Covid-19 from Outer Space: il corto horror è un omaggio a Ed Wood (VIDEO)

In anteprima esclusiva ecco Covid-19 from Outer Space, il cortometraggio horror sci-fi che rende omaggio al genio trash di Ed Wood e strizza l'occhio all'attualità.

NOTIZIA di 20/03/2020

Astronavi, alieni, pandemie, extraterrestri che bevono drink: oggi abbiamo il piacere di presentarvi in anteprima esclusiva Covid-19 from Outer Space, il cortometraggio diretto da Edoardo Nervi insieme a Lea & Vera Borniotto. Un tributo al regista Ed Wood che ovviamente prende spunto anche dall'attualità.

I tre registi hanno voluto realizzare un cortometraggio liberamente ispirato al suo film del 1959 Plan 9 from Outer Space, ambientandolo nel difficile scenario della pandemia di Coronavirus in atto. La genialità del corto sta nell'aver effettuato tutte le riprese e il montaggio senza mai uscire dalla propria abitazione, in ottemperanza al Dpcm restrittivo Io resto a casa in vigore.

Lea e Vera Borniotto hanno diretto anche il corto Innermind sul tema dell'anoressia (e in quel caso Edoardo Nervi ha collaborato come direttore della fotografia) e Innermind ha suscitato l'attenzione di una star del cinema di genere come Doug Jones.

Doug Jones loda Innermind, corto italiano sull'anoressia

La storia di Covid-19 from Outer Space è la seguente: l'equipaggio di un'astronave aliena identifica un pianeta come obiettivo per un'invasione. Il Comandante affida a un suo sottoposto il compito di scendere in avanscoperta con una navetta, ma mentre il marziano rischia di schiantarsi, dall'astronave madre si accorgono di aver fatto un errore madornale: il pianeta è La TERRA dove è in atto una pandemia. L'ufficiale di rotta consiglia di aiutare gli umani interrompendo l'invasione con l'unica difficoltà della presenza dei VAMPIRI, loro acerrimi nemici. Il Comandante alieno, allora, defenestra l'ufficiale di rotta ritenendolo personalmente responsabile dell'insuccesso della missione.
Nel frattempo sulla Terra il marziano è riuscito a salvarsi, precipitando fra le foglie di un giardino. La mattina seguente l'alieno osserva un'avvenente signora che è uscita dalla sua abitazione per bagnare le piante. Incuriosito e sicuro di dover annientare tutti gli umani presenti, la segue mentre rientra all'interno, fulminandola con una potentissima scarica elettrica. Perfettamente a suo agio nella nuova dimora, l'invasore attende in relax di essere raggiunto dal resto della flotta, invano.
Si fa notte e, mentre l'alieno si concede un drink, dalle tenebre compare una creatura demoniaca che, senza pudore, si disseta con la sua essenza vitale, uccidendolo. Nella conclusione il narratore alieno porterà un importante messaggio per l'umanità.