Amori che non sanno stare al mondo

2017, Drammatico

Amori che non sanno stare al mondo: Francesca Comencini e i suoi amanti masochisti

Intervista a Francesca Comencini, regista di Amori che non sanno stare al mondo, e ai suoi protagonisti, Lucia Mascino e Thomas Trabacchi, che ci spiegano perché spesso in amore vince il masochismo. Al cinema dal 29 novembre.

Amori che non sanno stare al mondo: Thomas Trabacchi e Lucia Mascino in una scena

Claudia (Lucia Mascino) e Flavio (Thomas Trabacchi) si sono amati a lungo, poi quell'amore si è esaurito. Entrambi cinquantenni, reagiscono in modo opposto alla fine della loro relazione: lei è ossessionata da lui, non riuscendo a uscire dal ricordo dei bei tempi che furono, lui invece ritrova la voglia di vivere con una donna più giovane. La notizia della nuova felicità di Flavio mette definitivamente in crisi Claudia, che nel frattempo si avvicina sempre di più all'amica Nina (Valentina Bellè).

Leggi anche: Amori che non sanno stare al mondo: la paura di essere felici

Francesca Comencini scrive e dirige Amori che non sanno stare al mondo, dal 29 novembre in sala, film sulle conseguenze degli amori finiti male, che, come afferma la stessa regista, non è una pellicola per sole donne, ma per tutti: "È un film che racconta due personaggi e cerca di farlo mettendo in evidenza i loro difetti e le loro qualità. Uno è un uomo e una è una donna. È un film che uomini e donne dovrebbero vedere per tornare di buon umore, soprattutto se sono single".

Leggi anche: Francesca Comencini: "La devozione verso l'uomo? Le donne non vogliono più"

Amori che non sanno stare al mondo: Thomas Trabacchi e Lucia Mascino in una scena

Come spiega la regista il fatto che molto spesso in amore vinca il masochismo: perché non si riesce a vivere una storia d'amore senza farsi troppi problemi? Lo dimostrano diversi film usciti quest'anno al cinema, come Terapia di coppia per amanti: "Probabilmente è una fase di transizione e di passaggio, in cui i rapporti tra uomini e donne sono un po' una battaglia. Non so spiegare perché: ho fatto un film, non ho la consapevolezza filosofica rispetto a questi temi. Uno dei titoli possibili del film è stato "Nella battaglia": quando osservo i rapporti amorosi eterosessuali noto questa situazione. Gli uomini e le donne si combattono. Non so perché. Forse è un passaggio storico".

La nostra intervista a Francesca Comencini, Lucia Mascino e Thomas Trabacchi

Amori che non sanno stare al mondo: Francesca...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Amori che non sanno stare al mondo: la paura di essere felici
Francesca Comencini: "La devozione verso l'uomo? Le mie donne non vogliono più"