Gli Incredibili 2

2018, Animazione

Incredibili 2, Amanda Lear è Edna Mode: “Spero non aspettino altri 14 anni per il 3 o non ci sarò più"

Amanda Lear, Bebe Vio, Tiberio Timperi e Orso Maria Guerrini sono le voci italiane di Gli Incredibili 2, nuovo film Disney Pixar in cui ritroviamo la famiglia di supereroi. Dal 19 settembre in sala.

images/2018/07/13/incredibles_2_rgb-z095_25a_pubpub16207.jpg

Sono passati 14 anni dalla prima volta che abbiamo visto su un grande schermo i Parr in Gli Incredibili: in apparenza una normalissima famiglia americana, in realtà un gruppo di supereroi dotati dei poteri più incredibili, appunto. Papà Bob è Mr. Incredibile, dotato di una forza sovrumana, mamma Helen è Elastigirl, in grado di allungare il proprio corpo e fargli assumere qualsiasi forma, i figli Violetta e Flash hanno invece il dono dell'invisibilità e la supervelocità. E poi c'è il piccolo Jack-Jack, che è un caso a sé.

Leggi anche: Da Gli Incredibili 2 e Avengers 4 a Mary Poppins, il nuovo listino Disney

Da grandi poteri derivano grandi costumi: le pratiche tutine nere e rosse della famiglia Parr hanno una designer d'eccezione, Edna Mode, stilista con un debole per i supereroi. Doppiata in originale dal regista Brad Bird, nella versione italiana (e in quella francese) la voce di Edna è di Amanda Lear, che ha ripreso il personaggio anche in Gli Incredibili 2, nelle sale italiane dal 19 settembre, che ha presentato in anteprima a Roma insieme a Bebe Vio, Tiberio Timperi e Orso Maria Guerrini, che interpretano i personaggi Karen/Voyd, Chad e l'agente Rick Dicker: "All'inizio la trovavo bruttissima: ma è molto divertente e questo è il segreto del suo successo" ha detto Lear, proseguendo: "È ispirata a signore della moda come Anna Wintour. Amo questo personaggio: spero non aspettino altri 14 anni per fare il terzo, altrimenti non ci sarò più!".

images/2018/07/13/i2-rgb-z392_57_cssel162061.jpg

Anche se non è una femme fatale, Edna è molto più vicina a Lear di quanto non lo siano le principesse Disney: "Dalì aveva fatto il corto Destino, mi raccontava di Disney e mi sembrava interessante, quindi ho accettato con piacere di lavorare al primo film. Amo le cattive: se ci fate caso i cattivi sono sempre quelli truccati e vestiti meglio. Mi piace molto la regina cattiva di Biancaneve: Biancaneve è carina, ma sta sempre a cucinare e pulire per i Nani. Preferisco Malefica. Anche Edna in un certo senso è un po' così".

Leggi anche: Gli Incredibili 2: i character poster dei protagonisti

Doppiaggio e mondo Disney

images/2018/07/13/incredibles-2_rgb-z355_15_cs_pubpub16507.jpg

Per Lear il doppiaggio è una sfida: "Doppiare è difficile, perché i movimenti della bocca dei personaggi seguono la lingua originale, e l'americano è molto diverso dall'italiano, quindi bisogna riscrivere tutti i dialoghi per adattare i tempi. È difficile inoltre perché sei da solo: lavoro molto a teatro e quindi sono abituata al dialogo, ho sempre un partner che mi dà le battute, invece doppiando sei quasi sempre solo. Però è molto stimolante: e poi non bisogna truccarsi, andavo a registrare in jeans".

Bebe Vio, campionessa di scherma, è alla sua prima esperienza con il doppiaggio e si è divertita moltissimo a dare la voce a Voyd, giovane supereroina in grado di creare dei portali e spostare persone e oggetti: "Mi dicono sempre che parlo troppo veloce e finalmente in questo film ho potuto parlare velocissimo! Mi sono divertita molto. Come il mio personaggio, che ha il mito di Elastigirl, sono una super fan: anche io vado da persone che stimo e mi comporto in questo modo entusiasta. L'ultima volta mi è successo con Roger Federer: praticamente quando ho doppiato ho dovuto parlare come in quella occasione, dicendo Elastigirl al posto di Federer. Non sono un'attrice, è stato strano per me, per aiutarmi mi dicevano di immaginare delle cose, di gesticolare come il personaggio, ma non mi veniva molto! Praticamente quindi ho vissuto tre film diversi. È stato davvero molto divertente".

images/2018/07/13/i2-rgb-z101_130_cs_pubpub16n155.jpg

Entusiasta anche Tiberio Timperi: "Sono molto legato agli incredibili, il primo è di 14 anni fa ed è stato il primo film che ho visto insieme a mio figlio, che quest'anno fa proprio 14 anni. Adesso posso fare la ruota del pavone con i miei figli: ringrazio Massimiliano Manfredi per aver tirato fuori il meno peggio di me. È impressionante l'iperrealtà del film: i figli degli Incredibili vedono i cartoni con cui sono cresciuto io e per me è stato emozionante. Ha un grande impatto emotivo. Sono cresciuto a pane e Topolino e pane e Tex, tutti i fumetti di cui quelli del '64 potevano cibarsi: il problema è che le storie ormai non sono più di fantasia, sono molto più calate nella realtà, c'è quindi possibilità di una doppia lettura e può essere un momento per discutere con i propri figli, anche un momento di coesione se vogliamo. Certo mi ricordo storie come Paperone alla ricerca di una clessidra magica... non so se sia un bene o un male questo cambiamento. Prima usciva un cartone ogni morte di Papa, era tutto disegnato a mano. Amo il mondo Disney: sono un collezionista, ho anche acquistato, a caro prezzo, degli acetati. Ne corso degli anni ho potuto apprezzare l'evoluzione dei disegni e della qualità delle pellicole. Oggi possiamo vedere delle cose incredibili, appunto, e si fanno molti più film. Da appassionato spero sempre che nei blu-ray ci siano molti contenuti speciali. Gli Incredibili 2 non è ancora uscito in sala, ma io aspetto già il momento di guardare gli extra del blu-ray".

Leggi anche: Pixar: i 15 migliori film dello studio di Lasseter

Una famiglia in evoluzione

In Gli Incredibili 2, Helen prende in mano il destino di tutti "gli speciali", le persone dotate di poteri, mentre Bob, anche se inizialmente non è molto convinto, rimane a casa a badare ai figli, un cambiamento che rispecchia i tempi secondo Lear: "Questi sono temi importanti e nuovi per i cartoni animati: il padre che rimane a casa e la moglie che invece va in giro, Disney è molto attenta ai cambiamenti della nostra società".

Leggi anche: Da Inside Out a Coco: cosa ci ha insegnato la Pixar sulla vita, la morte e l'importanza di ricordare

images/2018/07/13/i2-rgb-z295_202bcssel16574.jpg

Anche per Vio il fatto che i protagonisti siano una famiglia è fonte d'ispirazione: "Noi siamo tre fratelli a casa, quindi mi sono rivista molto nel film: il fattore squadra l'ho sentito forte, forse perché sono un'atleta. Mi piace il fatto che la famiglia collabori come una squadra: arriva a tutti, tutti possono ritrovarcisi positivamente. Mi ha colpito molto anche il fatto degli schermi sempre più presenti: è vero, ormai viviamo sempre con il telefono in mano ed è difficile resistere alla tentazione di vedere che notifica ci è arrivata. Amo la tecnologia, sono letteralmente fatta di tecnologia: quando inventano un piede nuovo posso fare nuove cose e quindi per me è fondamentale. Inoltre come lavoro faccio il grafico, quindi sto sempre con l'iPad in mano. Quindi conosco sia il lato positivo che negativo della tecnologia: con i social si possono mandare anche un sacco di messaggi positivi, posso parlare di Onlus, invogliare le persone a fare sport. Dall'altro lato starci troppo può farci pensare che quella sia la realtà, ma non è così".

images/2018/07/13/i2_z321_117j_pubpub161390_final_rgb.jpg
images/2018/07/13/i2-cmyk-z392_46e_cs_pubpub16cmyk864.jpg

Anche Timperi è rimasto colpito da come viene raccontata nel film la presenza sempre più importante della tecnologia nelle nostre vite: "Se la tecnologia è al nostro servizio mi sta bene, altrimenti ho delle perplessità. Sono destabilizzato dalle auto che parlano: uno chiede alla macchina di accendere l'aria condizionata e sembra un deficiente, a quel punto è meglio premere un bottone. Di fatto noi abbiamo dato in pasto la nostra vita a signori che sanno tutto di noi ma noi non sappiamo niente di lui: quando facevo il giornalista se c'era un omicidio si andava a parlare con le persone, mentre oggi si va subito su Facebook. Sono nato analogico e morirò digitale".

Guerini invece ha un rapporto complicato con la tecnologia: "Sono dipendente dal passato, ma ho saputo adeguarmi: adesso so fare un bonifico online ma non un vaglia. La cosa che mi terrorizza è quando, su internet, mi chiedono una serie di informazioni che non ritengo idonea allo scopo. Poi ora ci sono le password, prima c'erano i numeri di telefono, e le password sono più complicate dei numeri: quindi è un bell'esercizio di memoria".

Leggi anche: Pixar: i 10 migliori corti dello studio

Superpoteri e supereroi

Inevitabile parlare di superpoteri: ognuno dei quattro doppiatori la pensa in modo diverso al riguardo: "Già camminare sui tacchi a spillo è una cosa notevole! Io vorrei essere invisibile: così non mi vedono e non ho bisogno di truccarmi" ha detto Amanda Lear, Guerini invece ha detto: "Non ne ho bisogno", mentre Timperi: "Vorrei volare: per evitare le buche della città". La più originale è Vio: "Vorrei dormire pochissimo tempo ma essere sveglia come se avessi dormito 10 ore. Sono iperattiva di mio e a volte dormire mi sembra uno spreco di tempo, anche se non è così".

images/2018/07/13/i2-rgb-z102_452_cs_pubpub16321.jpg

Dagli eroi dello schermo a quelli della vita di tutti i giorni: per Timperi i veri supereroi sono: "I magistrati che si sono immolati, i vigili del fuoco, i carabinieri che sacrificano il loro privato per gli altri". Per Vio invece: "Ho la fortuna di conoscere moltissimi supereroi nel mondo reale: i miei genitori hanno fondato una onlus per aiutare i bambini amputati, visto che lo stato non passa le protesi. Oggi siamo quasi 30 ragazzi, dai 6 ai 27 anni: per me sono loro dei supereroi, che sognano di correre dato che hanno sempre visto gli altri bambini correre, come Frank, che non ha una gamba, ma prova a correre lo stesso. Ammiro chi trova il suo modo per correre e se ne frega di quello che dicono gli altri: per me sono questi i supereroi".

Incredibili 2, Amanda Lear è Edna Mode: “Spero...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Coco: dipingere con i colori la musica dell’anima
Crescere con la Pixar: alla ricerca di se stessi con Nemo, Dory e gli altri piccoli eroi