La radio 2003

N/D
3.0/5
La locandina di La radio

La radio è un film di genere Drammatico del 2003 diretto da Davide Sordella con Fabrizio Gifuni e Barbora Bobulova. Durata: 85 min. Paese di produzione: Italia, Regno Unito.

Titolo originale
La Radio
Data di uscita
15 Aprile 2005 (Italia)
Genere
Drammatico
Anno
2003
Regia
Davide Sordella
Attori
Fabrizio Gifuni, Barbora Bobulova, Fabrizio Rongione
Paese
Italia, Regno Unito
Durata
85 Min

Trama

La trama di La radio (2003). Un incontro tra due uomini e una donna, fratelli, in una polverosa cantina il giorno di Natale. Tra ricordi e misteri, anche grazie ad una vecchia radio, l'incontro prenderà una piega pericolosa...

Recensione

Ménage à trois Davide Sordella è un giovane regista italiano al suo primo lungometraggio. Di esperienza internazione e scuola inglese (allievo della London International Film School di Mike Leigh) ha candidamente confessato che questo è il suo primo lavoro in lingua italiana, dopo aver diretto attori sudamericani ed anglosassoni. Nulla di tutto questo traspare però alla visione del film La radio, pellicola intensa e pregna nonostante gli evidenti limiti imposti dallo stesso regista: si gira interamente in una polverosa cantina, con tre soli personaggi, una radio e pochissimi altri elementi. La storia, apparentemente, fa quindi del minimalismo il suo principale …

Leggi la recensione completa di La radio

Cast

Fabrizio Gifuni Fabrizio Gifuni Sergio
Barbora Bobulova Barbora Bobulova Lella
Fabrizio Rongione Fabrizio Rongione Roberto

Vai al cast completo di La radio

Immagini e foto

Vai alla galleria completa

News e articoli

  • Davide Sordella parla di sè e del film La radio

    Davide Sordella parla di sè e del film La radio

    All'anteprima nazionale del film La radio, proiettato alla rassegna-cineforum Sguardi di cinema italiano Davide Sordella ci ha parlato del lavoro di regista e del suo primo lungometraggio.

  • Recensione La radio (2003)

    Recensione La radio (2003)

    Questo film, torbido come il vecchio vino conservato in cantina, spigoloso e fastidioso come un sassolino nella scarpa ma anche sensuale come una bianca sciarpa di seta, è una pellicola sorprendente.