Madre!

2017, Drammatico

Venezia 2017: la nostra guida ai 15 film più attesi della Mostra

Come ogni anno, vi proponiamo la nostra selezione dei quindici film da non perdere tra quelli che saranno presentati nelle rassegne principali dell'imminente 74a edizione della Mostra di Venezia.

Non è stata un'annata facile per i festival cinematografici. Se Cannes viene da un'edizione del settantennale che invece che essere un evento memorabile si è rivelata deludente e funestata da polemiche di ogni tipo, Venezia e Toronto devono fare i conti con ritardi e logiche di mercato che costringono a rinunciare ad alcuni dei film più attesi dell'anno: It o Blade Runner 2049 sono per esempio soltanto due dei titoli che qualche mese fa sembravano quasi certi per il programma veneziano, ma invece dovremo aspettare ancora per goderceli. E titoli come Dunkirk di Christopher Nolan o Detroit di Kathryn Bigelow, probabili protagonisti della futura Oscar Race, sono invece arrivati in estate nelle sale USA, anticipando di fatto il periodo festivaliero.

Leggi anche: Dunkirk: il capolavoro di Nolan ci racconta la guerra attraverso la speranza

Difficile così riuscire a fare un festival che sia al livello degli anni precedenti, quando nel programma erano presenti film (La La Land, Il caso Spotlight, Gravity, Birdman, etc etc...) che hanno segnato in modo indelebile la recente storia dell'arte cinematografica contemporanea. Eppure Alberto Barbera è riuscito a tiare fuori dal cilindro un programma che, sulla carta almeno, pare equilibrato ed affascinante; un programma che porterà al Lido tante star, autori di fama internazionale e potenziali nuovi classici, anche del cinema di genere.

Leggi anche: La La Land e il paradosso del troppo amore: quando il successo può far male ad un film

Ella & John - The Leisure Seeker:  Helen Mirren e Donald Sutherland in una scena

Prima di andare a scoprire quali potrebbero essere i 15 titoli più chiacchierati e potenzialmente interessanti di questa 74esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia permetteteci la solita premessa: in questa lista non abbiamo inserito film italiani, un po' perché giocano in casa e un po' perché non vogliamo scontentare nessuno. Vale la pena però far notare che questa edizione presenta dei titoli nostrani molto più inusuali rispetto al passato e, proprio per questo, decisamente più allettanti: da Ammore e Malavita dei fratelli Manetti ci aspettiamo davvero di tutto, nel bene e nel male, ma di certo trovarlo in lizza per il Leone d'oro è una piacevolissima sorpresa; Paolo Virzì ormai è un autore amatissimo e celebrato eppure qui si mette in gioco con Ella & John - The Leisure Seeker, il suo primo film girato negli USA e in lingua inglese; Hannah di Andrea Pallaoro, Una famiglia di Sebastiano Riso e soprattutto Gatta Cenerentola di Alessandro Rak sono tutti film italiani che siamo davvero curiosi di vedere e non solo per patriottismo. I prossimi 15 però sono le nostre speranze internazionali e ce ne è davvero per tutti i gusti!

Leggi anche: Paolo Virzì racconta il suo film made in USA: "Ho cercato l'Aurelia sulla Route 66"

15. Loving Pablo

Loving Pablo: Javier Bardem e Penelope Cruz in una scena del film

Le premesse non sono delle migliori, non per altro ma perché di opere su Pablo Escobar (Narcos in primis) recentemente ne abbiamo viste anche troppe. Però questo nuovo film del regista spagnolo Fernando León de Aranoa (il cui precedente Perfect Day merita certamente una visione) ha come punto di forza un memoriale intitolato Loving Pablo, Hating Escobar in cui la giornalista e star televisiva colombiana Virginia Vallejo racconta in prima persona della sua tormentata storia d'amore con il Re della Cocaina. A rendere il tutto più interessante ci sono le due star del film, Javier Bardem e Penelope Cruz, coppia anche nella vita reale, che tornano a recitare insieme dai tempi di Vicky Cristina Barcelona.

Leggi anche: Narcos 2: Pablo Escobar e il rumore dei nemici

14. Vittoria e Abdul

Vittoria e Abdul: Judi Dench e Ali Fazal in una scena del film

Altro biopic, altro personaggio fin troppo abusato, ma anche in questo caso invece che raccontare una storia che tutti conoscono il film si concentra su avvenimenti meno noti. Il regista Stephen Frears torna a lavorare con Dame Judi Dench dopo l'ottimo Philomena e le regala una parte che profuma già di Oscar, quella della Regina Vittoria che già anziana intreccia una ambigua e malvista relazione con il suo assistente indiano. Frears ogni tanto delude ma sarebbe ingiusto non concendergli il beneficio del dubbio, anche perché il premio Oscar Dench ha probabilmente voglia di ripetersi dopo la statuetta per Shakespeare in Love.

Leggi anche: Shakespeare per sempre: da West Side Story a Il re leone, perché il cinema non può fare a meno del Bardo

13. Woodshock

Woodshock: Kirsten Dunst in una scena del film

Esordio alla regia per le sorelle Kate e Laura Mulleavy, fashion designer rese celebri da Anna Wintour, che con questo thriller/horror promettono un'esperienza quasi sperimentale ma molto affascinate fin dall'ipnotico trailer.
Kirsten Dunst ci regalerà una nuova performance drammatica all'altezza di Melancholia?
In ogni caso l'accoppiata con Pilou Asbæk (lo Euron Greyjoy de Il trono di spade, una delle sorprese di quest'ultima stagione) da solo potrebbe valere il prezzo del biglietto.

Leggi anche: Dal Dogma 95 a Nymphomaniac: Tutte le provocazioni di Lars von Trier

12. First Reformed

First Reformed: Ethan Hawke in una scena del film

Paul Schrader torna a Venezia a distanza di quattro anni dal discusso (e discutibile) The Canyons e lo fa con un thriller di cui per ora si sa ben poco se non che tratta argomenti molto drammatici quali accettazione del lutto, religione e vendetta. Nel cast ci sono Amanda Seyfried ed Ethan Hawke, e la sceneggiatura è dello stesso Schrader. Non ci aspettiamo un nuovo Taxi Driver ma non dovrebbe essere troppo difficile fare di meglio rispetto al film erotico con Lindsay Lohan.

Leggi anche: Sulle strade di New York con Robert De Niro: i 40 anni di Taxi Driver

11. The Third Murder

The Third Murder: Masaharu Fukuyama e Koji Yakusho in un momento del film

Da queste parti siamo amanti del cinema di Hirokazu Koreeda e l'idea di ritrovarlo al Lido dopo tanti anni (e dopo essere diventato un habitué soprattutto di Cannes) ci rende felici. Ma il motivo per cui l'abbiamo inserito in questa classifica è perché questo nuovo film sembra allontanarsi non poco dalle atmosfere e temi delle sue ultime delicate e poetiche opere, considerato che viene annunciato come un legal thriller.

Leggi anche: Ritratto di famiglia con tempesta: diventare ciò che si vuole essere

10. Jim & Andy: The Great Beyond. The Story of Jim Carrey, Andy Kaufman and Tony Clifton

Jim & Andy: The Great Beyond. The Story of Jim Carrey, Andy Kaufman and Tony Clifton: Jim Carrey in un'immagine del documentario

Tutti conoscono e amano Jim Carrey, molti di meno (al di fuori degli States almeno) possono dire altrettanto di Andy Kaufman anche se in quanto a follia non è certamente da meno. In quanti ricordano invece il (bel) film di Milos Forman, Man on the moon, in cui un ottimo Carrey intepretava proprio il comico USA? Questo documentario ci mostrerà l'esilarante dietro le quinte di quel film e promette davvero faville visto la follia dell'attore e della sua capacità di far "impazzire" anche un regista di esperienza come Forman.

Leggi anche: Jim Carrey: dieci (e più) momenti di follia per un'incontenibile maschera comica

9. Foxtrot

Foxtrot: un'immagine tratta dal film

Otto anni fa il regista israeliano Samuel Maoz faceva il suo esordio con Lebanon, primo lungometraggio di finzione, e vinceva un Leone d'oro discusso ma, almeno secondo noi, meritato. Con questo nuovo film, sempre di genere bellico ma di cui si sa poco o nulla, torna in concorso e torna al cinema dopo un lungo silenzio e anche solo per questo la sua nuova opera avrà addosso gli occhi di tutti. Di sicuro avrà i nostri perché l'esperienza più unica che rara della sua prima opera ancora la ricordiamo oggi e saremmo davvero felici di essere nuovamente stupiti.

8. The Devil and Father Amorth

The Devil and Father Amorth: William Friedkin e Padre Gabriele Amorth in un'immagine promozionale

Dopo aver fatto la storia del cinema, horror ma non solo, con L'esorcista, il mitico regista William Friedkin torna sull'argomento con un film che documenta un reale rito compiuto da Padre Gabriele Amorth proprio su una donna italiana. Già questo basterebbe a rendere la visione di questo documentario imperdibile, ma ancora più interessante di questo progetto è lo sguardo dello stesso regista al suo celebre film nel confrontare quanto raccontato da lui 40 anni prima come finzione e quanto visto in "realtà" adesso.

Leggi anche: Il cinema di William Friedkin: il lato oscuro dell'America in 5 film cult

7. Brawl in Cell Block 99

Brawl in Cell Block 99: Vince Vaughn in una scena del film

Il direttore Barbera l'ha specificato almeno tre volte in modo che non ci fosse dubbio alcuno: il nuovo film di S. Craig Zahler è tra i più violenti e forti che si siano mai visti ad un festival. E quindi, diciamo la verità, è bastata già questa dichiarazione a renderlo degno di questa classifica. In più c'è l'ambientazione carceraria, un cast insolito ma affascinante (Vince Vaughn, Jennifer Carpenter e il redivivo Don Johnson nel ruolo del direttore della prigione) e il talento di un regista forse ancora acerbo ma che già con il precedente Bone Tomahawk ha mostrato grande personalità.

6. Downsizing

Downsizing: Matt Damon e Kristen Wiig in una scena del film

Come film di apertura non farà magari effetto come altri titoloni del recente passato, ma trame e trailer sono a dir poco stuzzicanti, così come l'idea di vedere attori del calibro di Matt Damon, Christoph Waltz, Neil Patrick Harris e Laura Dern... in versione miniaturizzata! Visto l'argomento, questo sci-fi comedy-drama ha ovviamente un alto grado di rischio ma un regista come Alexander Payne non ci ha mai deluso e il suo precedente film, Nebraska, è davvero un piccolo (ma non minuscolo) gioiello.

Leggi anche: Matt Damon vs Jimmy Kimmel: sesso, dispetti e insulti in TV, una rivalità da ridere

5. The Shape of Water

The Shape of Water: Sally Hawkins e Richard Jenkins in una scena del film

Il suo ultimo lavoro, Crimson Peak, ha deluso molti e non ha sfondato al botteghino, ma il regista messicano Guillermo del Toro è ormai da tempo una superstar e questo suo nuovo lavoro è sicuramente tra i titoli più attesi non solo di questa Mostra ma di tutto l'autunno cinematografico.
Questa storia d'amicizia tra una donna muta e una creatura anfibia sembra avere davvero tutti i presupposti per lasciare il segno e colpire come è stato in passato per il bellissimo Il labirinto del fauno. Noi ce lo auguriamo e facciamo il tifo per il buon Guillermo!

Leggi anche: Il labirinto del fauno: 5 motivi di fascino del cult di Guillermo del Toro, fra incanto e orrore

4. Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Tre manifesti a Ebbing, Missouri: Frances MacDormand in una scena del film

Del regista Martin McDonagh avrete visto probabilmente l'ottimo In Bruges - La coscienza dell'assassino. E se non l'avete ancora fatto dovete certamente rimediare. Il successivo 7 psicopatici si è rivelato molto meno incisivo ma da queste parti siamo fiduciosi che questa terza opera possa sorprendere ed entusiasmare. Siamo fiduciosi per l'ottimo cast capitanato dalla solita straordinaria Frances McDormand - a cui si aggiungono Woody Harrelson, Sam Rockwell, John Hawkes e Peter Dinklage - ma anche perché già dal trailer si intuisce che questo film sarà un vero e proprio crescendo di tensione drammatica. Non vediamo l'ora.

Leggi anche: Frances McDormand e Joel Coen: 'Il nostro segreto? Avere ancora storie da raccontarci'

3. Mektoub, My Love: Canto Uno

Mektoub, My Love: Canto Uno, un momento del film

A differenza di quasi tutte le altre opere presenti in questa lista, in questo film non c'è un cast di particolare rilievo né trama o trailer particolarmente intriganti o affascinanti. Basta il nome del regista Abdellatif Kechiche a garantirgli il podio perché il regista tunisino/francese ha già una carriera tale da renderlo tra i più importanti registi europei in circolazione. E, dopo la Palma d'oro di quattro anni fa per lo straordinario La vita di Adele, un regista in crescita che stavamo aspettando al varco. Siamo poi anche curiosi di capire se davvero il regista manterrà fede a quel "Canto uno" del titolo e ne farà una vera e propria trilogia. Intanto però ci accontentiamo di questo.

Leggi anche: I 10 anni di Brokeback Mountain: la Top 10 delle più belle love story gay del decennio

2. Suburbicon

Suburbicon: Julianne Moore e Matt Damon in una foto del film

Per molti questo sarà il nuovo film di George Clooney ma per noi è in primis la nuova sceneggiatura dei fratelli Coen. Guardate il trailer se non l'avete fatto e capirete perché. Si dice che lo script fu scritto dai due fratelli addirittura 30 anni fa, subito dopo il loro esordio con Blood Simple - Sangue facile. In ogni caso Clooney è solo dietro la macchina da presa ma il cast è comunque di altissimo livello con Matt Damon, Julianne Moore e Oscar Isaac che brillano fin dal divertente trailer.

Leggi anche: George Clooney: "Un giorno vi svelerò un segreto su Berlusconi"

1. Madre!

Madre! - Javier Bardem e Jennifer Lawrence in una foto del film

Non potevamo che inserirlo in cima alla nostra lista visto che si tratta del colpo più prestigioso messo a segno da Barbera dal momento che, in tanti nei giorni precedenti all'annuncio del programma, lo davano per impossibile. Questo perché sembra che la Paramount non fosse poi così convinta di far vedere prima dell'arrivo in sala questo horror psicologico per timore degli spoiler. Dobbiamo quindi aspettarci sorprese e colpi di scena? Dal trailer sembrerebbe chiara una cosa soltanto, ovvero che dobbiamo aspettarci davvero di tutto. D'altronde con un regista come Darren Aronofsky, un cast formato da Jennifer Lawrence, Javier Bardem, Ed Harris e una sempre splendida Michelle Pfeiffer, con musiche di Jóhann Jóhannsson e fotografia di Matthew Libatique si potrà mai sbagliare? Speriamo proprio che la risposta sia negativa perché l'attesa è tanta e le aspettative altissime!

Venezia 2017: la nostra guida ai 15 film più...
Venezia 2017
News Film & Serie Foto Video
Venezia 2017, dalla sorpresa Mother! a Suburra e del Toro ecco il programma della Mostra
Venezia 2017: svelati gli ultimi tre titoli della 74esima edizione
Privacy Policy