Robert Englund: "Freddy Krueger mi provoca incubi ancora oggi"

Robert England, che ha interpretato Freddy Krueger nel franchise di Nightmare, ha confessato come il personaggio riesca ancora a provocargli incubi.

NOTIZIA di 03/06/2022

La star di Nightmare Robert Englund ammette che il personaggio di Freddy Krueger, che ha interpretato a lungo, continua a provocargli incubi ancora oggi. L'iconico killer di adolescenti è apparso per la prima volta nello slasher di Wes Craven del 1984 e ha continuato a recitare in sette film di Nightmare e nello spin-off del 2003 Freddy vs. Jason. Fino ad oggi, il personaggio rimane probabilmente il cattivo più popolare nella vasta lista di villain dei film horror di Wes Craven.

Robert Englund in Nightmare 3: 'Benvenuta in prima serata, puttana!'
Robert Englund in Nightmare 3: 'Benvenuta in prima serata, puttana!'

La storia delle origini di Freddy Krueger è piuttosto cupa. Dopo essere sfuggito alla giustizia in quello che il film originale descrive come un processo farsa, il killer responsabile della morte di almeno 20 bambini viene rintracciato e dato alle fiamme da un gruppo di genitori vendicativi. Il risultato finale è un assassino in grado di manipolare i sogni delle sue vittime, tormentandole sia da sveglie che nel sonno, con il suo guanto affilato che ha usato per uccidere dozzine di vittime durante la serie. Per decenni, Robert Englund è stato l'interprete di Freddy, ma quando è arrivato il momento di riavviare il franchise nel 2010, Jackie Earle Haley ha assunto il ruolo.

Nessuno però è in grado di prendere il posto di Robert Englund nel cuore dei fan dell'horror. Al riguardo, l'attore 74enne ha dichiarato in una recente sessione di domande e risposte con The Guardian di essersi spaventato durante le riprese dell'originale Nightmare - Dal profondo della notte. Che si trattasse del trucco di Freddy particolarmente ben realizzato o semplicemente della stanchezza che prendeva il sopravvento dopo una lunga giornata sul set, Englund era in grado di spaventarsi da solo e questo accade ancora oggi, come ha spiegato lui stesso:

Nightmare, dal profondo della notte: 15 cose che (forse) non sapete sul film di Wes Craven

"Nel primo film non avevo il mio trailer privato, avevo solo un piccolo vagone delle dimensioni di un orinatoio, con un tavolo in formica, una sedia di plastica e uno specchio con lampadine intorno: la classica stanza del trucco nel backstage. Le luci erano regolabili. Le avevo abbassate quando stavo facendo un pisolino verso le 4 del mattino, con la testa appoggiata su un asciugamano arrotolato in modo da non imbrattare il trucco. Stavo aspettando di essere chiamato sul set e ho sentito bussare alla porta. Mentre alzavo la testa, ho visto questa faccia sfigurata che mi guardava allo specchio. Lo shock mi ha fatto saltare per aria. Ho alzato la mano e ho capito: 'Oh mio Dio, è il mio riflesso!' Ma è stato un momento così sorprendente che occupa ancora una varietà dei miei incubi".