Kevin Smith: "Donerò tutti i profitti dei film che ho realizzato con Weinstein"

Il regista ha spiegato che dopo le rivelazioni apparse sui media non accetterà più i guadagni ottenuti dai titoli prodotti dalla Miramax.

Kevin Smith, dopo le notizie legate agli abusi e le molestie compiute da Harvey Weinstein in circa trenta anni, ha annunciato durante il suo podcast Hollywood Babble-On di aver preso un'importante decisione.
Il regista ha infatti svelato che i prossimi profitti ottenuti grazie ai film che aveva realizzato collaborando con il produttore al centro dello scandalo verranno donati all'organizzazione Women in Film. Nel caso in cui i progetti targati Miramax - tra cui Clerks II, Jay & Silent Bob... Fermate Hollywood!, Jersey Girl e Zack & Miri - Amore a... primo sesso - non guadagnino più Smith donerà comunque 2.000 dollari ogni mese per il resto della sua vita.

Il filmmaker ha spiegato: "La mia intera carriera è legata a quell'uomo. E' stata una settimana davvero strana. Volevo semplicemente girare dei film, tutto qui. E' per questo che sono venuto e ho girato Clerks - commessi. E nessun fottuto film vale tutto questo. La mia intera carriera è intrecciata a qualcosa di veramente orribile".
Smith ha aggiunto che sta provando ad accettare la situazione: "So che non è colpa mia ma non aiuta perché mi sono seduto a parlare di questo uomo come se fosse un eroe, come se fosse mio amico, mio padre e idiozie simili, e mi ha cambiato la vita... Stavo lodando qualcuno che non conosco. Non conosco l'uomo di cui continuano a parlare nella stampa. Chiaramente esiste ma quell'uomo non si è mostrato in mia presenza. Fa tutto male, e non è accaduto a me, ma è doloroso".

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV!

Kevin Smith: "Donerò tutti i profitti dei film...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Kevin Smith inizia le riprese di "Killroy Was Here" in Florida
Scandalo Weinstein: nuove accuse contro Harvey, anche Bob accusato di molestie