Facebook

Guillermo Del Toro, dalla realizzazione di 'Pinocchio' alla difesa dello stop-motion

Guillermo Del Toro torna a parlare del suo 'Pinocchio', in arrivo a dicembre, e della tecnica dello stop-motion

Tra i registi più innamorati della magia dell'immagine in movimento, c'è Guillermo Del Toro. Innamorato dei film d'azione dal vivo e dell'animazione, è un'emozione unica trovare il maestro alla regia del suo primo film d'animazione in stop-motion, insieme a Mark Gustafson, con Pinocchio.

Le riprese del film, realizzato con la tecnica della stop-motion e basato sul romanzo di Carlo Collodi Le avventure di Pinocchio, sono iniziate nei primi mesi del 2020. La nuova versione della storia di Pinocchio debutterà nel dicembre 2023 su Netflix. A scrivere la colonna sonora, il compositore due volte premio Oscar Alexandre Desplat.

Pinocchio1
Pinocchio: Guillermo del Toro sul set

Un'opera, per Guillermo del Toro, che rappresenta un lavoro d'amore che ha a che fare tanto con il metodo di produzione quanto con la storia. Il regista premio Oscar, come riportato da Slashfilm, ha difeso l'animazione stop-motion, in particolare per quanto riguarda Pinocchio, in una conferenza stampa.

Il regista ha dichiarato: "Abbiamo bellissimi film in stop motion, e sono nella nostra animazione in questo momento. Ma lo stop motion è normalmente una delle arti in perenne estinzione perché... ci vuole molto tempo. Ci vuole molto sforzo. Tutto è fisico. È qualcosa che ho iniziato da quando ero bambino. C'è qualcosa di bello nella storia di un burattino che si rifiuta di obbedire a tutti gli altri. Si comporta come un burattino che obbedisce, si conforma... con i burattini. Dovreste essere in grado di vedere che è un personaggio in stop motion. Dovresti essere in grado di vedere il burattino muoversi in modo nervoso. Questa tecnica, per me, resterà negli anni."