Joaquin Phoenix compra i diritti del libro Free the Animals, scritto dalla fondatrice di PETA

L'attore Joaquin Phoenix ha acquistato i diritti per realizzare un film tratto dal libro Free the Animals, scritto dalla fondatrice di PETA.

NOTIZIA di 28/04/2022

Joaquin Phoenix ha acquistato i diritti cinematografici del libro Free the Animals, scritto da Ingrid Newkirk, fondatrice e presidente del gruppo PETA.
L'attore aveva già scritto la prefazione per l'edizione del trentesimo anniversario della pubblicazione del volume.

Il libro Free the Animals: The Amazing, True Story of the Animal Liberation Front in North America racconta la storia di una giovane poliziotta chiamata Valerie il cui mondo viene sconvolto quando si ritrova alle prese con un gruppo di scimmie salvate da un laboratorio dove erano erano usate per dei test scientifici. Valerie incontra poi persone disposte a rischiare la propria libertà per la causa e si unisce a loro mentre vivono in fuga dalla legge che lei ha giurato di far rispettare.

Joaquin Phoenix sembra intenzionato a realizzarne un film e tra le pagine ha scritto: "Sì, Free the Animals è su eroi che indossano un passamontagna che rompono finestre e vanno contro la legge per salvare gli animali, ma è inoltre su tutti. Per noi è una chiamata a entrare in azione. Che si tratti di impugnare un piede di porco, delle cesoie o prendere in mano una penna o un cartellone, ognuno di noi può e deve lottare contro l'ingiustizia e lottare per la liberazione degli animali in ogni possibile occasione".

Phoenix è un attivista per i diritti degli animali e da tempo è testimonial per organizzazioni che lottano per i diritti degli animali. L'attore premio Oscar è vegano e non compra alcun prodotto di origine animale: "Ho visto le torture e le uccisioni che avvengono quando qualcuno prende, ruba, ciò che appartiene di diritto a un altro essere vivente. Strappare via ciò che è loro direttamente dalle loro schiene o ucciderli in modo che parti dei loro corpi possano essere mangiati o indossati. Ho visto in quali orrori e paure vivono gli animali in laboratorio solo perché non sono protetti dalla curiosità umana e ci si guadagna dei soldi tenendoli in gabbia per testare le cose, come reagirebbero quando vengono spaventati da un serpente di gomma o quando i loro cuccioli vengono portati via lontano da loro. Sapendo tutto questo, ho un dovere morale che mi spinge ad agire. E so che è come si sono sentiti anche gli eroi di questo libro".

Newkirk ha svelato che ha ceduto i diritti del libro a Phoenix sperando che voglia dirigere e recitare nel film: "Penso che vincerebbe un altro Oscar interpretando Josh, il whistleblower della Marina che ha rischiato la corte marziale per ottenere aiuto per un piccolo cane che stava per morire in un esperimento che coinvolgeva un'immersione, e che è poi è andato alla guida di team sulla West Coast dell'Animal Liberation Front che ha liberato molti più animali che stavano affrontando una morte certa. Joaquin capisce ciò che affrontano gli animali e vive e respira i diritti degli animali, fa parte del suo stesso essere. Mi è stato detto che non permetterebbe mai l'uso di animali veri che spesso trascorrono le loro vite in gabbie e vengono mandati a Hollywood per portare in scena atti che per loro sono stressanti, non hanno senso e sono ripetitivi. Invece userebbe immagini generate al computer o animali domestici che vivono come compagni di vita e, ovviamente, avrebbe accesso agli archivi fotografici e video di PETA, che contengono filmati dei raid descritti nel libro".