olaf, che accompagnerà il lungometraggio Coco , nelle sale italiane dal 28 dicembre, Serena Rossi ha vissuto un anno d'oro, premiato con il Biglietto d'oro alla 40esima edizione delle Giornate Professionali di Cinema di Sorrento.

Leggi anche: Ammore e Malavita, Giampaolo Morelli e Serena Rossi: "La vita è come gli spaghetti con le vongole"

Caccia al tesoro: Serena Rossi, Vincenzo Salemme e Carlo Buccirosso in un momento del film

Proprio nella città campana abbiamo incontrato l'attrice, che ci ha detto di essere felicissima dei successi raggiunti: "È stato un vortice di mille cose, tutte diverse fra loro, ognuna delle quali mi ha portato strizza, paura, adrenalina e poi soddisfazione. Grande felicità accompagnata da un po' di stanchezza da mamma: un bimbo piccolo, le mamme lo sanno, ti dà tantissima energia, però te ne prosciuga anche un po'. Ma è anche grazie a Diego, il mio piccolino, se quest'anno è stato così magico: si dice che i bimbi portino fortuna e secondo me è vero".

Leggi anche: Frozen - Le avventure di Olaf, un breve divertimento per tutta la famiglia

Nel futuro un ruolo drammatico e fiducia nel pubblico

Song 'e Napule: Uno scatto di Serena Rossi al Festival di Roma 2013

Tanta commedia e musica nel curriculum di Serena Rossi: per il futuro c'è il desiderio di un ruolo drammatico, magari anche negativo? "Mi piacerebbe fare una cosa drammatica, per poter tirar fuori la parte oscura che c'è in me, perché c'è, come in tutti. Magari chi mi conosce superficialmente pensa che io sia sempre felice perché sorrido spesso, e invece no, ognuno di noi ha una parte buia e mi piacerebbe tirarla fuori. Sarebbe una cosa difficile e molto faticosa, ma anche molto stimolante". Non ha paura che il pubblico, abituata a vederla in ruoli sempre positivi, possa rimanere disorientato da un ruolo più inquietante? "L'attore interpreta qualcosa che è al di fuori di sé, lontano da sé: fare sempre le stesse cose, o solamente personaggi positivi, sarebbe noiosissimo e poco stimolante. Il pubblico secondo me è pronto, a volte anche sottovalutato: il pubblico acchiappa tutto e vede tutto e secondo me capirebbe. Se poi fai un personaggio negativo e il pubblico ti odia vuol dire che hai fatto bene il tuo lavoro".

Leggi anche: Caccia al tesoro: Salemme, Buccirosso e Serena Rossi cercatori di risate per i Vanzina

La nostra intervista a Serena Rossi

Serena Rossi conquista la stagione...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Ammore e Malavita, Giampaolo Morelli e Serena Rossi: "La vita è come gli spaghetti con le vongole"
Caccia al tesoro: Salemme, Buccirosso e Serena Rossi cercatori di risate per i Vanzina