Godzilla Minus One, la recensione: lo spaventoso ruggito del Re dei Mostri

Il nuovo film dedicato a Godzilla è un film grandioso, spettacolare e coinvolgente. Nonostante una distribuzione nelle sale italiane non all'altezza della situazione, Godzilla Minus One è un film da recuperare assolutamente.

Godzilla Minus One, la recensione: lo spaventoso ruggito del Re dei Mostri

C'è voluto qualche anno perché la Toho, la casa di produzione giapponese proprietaria del brand Godzilla, potesse mettere in cantiere un nuovo film con protagonista il colossale lucertolone atomico.
Ormai star hollywoodiana a tutti gli effetti grazie ai prodotti della Legendary, con tre film all'attivo, un quarto in arrivo e la nuovissima (e notevole) serie Monarch: Legacy of Monsters su Apple TV+, Godzilla sembrava ormai lontano dal panorama nipponico.

Godzilla Minus One 2
Godzilla Minus One: i primi avvistamenti del gigante

C'è voluto il settantesimo anniversario del primo, storico film di Ishirô Honda, del 1954, per riportare Gojira al "punto zero", anzi a un immaginario "meno uno", con un film grandioso e spettacolare, come vi raccontiamo in questa recensione, in cui il mito del Re dei Kaiju si rinnova con un'interpretazione classica e, allo stesso tempo, (post)moderna ed esaltante.

Giappone, meno uno

Godzilla Minus One 7
Godzilla Minus One: Godzilla arriva!

Siamo alle battute finali della Seconda Guerra Mondiale. Nonostante siano ormai sull'orlo della sconfitta, i vertici militari giapponesi ordinano ai loro soldati di continuare a combattere fino al sacrificio finale, per onorare il loro Paese e il loro Imperatore.
Il giovane pilota Koichi Shikishima (interpretato dalla star Ryunosuke Kaniki) è stato selezionato per diventare membro della Shinpu Tokubetsu Kogekitai, l'Unità Speciale d'Attacco del Vento Divino o, come sono più noti in Occidente, i piloti kamikaze.
Koichi però sceglie di non sacrificarsi e, fingendo un'avaria al proprio mezzo, fa ritorno su una base d'appoggio in un'isola del Pacifico. Qui, mentre è attanagliato dal senso di colpa e dalla vergogna, è costretto ad assistere all'assalto della postazione militare da parte di un mostruoso essere simile a un dinosauro, una creatura terrificante che gli abitanti dell'isola chiamano "Gojira". Mentre la bestia mostruosa sta facendo scempio della base e dei suoi membri, Koichi di nuovo non trova il coraggio per combattere e assiste impietrito alla morte dei suoi commilitoni.

Alla fine lui sarà l'unico sopravvissuto al massacro assieme al capo meccanico della base, che lo accuserà di aver provocato, con la propria codardia, la morte di tutti gli altri soldati.
A guerra finita, tornato finalmente in patria Koichi ritroverà solo le macerie della sua vita passata, in una Tokyo distrutta dai bombardamenti, con il tremendo peso di essere sopravvissuto in modo disonorevole e ossessionato dal trauma subito.
Quasi fortuitamente accoglierà in ciò che resta della sua casa una giovane donna e una neonata, Noriko e Akiko, entrambe rimaste senza nulla, e con loro proverà lentamente e faticosamente ad andare avanti, nonostante il peso del passato e il senso di colpa che lo tormentano siano insostenibili.

Godzilla Minus One 5
Godzilla Minus One: una scena di panico

Dopo aver trovato lavoro in una nave dragamine, Koichi si ritroverà però di nuovo faccia a faccia con il terrificante Godzilla, orribilmente mutato dagli esperimenti nucleari americani e diventato un essere potentissimo, titanico e inarrestabile, deciso a reclamare il Giappone come proprio territorio e a devastare tutto ciò che gli si para davanti.
Mentre il Governo Giapponese è incapace di prendere una qualunque decisione, e gli Stati Uniti e la Russia sono più preoccupati dalla Guerra Fredda che da questa nuova e incredibile minaccia, Godzilla scatenerà la sua terrificante furia su una Tokyo già devastata dalla guerra.
Nel tentativo di opporsi al Re dei Mostri, Keichi si unirà a un gruppo di civili per un ultimo, disperato scontro.

Oltre la distruzione

Godzilla Minus One 3
Godzilla Minus One: Godzilla devasta Tokyo

Godzilla Minus One è il trentasettesimo titolo della nutrita filmografia del Re dei Mostri.
Il titolo fa riferimento al passo indietro che l'apparizione del kaiju fa fare ad un Giappone già ridotto al "punto zero" dopo la guerra, e che subisce l'arrivo di questa entità distruttrice mentre sta provando una difficile ricostruzione.
La sceneggiatura del film, opera di Takashi Yamazaki, qui anche regista, è stata scritta nel pieno della pandemia Covid, e non è un caso che dal film traspaia un profondo malcontento e una evidente sfiducia nei confronti delle istituzioni e del Governo centrale, più intenzionato a tenere i cittadini all'oscuro della crisi per impedire il panico che a prendere qualunque decisione effettiva.

Abbandonati e delusi dai governanti e dallo stesso apparato militare, i cittadini giapponesi trovano la forza di opporsi e una nuova, flebile speranza solo grazie allo spirito di responsabilità e abnegazione per proteggere i loro cari e i loro vicini contro questa soverchiante minaccia.
Tornato alla prima, storica incarnazione distruttiva, qui Godzilla è, di nuovo, un mostro orribile e spietato, che porta solo dolore e devastazione. Di più: è quasi una rappresentazione metaforica del risentimento e del rancore delle vittime della guerra e della follia dell'umanità nei confronti dell'ambiente e di loro stessi, ed è anche la personificazione, sempre più gigantesca e furibonda, del senso di colpa che i sopravvissuti agli orrori della guerra, con il protagonista in prima linea, si portano dentro al ritorno a casa.

Godzilla Minus One 4
Godzilla Minus One: Godzilla insegue una dragamine

Ma, prima di ogni altra considerazione, Godzilla Minus One è un film spettacolare e bellissimo, diretto con mano ferma e solida da Yamazaki (autore conosciutissimo e apprezzato in patria), che riesce a coinvolgere lo spettatore trovando il giusto equilibrio tra umani e mostri (impresa che non sempre riesce ai film Legendary), tra i momenti più intimisti, intensi e anche cupi del difficile ritorno alla normalità dei sopravvissuti alla guerra, e le scene più spettacolari in cui Godzilla, qui con un look rinnovato, ancora più massiccio e giustamente mostruoso, scatena tutta la sua incredibile potenza.
Ci sono certamente rimandi evidenti sia al primo classico film, di cui questo Minus One è praticamente un remake, sia alle opere più recenti dell'era Millennium, sia anche alla filmografia di Steven Spielberg, da Lo squalo a L'impero del sole, ma il film di Yamazaki riesce a mantenere una sua identità unica e personale.

Buone le interpretazioni degli attori protagonisti, anche considerata la storica tendenza dei caratteristi giapponesi all'overacting. La colonna sonora, di Naoki Sato, è assolutamente strepitosa, degno accompagnamento, assieme a un ottimo comparto di effetti speciali, delle scene più spettacolari ed esaltanti (e ce ne sono parecchie, inclusa quella che è, a nostro avviso, la miglior versione del soffio atomico di Godzilla mai vista) così come di quelle più intense e drammatiche.
Chiudiamo con una nota di biasimo nei confronti della pessima distribuzione italiana: pochissime sale dedicate con, spesso, un solo spettacolo a disposizione, pochissimi giorni di programmazione e la sola versione in originale con sottotitoli.
Per un film di questa caratura, si poteva e doveva fare di più.

Conclusioni

Chiudiamo la recensione di Godzilla Minus One con un accorato appello: tentate di recuperarlo al cinema, se vi è possibile. Nonostante la poco capillare distribuzione italiana, si tratta di uno dei migliori film del genere e, più in generale, di un'esperienza visiva ed emotiva di grandissimo impatto sul grande schermo. Un film quasi perfetto che avrebbe meritato una programmazione nelle sale di tutt'altro livello.

Movieplayer.it
4.5/5
Voto medio
4.6/5

Perché ci piace

  • Ottimo equilibrio tra le vicende umane e l'apparizione del Mostro.
  • Esteticamente ed emotivamente travolgente.
  • Una nuova, indovinata, incarnazione del Re dei Mostri.
  • La miglior Vampa Atomica mai vista.

Cosa non va

  • Qualche passaggio di trama un po' troppo telefonato.
  • Non hanno ancora annunciato il sequel.