Workingman's Death 2005

N/D
3.5/5
La locandina di Workingman's Death

Workingman's Death è un film di genere Documentario del 2005 diretto da Michael Glawogger. Durata: 122 min. Distribuito in Italia da Fandango. Paese di produzione: Austria, Germania.

Data di uscita
14 Luglio 2006 (Italia)
27 Aprile 2006 (Germania)
Genere
Documentario
Anno
2005
Regia
Michael Glawogger
Paese
Austria, Germania
Durata
122 Min
Distribuzione
Fandango

Trama

La trama di Workingman's Death (2005). Michael Glawogger fa una panoramica sul lavoro manuale nel mondo, su quanti vengono sfruttati senza che se ne sappia a o che se ne parli. Si comincia con "Eroi", uomini e donne che spendono la loro vita nelle miniere di carbone dell'Ucraina, dichiarate da anni illegali, trascinandosi, lavorando e, persino, mangiando in cunicoli alti non più di mezzo metro. "Fantasmi" si svolge tra i lavoratori delle miniere indonesiane a cielo aperto di zolfo. "Leoni", ci trasporta in un mattatoio nigeriano dove teste, budella e resti di animali macellati invadono il campo di ripresa. "Fratelli" ci mostra degli operai intenti a disarmare le navi non più in uso con la fiamma ossidrica in Pakistan, distrutti dalla fatica ma vicini gli uni agli altri, quasi fratelli, uniti dall'inumanità del lavoro che svolgono. In Cina, mentre i giovani cercano di scegliere la propria strada, i loro genitori sono impiegati negli altiforni sognando ancora un "Futuro" glorioso. L'epilogo si svolge in Germania dove una fonderia è stata trasformata in un'attrazione turistica dalle luci sfavillanti.

Recensione

La morte al lavoro I minatori di carbone in Ucraina; gli operai di una cava di zolfo in Indonesia; gli addetti alla macellazione di un mattatoio in Nigeria; i saldatori in Pakistan che demoliscono una nave per recuperarne il ferro; i lavoratori delle acciaierie in Cina. Non un lungometraggio, né un vero e proprio documentario, indubbiamente una testimonianza cruda del lavoro di bassa manovalanza in un'analisi internazionale a 360°. Realizzata nel 2005, presentata e premiata in diversi Festival internazionali, tra i quali il London film Festival e lo European Film Awards, l'opera dell'austriaco Michael Glawogger esce ora nelle sale italiane …

Leggi la recensione completa di Workingman's Death

Cast

Vai al cast completo di Workingman's Death

Curiosità e frasi celebri

Tutte le curiosità su Workingman's Death e le frasi celebri: ecco le cose curiose che potrebbero esser sfuggite allo spettatore.

Date di uscita e riprese - Workingman's Death è arrivato per la prima volta nelle sale italiane il 14 Luglio 2006 (Fandango); la data di uscita originale è: 27 Aprile 2006 (Germania).
Le riprese del film si sono svolte in Cina, Germania, Indonesia, Nigeria, Pakistan e Ucraina.

Ecco alcune delle location in cui è stato girato il film:

Anshan, Liaoning, Cina
Duisburg, North Rhine - Westphalia, Germania
Kawahljen, Indonesia
Port Harcourt, Nigeria

Specifiche tecniche - Girato in: 16 mm.
Proiettato in: 35 mm.
Colore: bianco e nero e a colori.
Formato audio: Dolby Digital.
Lingua originale: pashtu, yoruba, tedesco, inglese, ibo, indonesiano, mandarino e russo.

Accoglienza

Attualmente Workingman's Death ha ricevuto la seguente accoglienza dal pubblico:

Premi e nomination

I premi vinti da Workingman's Death e le nomination:

European Film Awards (2005)
1 nomination, 0 premi vinti

Altri 1 premi

Critica

Workingman's Death è stato accolto dalla critica nel seguente modo: sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes il film ha ottenuto un punteggio medio del 75% sul 100%, su Metacritic ha invece ottenuto un voto di 67 su 100 mentre su Imdb il pubblico lo ha votato con 8.0 su 10

Immagini e foto

Vai alla galleria completa

News e articoli

  • In sala: le uscite del 7 luglio '06

    In sala: le uscite del 7 luglio '06

    Una decina di titoli in uscita riempiono questo week-end di febbrile attesa per la finale dei Mondiali di Calcio, e tra questi gli attesissimo 'United 93' e 'Silent Hill'.

  • Recensione Workingman's Death (2005)

    Recensione Workingman's Death (2005)

    Uomini come statue e monumenti, mescolati in testimonianze viventi, con ironici fermo-immagine che li rendono documenti di loro stessi. Un ritratto della società industriale, dimenticata dietro pile di libri e megabyte. Da vedere assolutamente.