Ryan Reynolds lancia The Group Effort Initiative per aumentare la diversità nel mondo del cinema

Ryan Reynolds ha lanciato The Group Effort Initiative per poter aiutare le persone appartenenti alle minoranze a ottenere lavori nel mondo del cinema.

NOTIZIA di 31/07/2020

Ryan Reynolds ha lanciato ufficialmente The Group Effort, iniziativa a favore della diversità e inclusione, che, come spiega in un video, sarà sostenuta dall'attore canadese.
La star ha spiegato che il progetto sostenuto dalla sua casa di produzione Maximum Effort permetterà a circa 10-20 tirocinanti di colore, appartenenti a comunità discriminate e poco rappresentate, e di ogni età, la possibilità di vivere un'esperienza unica sul set in vista di una potenziale professione futura.

Le persone scelte per l'iniziativa saranno pagate per il loro lavoro e non dovranno preoccuparsi per le spese del vitto e dell'alloggio durante le giornate trascorse sul set. Come ha spiegato Ryan Reynolds nel video, i tirocinanti di tutte le età potranno imparare dai professionisti impegnati sul set del suo prossimo film prodotto per Netflix, apprendendo quindi delle nozioni molto utili per poter iniziare una carriera nel mondo del cinema.
La star di Deadpool ha spiegato a The Hollywood Reporter: "Ho avuto un posto in prima fila per vedere l'immenso talento di così tanti artigiani, narratori ed esperti. Far parte di una troupe cinematografica è un'esperienza speciale, ma quel privilegio non è stato esteso a tutti. Ci sono tantissimi talenti non scoperti lì fuori. Questa azione è la cosa giusta da fare, ma bisogna sottolinare che l'inclusione renderà il nostro settore più forte e maggiormente dinamico. Racconteremo storie migliori".

The Group Effort Initiative prenderà il via con la produzione del film diretto da Shawn Levy con star Ryan Reynolds le cui riprese inizieranno, "COVID permettendo" come ricorda la star, in autunno a Vancouver.
Levy ha dichiarato: "Una troupe è una famiglia. Il risultato è migliore se è più diversa e rappresentativa".

Ryan Reynolds e il suo team hanno ideato l'iniziativa in collaborazione con la Dottoressa Stacy Smith dell'Annenberg Inclusion Initiative.