Kirby Howell-Baptiste: “Un sequel di Crudelia? Ho più paura per gli umani che per i cani”

La video intervista a Kirby Howell-Baptiste, Anita in Crudelia, il film Disney con protagonista Emma Stone.

INTERVISTA di 02/06/2021
Crudelia Emma Stone 26
Crudelia: Emma Stone in una sequenza

Ne La carica dei 101 partiva tutto da lei: Anita Darling, proprietaria di Peggy, dalmata femmina grazie a cui conosce Rudy, proprietario del cane Pongo. In Crudelia invece, in sala dal 26 maggio e dal 28 maggio su Disney Plus (con accesso VIP), Anita comincia a farsi conoscere un po' di più verso la fine del film diretto da Craig Gillespie e con protagonista il premio Oscar Emma Stone.

Crudelia 16
Crudelia: Kirby Howell-Baptiste in una scena del film

In Crudelia Anita è compagna di scuola di Estella. Si perdono di vista e da adulte si rinovano: la ragazza che conosceva si è trasformata in una stilista senza scrupoli e dalla grande ambizione. Il film è una origin story e il finale si apre a eventuali sequel.

Abbiamo incontrato l'attrice Kirby Howell-Baptiste su Zoom e, senza pensarci nemmeno un secondo ha detto: "Accetterei subito di girare un sequel. Non vedo l'ora di sapere se si farà. Non abbiamo visto tutto di Anita e del suo rapporto con Crudelia. Per il futuro sono più preoccupata per gli esseri umani che per i cani."

La video intervista a Kirby Howell-Baptiste

Crudelia, la recensione: Emma Stone è come Vivienne Westwood nella Londra del punk

Crudelia e lo scontro generazionale

Crudelia
Locandina di Crudelia

In Crudelia la nuova generazione chiede alla vecchia di farsi da parte. Quanto è importante che la nuova generazione trovi il suo posto nel mondo?

Amo questa domanda: oggi assistiamo alla nascita di molti movimenti politici generati dai giovani. È sempre successo, ma ce lo scordiamo: Fred Hampton era un rivoluzionario ucciso a 21 anni. La maggior parte dei cambiamenti derivano dalle nuove generazioni. Penso che sia importante anche non ripetere gli errori delle generazioni precedenti. In questo film c'è la nuova generazione che porta il suo sguardo nuovo e fresco. Ma Crudelia non negherebbe mai che la sua più grande ispirazione sia La Baronessa. C'è uno scontro generazionale tra vecchio e nuovo. I loro punti d'incontro e di scontro totale costituiscono la drammaturgia del film.

Crudelia: essere o non essere villain

Crudelia dice che le persone hanno bisogno di un villain in cui credere. Pensi sia vero? A volte abbiamo bisogno di un antagonista per giustificare la nostra infelicità?

Sì, a volte è l'odio comune che unisce le persone. Tutti noi abbiamo odiato uno dei nostri superiori. In qualche modo unirsi contro ciò che non ci piace può creare comunità. La cosa bella di Crudelia è che comprende il potere dell'illusione: sa come manipolare le persone a suo vantaggio.

Emma Stone ed Emma Thompson su Crudelia: "Finalmente cattive!"

Cruella
Crudelia: Emma Stone nella prima foto del film

Crudelia in questo film è un personaggio molto più complesso e il tuo personaggio conosce un altro aspetto di lei. Cosa rende tale un villain? L'antagonista della mia storia potrebbe essere l'eroe della tua.

Sono d'accordo al 100%: mi faccio la tua stessa domanda. Sono cresciuta amando Crudelia De Mon. Anche se tutti dicevano che è una villain non la vedevo in questo modo Mi ha sempre affascinato molto, non avevo mai visto un personaggio femminile così in un film destinato ai bambini. La trovavo diversa. Forse ciò che rende un villain tale, e succede spesso tra Crudelia e La Baronessa, è riconoscere in un altro qualcosa di te. In questo caso è l'ambizione: Crudelia è ambiziosa come La Baronessa. La differenza è che La Baronessa non si cura di chi ha intorno. Penso che questo sia uno degli aspetti più distintivi dei villain: l'ambizione cieca e non pensare agli effetti collaterali.

Crudelia, il regista Craig Gillespie: "I villain sono più divertenti da raccontare"

Crudelia Emma Stone 30
Crudelia: Emma Stone con la giacca di pelle nera e i guanti

La Baronessa dice a Crudelia che la gratitudine è per i perdenti. Sei d'accordo con lei o no?

Non sono d'accordo e trovo sia fantastico che esca dalla bocca della Baronessa perché trovo tutto ciò che fa molto divertente. Penso che la gratitudine sia bellissima. Sono grata di aver preso parte a questo film. È proprio una battuta da Baronessa e non di Emma Thompson.

Artie dice a Crudelia che "normale" è l'insulto più crudele di tutti. Pensi sia vero, oggi "normale" è quasi un insulto?

È interessante: per molto tempo ci hanno detto che dovevamo conformarci per essere normali. Ora ci rendiamo conto che la normalità non esiste. Siamo tutti diversi, ognuno è un individuo a sé. Insieme siamo più forti quanto più siamo autentici individualmente. Credo che nessuno sia normale. Ognuno può fare come vuole, non c'è nessuno davvero normale.

Crudelia: la moda e il sequel

Crudelia Emma Stone 33
Crudelia: Emma Stone con la maschera nera e l'abito rosso

Il film è quasi una sfilata di moda lunga due ore. Com'è stato?

Incredibile: un sogno! Ogni giorno sul set ero stordita da ciò che vedevo. Per me è stata una gioia. Sono le cose che amo di più: la recitazione e la moda.

Questa è una origin story, c'è potenziale per almeno un sequel. Lo faresti?

Mi piacerebbe molto. Non abbiamo visto tutto di Anita e del suo rapporto con Crudelia. Non vedo l'ora di sapere se si farà. Ciò che amo di questa storia è che questa cosa dei cani l'ha sempre definita. Invece qui i cani hanno un piccolo ruolo. Ci sono, ma non sono il motore della storia. Ho più paura per gli umani che per i cani.