Sempre più bello, Giancarlo Commare e Ludovica Francesconi: “Stavolta è vero amore”

La video intervista a Giancarlo Commare e Ludovica Francesconi, protagonisti di Sempre più bello, ultimo capitolo della trilogia dramedy cominciata con Sul più bello e proseguita con Ancora più bello.

INTERVISTA di 01/02/2022
Sempre Piu Bello 5 3Ueulnr
Sempre più bello: una scena del film

Dopo Sul più bello e Ancora più bello (disponibili su Amazon Prime Video), con Sempre più bello, in sala il 31 gennaio, 1 e 2 febbraio, si conclude la trilogia ispirata al romanzo di Eleonora Gaggero, prodotta e scritta da Roberto Proia insieme a Michela Straniero. Dopo aver cercato l'amore in ogni dove, Marta (Ludovica Francesconi), sembra averlo davvero trovato in Gabriele (Giancarlo Commare).

Sempre Piu Bello 7
Sempre più bello: Ludovica Francesconi e Giancarlo Commare in una scena

La mucoviscidosi però non l'aiuta e nemmeno la figura ingombrante della nonna (Drusilla Foer). Marta vuole dimenticarla e con lei il suo passato, ma Gabriele si impunta: secondo lui la ragazza ha bisogno di fare pace con la famiglia. Diretto da Claudio Norza, che raccoglie il testimone di Alice Filippi, Sempre più bello è stato presentato in anteprima alla Festa del cinema di Roma 2021.

In quell'occasione abbiamo incontrato i protagonisti, Ludovica Francesconi (che ha debuttato come attrice al cinema proprio con il ruolo di Marta) e Giancarlo Commare. Gli attori sono d'accordo: stavolta tra Marta e Gabriele è vero amore.

La video intervista a Giancarlo Commare e Ludovica Francesconi

Ancora più bello, la recensione: La favola continua

Sempre più bello: finalmente il vero amore

Dopo due film pieni di incertezza, in questo terzo capitolo possiamo dirlo senza esitazione: tra Marta e Gabriele è vero amore. Giusto?

Sempre Piu Bello
Locandina di Sempre più bello

Giancarlo Commare: Abbiamo confermato questa cosa, quindi la lotta di Gabriele è servita a qualcosa. Succedono tante cose importanti in questo film: c'è una crescita sia personale dei personaggi, sia di coppia, sia di gruppo. Sicuramente ciò che portano in scena tutti quanti è l'idea di andare sempre avanti, senza mollare mai. Rialzarsi sempre da ogni difficoltà. Che tu lo faccia da solo o in gruppo, circondato da amici, da persone che ti amano, l'importante è sempre rialzarsi.

Sempre più bello, la recensione: Un nuovo modo di concepire la bellezza

Sempre più bello: Drusilla Foer è una nonna cattivissima

Conosciamo anche un pezzo della famiglia di Marta: la nonna, interpretata da Drusilla Foer, è cattivissima. Sembra quasi una villain della Disney!

Sempre Piu Bello 4 Fdkalx6
Sempre più bello: Drusilla Foer in una scena del film

Ludovica Francesconi: Questa nonna è severissima. Marta ha avuto un trauma molto forte, ovvero la perdita dei genitori, quindi il fatto che non abbia mai accettato la nonna e che si sia allontanata da lei era anche perché cercava quel senso di famiglia che poi ha ritrovato nei suoi migliori amici. Per lei quella è la sua vera famiglia. Viene presentata solo ora perché Marta non l'ha mai accettata. Ma, per colpa di Gabriele, si troverà a confrontarsi con lei.

Sempre più bello e la famiglia

In questa trilogia ci sono tanti tipi di famiglie diverse. Per voi che cos'è la famiglia?

Giancarlo Commare: Il concetto di famiglia per me è molto ampio. Non per forza significa la famiglia in cui sei nato e cresciuto. Parlo per me: la mia famiglia è mia madre, mia sorella, i miei nonni, che sono le persone con le quali sono cresciuto e che mi hanno sostenuto. Ma anche tutte le persone che mi stanno attorno, che sono i miei amici. Li chiamo famiglia. Attualmente, da poco, ho la fortuna di vivere con due di loro: noi ci sentiamo una vera famiglia, non siamo dei coinquilini, ci vogliamo bene. Nella famiglia ci nasci ma la puoi anche trovare nel corso della tua vita.

Sul più bello, dramedy a metà tra Amelie e La La Land: "Esorcizziamo la malattia con colori pop"

Sempre Piu Bello 8
Sempre più bello: una sequenza del film

Ludovica Francesconi: Per me famiglia è proprio sentirsi a casa: quella zona di comfort in cui puoi anche spogliarti delle maschere che metti fuori. Dove non hai paura di mostrare le tue fragilità, a prescindere dal fatto che possano essere parenti, genitori, nonni o degli amici. La scegli la famiglia: quando cresci e ti allontani dai genitori si crea un'altra famiglia e anche mantenere dei rapporti è una scelta. Quindi famiglia è proprio scegliere di frequentare delle persone e aprirsi ad esse.