La vita di Adele, Lea Seydoux chiarisce: "Kechiche è un grande regista, ma ho odiato alcuni aspetti del film"

Nel corso di un'intervista Lea Seydoux ha parlato de La vita di Adele e si è soffermata in particolar modo sui metodi registici di Abdellatif Kechiche, facendo chiarezza sul suo rapporto col controverso film.

NOTIZIA di 16/07/2021

Lea Seydoux è una delle grandi protagoniste dell'edizione in corso del Festival di Cannes 2021. l'attrice francese protagonista di The French Dispatch ha parlato de La vita di Adele e, in particolar modo, si è soffermata sui metodi registici di Abdellatif Kechiche.

La vita di Adele: Léa Seydoux in un momento di tenerezza trattp dal film con Adèle Exarchopoulos
La vita di Adele: Léa Seydoux in un momento di tenerezza trattp dal film con Adèle Exarchopoulos

Ovviamente, nel corso dell'intervista con The Guardian, Léa Seydoux si è soffermata a parlare de La vita di Adele, film diretto da Abdellatif Kechiche che racconta la storia di un amore saffico. Il titolo si aggiudicò la Palma d'Oro al Festival di Cannes nel 2013 e ha raggiunto la statura di un cult. Tuttavia, l'attrice ha criticato fortemente i metodi lavorativi di Kechiche, nonostante non possa riconoscere le sue capacità registiche. Lea Seydoux ha raccontato: "Non ho esattamente odiato il film. La vita non è mai bianca o nera. Bisogna sempre andare oltre e abbracciare la complessità. Sono davvero orgogliosa del film. Credo che lui sia un grande regista. Però ho odiato il fatto di essere stata trasformata in un oggetto. Quindi, sì, ci sono cose che ho odiato e cose che ho amato e ho decisamente odiato essere oggettificata".

Lea Seydoux ha anche raccontato le sensazioni provate durante la lunghissima lavorazione di cui ha necessitato la celebre scena di sesso de La vita di Adele (circa dieci giorni) e ha ammesso di essere stata trattata come una prostituta. Oltre ad aver parlato del titolo diretto da Kechiche, l'attrice ha espresso il suo concetto di arte e bellezza: "Tutti i più grandi artisti sono sempre stati ispirati da muse. La bellezza è una musa e l'arte è pura energia sessuale. Si tratta della più forte forma di creazione. L'eros è davvero produttivo. Quando ami, riesci anche ad avere energia e capacità di creare ciò che vuoi!".

Nonostante abbia recitato in ben quattro film presentati al Festival, Lea Seydoux non è ancora arrivata a Cannes perché positiva al Covid-19. L'attrice è nota per aver interpretato Bastardi senza gloria, Lourdes, Robin Hood, Midnight in Paris, Mission: Impossible - Protocollo fantasma, Grand Budapest Hotel, The Lobster, Spectre e No Time to Die. Prossimamente Lea Seydoux tornerà al cinema nel nuovo film della saga su James Bond: i produttori hanno confermato che No Time to Die uscirà in sala anche dopo l'acquisto di MGM da parte di Amazon.