La rosa purpurea del Cairo 1985

N/D
3.8/5
La locandina di La rosa purpurea del Cairo

La rosa purpurea del Cairo è un film di genere Commedia, Romantico del 1985 diretto da Woody Allen con Mia Farrow e Jeff Daniels. Durata: 84 min. Paese di produzione: USA.

Titolo originale
The Purple Rose of Cairo
Data di uscita
nd (Italia)
Genere
Commedia , Romantico
Anno
1985
Regia
Woody Allen
Attori
Mia Farrow, Jeff Daniels, Danny Aiello, Dianne Wiest, Deborah Rush, John Wood
Paese
USA
Durata
84 Min

Trama

La trama di La rosa purpurea del Cairo (1985). Cecilia, all'epoca della grande depressione, è una solitaria cameriera, appassionata dei film di Hollywood. Affascinata dal suo nuovo film preferito, La rosa purpurea del Cairo, Cecilia resta sbalordita quando il protagonista improvvisamente scende dallo schermo per incontrarla.

Recensione

Tra sogno e realtà La Rosa purpurea del Cairo è uno dei film che esprime con maggior maestria la concezione di cinema di Woody Allenperché affronta, senza molte intermediazioni ma con tonalità struggenti, il rapporto tra finzione e verità, tra realtà e rappresentazione cinematografica. La Rosa purpurea del Cairo è il titolo di un film esotico degli anni Trenta, girato in un rilucente bianco e nero e ambientato tra salotti mondani e locali lussuosi, il cui protagonista è un affascinante esploratore, Tom Baxter (Jeff Daniels). È anche il film che Cecilia (Mia Farrow), cameriera ingenua e frustrata, continua a guardare …

Leggi la recensione completa di La rosa purpurea del Cairo

Cast

Mia Farrow Mia Farrow Cecilia
Jeff Daniels Jeff Daniels Tom Baxter / Gil Shepherd
Danny Aiello Danny Aiello Monk
Dianne Wiest Dianne Wiest Emma
Deborah Rush Deborah Rush Rita
John Wood John Wood Jason

Vai al cast completo di La rosa purpurea del Cairo

Curiosità e frasi celebri

Tutte le curiosità su La rosa purpurea del Cairo e le frasi celebri: ecco le cose curiose che potrebbero esser sfuggite allo spettatore.

Date di uscita e riprese - Le riprese del film si sono svolte nel periodo 05 Novembre 1983 - 01 Gennaio 1970 in USA.

Ecco alcune delle location in cui è stato girato il film:

Bertrand Island Amusement Park, Mount Arlington, New Jersey, USA
Kent Theater, 1170 Coney Island Avenue, Ocean Parkway, Brooklyn, New York City, New York, USA
Mount Arlington, New Jersey, USA
Paterson, New Jersey, USA
Piermont, New York, USA
South Amboy, New Jersey, USA

Specifiche tecniche - Girato in: 35 mm. Proiettato in: 16 mm, Super 8 e 35 mm. Rapporto immagine: 1,85 : 1. Colore: bianco e nero e a colori. Formato audio: Mono. Lingua originale: inglese.

Accoglienza

Attualmente La rosa purpurea del Cairo ha ricevuto la seguente accoglienza dal pubblico:

BOX OFFICE

Budget
$ 15.000.000 (stimato)
Incassi in USA
10.6 milioni $

Box-office La rosa purpurea del Cairo (1985)

Premi e nomination

I premi vinti da La rosa purpurea del Cairo e le nomination:

Academy Awards (1986)
1 nomination, 0 premi vinti
Golden Globe Awards (1986)
4 nomination, 1 premio vinto

Altri 10 premi

Critica

La rosa purpurea del Cairo è stato accolto dalla critica nel seguente modo: sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes il film ha ottenuto un punteggio medio del 92% sul 100%, su Metacritic ha invece ottenuto un voto di 75 su 100 mentre su Imdb il pubblico lo ha votato con 7.7 su 10

Immagini e foto

Vai alla galleria completa

Home Video

dvd

La rosa purpurea del Cairo
2002 - 20th Century Fox
Contiene 1 Ora e 18 Minuti di contenuti su 1 Disco.

dvd

The Purple Rose of Cairo
2002 - MGM
Contiene 1 Ora e 18 Minuti di contenuti su 1 Disco.

Tutti gli home video

News e articoli

  • Michael Keaton: 5 cose che (forse) non sapete sulla star di The Founder

    Michael Keaton: 5 cose che (forse) non sapete sulla star di The Founder

    Birdman ha sancito la sua rinascita artistica. Con The Founder potrebbe arrivare la definitiva consacrazione, ma all'interprete di Batman non servono allori per decretarne il talento. Scopriamo qualche piccolo segreto sull'attore, da oggi in sala nei panni dell'imprenditore che ha trasformato McDonald's in un marchio inconfondibile.

  • Buon compleanno Woody! Il cinema di Woody Allen in 20 scene cult (prima parte)

    Buon compleanno Woody! Il cinema di Woody Allen in 20 scene cult (prima parte)

    Intere generazioni di cinefili sono cresciute con i suoi film, un appuntamento fisso anno dopo anno, identificandosi nei suoi personaggi insicuri e nevrotici, fra invenzioni geniali, una travolgente ironia e momenti di profondo intimismo: e oggi che Woody Allen spegne 80 candeline, celebriamo il regista newyorkese ripercorrendo alcune fra le pagine più belle del suo cinema meraviglioso.

  • Magic in the Moonlight: il cinema di Woody Allen tra magia e fantasia

    Magic in the Moonlight: il cinema di Woody Allen tra magia e fantasia

    Il potere dell'immaginazione e il conflitto fra il razionalismo e la sfera del magico e del surreale: riscopriamo alcuni temi chiave del cinema di Woody Allen, da La rosa purpurea del Cairo a Midnight in Paris fino ad arrivare alla sua ultima fatica, Magic in the Moonlight.

  • Lei: la sublimazione degli amori impossibili

    Lei: la sublimazione degli amori impossibili

    L'incantevole film di Spike Jonze, premiato con l'Oscar per la sceneggiatura, si prefigura come il culmine di una riflessione del cinema contemporaneo sulla ricerca di un "amore ideale" contrapposto ad una realtà che spesso tradisce le nostre aspettative.

  • Da Annie a Blue Jasmine: le donne secondo Woody

    Da Annie a Blue Jasmine: le donne secondo Woody

    Mentre arriva al cinema il suo nuovo film, l'apprezzatissimo Blue Jasmine, con una strepitosa Cate Blanchett in odore di Oscar, riscopriamo i migliori personaggi femminili protagonisti dei classici di Woody Allen: donne sognatrici, nevrotiche ma sempre e comunque adorabili (o quasi).

  • Recensione La rosa purpurea del Cairo (1985)

    Recensione La rosa purpurea del Cairo (1985)

    Figurativizzato nel personaggio di Cecilia, Woody Allen realizza un omaggio alla filmografia della sua adolescenza generando, allo stesso tempo, una nostalgica e profonda riflessione sul ruolo assolto dalla settima arte, sullo sguardo spettatoriale e sui processi di identificazione attivati dalla narrazione cinematografica.