Will Hunting - Genio ribelle: Harvey Weinstein sabotò l'uscita per rompere l'accordo con Robin Williams

Kevin Smith, produttore esecutivo di Will Hunting - Genio ribelle, svela un retroscena sul boicottaggio dell'uscita da parte di Harvey Weinstein per non pagare la percentuale dovuta alla star Robin Williams.

NOTIZIA di 26/10/2021

Il nuovo libro del regista Kevin Smith, Kevin Smith's Secret Stash, include un retroscena su Will Hunting: Genio Ribelle che riguarda il produttore Harvey Weinstein. Secondo Smith, Harvey Weinstein avrebbe boicottato l'uscita del filma accorciando la permanenza nelle sale per rompere l'accordo con Robin Williams.

Will Hunting - Genio ribelle: Ben Affleck e Matt Damon in una scena
Will Hunting - Genio ribelle: Ben Affleck e Matt Damon in una scena

Kevin Smith, coinvolto in Will Hunting - Genio ribelle, in veste di produttore esecutivo, ricorda che all'epoca Robin Williams era la vera star e aveva sancito un accordo con Weinstein che gli garantiva una percentuale sugli incassi.

"Il film stava andando incredibilmente bene" ha ricordato Kevin Smith al Daily Beast. "E l'accordo che avevano stretto con Robin gli garantiva una lauta percentuale sugli incassi, il tutto perché mettere il nome di Robin nel progetto gli ha subito garantito le prevendite ripagando i costi dell'intero film."

Will Hunting - Genio ribelle: Robin Williams, la battuta improvvisata e la reazione di Matt Damon

Will Hunting stava andando così bene nelle sale e stava per superare la barriera dei 100 milioni di dollari, il che avrebbe comportato il pagamento di una percentuale superiore a Robin Williams, ma a quel punto Weinstein ha deciso di ritirare il film dalle sale. Come ricorda Kevin Smith:

"La percentuale di Robin sarebbe aumentata al superamento dei 100 milioni di incasso, quindi ogni dollaro che il film aveva incassato al botteghino doveva essere diviso, non sono sicuro se fosse una divisione 50/50 - con Robin Williams. Ero nel film come co-produttore esecutivo, quindi eravamo al corrente di alcuni dettagli, e ricordo il giorno in cui Will Hunting ha lasciato i cinema. Mi è sembrato strano perché mi chiedevo 'Aspetta? Ci sono tutte queste voci che parlano di Oscar, quindi perché dovresti interrompere l'uscita?' Lo hanno fatto perché tenerlo nei cinema significava che più soldi sarebbero andati a Robin, mentre nel momento in cui è andato in home video ha ricevuto una minor percentuale. La corsa del film è stata ostacolata dall'avidità".

Costato 10 milioni di dollari, Will Hunting - Genio ribelle ne ha incassati più di 225 nel mondo. Il dramma ha ricevuto nove candidature agli Academy Awards, inclue quelle per Miglior Film e Miglior regista, e ha vinto l'Oscar come miglior Attore non Protagonista andato a Williams e l'Oscar per la miglior sceneggiatura firmata dagli esordienti Ben Affleck e Matt Damon.