Maria Maddalena

2017, Drammatico

Maria Maddalena: Rooney Mara, Joaquin Phoenix e la forza della fede

Visivamente affascinante grazie alla messa in scena di Garth Davis, Maria Maddalena è un lavoro fin troppo superficiale e didascalico. Ben lontano dall'essere stimolante o appassionante, nonostante le apprezzabili prove dei due attori statunitensi.

Raccontare con il linguaggio delle immagini in movimento la figura di Gesù non è mai stata impresa facile e, nel corso dei decenni, in molti hanno fallito nel tentativo di trasporre la sua storia sul grande o sul piccolo schermo, eccedendo nella retorica e optando per un approccio agiografico. Dopo il buon esordio dietro la macchina da presa di due anni fa con Lion - La strada verso casa, appassionante storia vera di un venticinquenne indiano adottatto in Australia alla ricerca della propria famiglia d'origine, Garth Davis in Maria Maddalena mostra gli ultimi giorni di vita di Gesù concentrandosi in particolare sulla fidata discepola, come si evince chiaramente dallo stesso titolo del film.

Leggi anche: Lion: l'intensa storia di Saroo e la strada verso casa

Mary Magdalene: Rooney Mara in una foto del film

Maria Maddalena e la ricerca dell'identità

Maria Maddalena: Rooney Mara in un momento del film

33 d.C., Galilea. Maria Maddalena, la cui vita caratterizzata da una forte spiritualità è costantemente tesa alla ricerca del divino, non ha alcun desiderio di sposarsi come impostole dalle rigide regole sociali. Visto l'atteggiamento alquanto inusuale e il disinteresse nei confronti degli uomini, i familiari credono che la giovane donna sia posseduta dal demonio e decidono infine di costringerla ad accettare il matrimonio con un uomo del luogo. L'arrivo a Magdala di Gesù di Nazareth però cambierà ogni cosa: affascinata dalle parole del predicatore e dalle sue miracolose abilità di guaritore, Maria Maddalena deciderà con coraggio di assecondare la propria vocazione lasciando il villaggio e seguendo Gesù e gli apostoli nel loro viaggio verso Gerusalemme.

Leggi anche: I volti di Cristo sul grande schermo: 10 film fra storia, religione e parodia

Una sceneggiatura non all'altezza

Maria Maddalena: Joaquin Phoenix in una scena del film

Nel focalizzarsi su Maria Maddalena, il film di Garth Davis cerca di proporre un approccio diverso, più originale del solito, all'ultimissima parte della vita di Gesù, il quale ci viene costantemente mostrato attraverso gli occhi della donna. Per quanto nella sostanza riesca ad evitare il ricorso alla retorica, il film soffre però di un didascalismo e ancor più di una superficialità che, considerati i temi universali in gioco, finiscono per renderlo molto meno interessante di quanto sulla carta avrebbe potuto essere. La forza del pensiero di Gesù e il rapporto tra lui e Maria Maddalena non vengono mai adeguatamente approfonditi; lo stesso vigoroso impulso all'emancipazione della donna, le proprie inquietudini e speranze, la sua visione del mondo, alla resa dei conti emergono in maniera debole. L'intenzione delle due sceneggiatrici probabilmente era quella di proporre Maria Maddalena come una sorta di femminista ante litteram, ma nel film c'è davvero troppo poco per condurre lo spettatore a una stimolante riflessione in tal senso.

Leggi anche: Joaquin Phoenix e Rooney Mara: è amore tra le due star?

La messa in scena suggestiva, Rooney Mara e Joaquin Phoenix

images/2018/03/14/mm_day6_1v6a5551jpg_press_image_4.jpg

Se i problemi di Maria Maddalena risiedono con evidenza nello script firmato a quattro mani da Helen Edmundson e Philippa Goslett (esordiente la prima, già co-sceneggiatrice de La ragazza del punk innamorato di John Cameron Mitchell la seconda), i protagonisti Rooney Mara e Joaquin Phoenix si sforzano per portare in scena nel modo più intenso possibile i rispettivi personaggi, fornendo comunque delle interpretazioni degne di nota.
L'aspetto in assoluto più riuscito del film è ad ogni modo quello visivo. Dopo il già citato Lion, il quarantaquattrenne regista australiano conferma le proprie qualità dietro la macchina da presa offrendo molte immagini suggestive e qualche sequenza piuttosto intrigante, come ad esempio quella dell'arrivo a Gerusalemme di Gesù in compagnia dei discepoli. La componente estetica, però, non può da sola risollevare le sorti di un film nel complesso piatto e freddo che, nonostante la scelta di privilegiare la figura di Maria Maddalena, non aggiunge nulla alla precedente produzione legata ai personaggi e ai temi affrontati.

Maria Maddalena: Rooney Mara, Joaquin Phoenix e...
Luca Ottocento
Redattore
2.5 2.5
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Lion: L'intensa storia vera di Saroo e la strada verso casa
I volti di Cristo sul grande schermo: 10 film fra storia, religione e parodia