Notre-Dame in fiamme, la recensione: Dare la dignità del reale a immagini di finzione

La recensione di Notre-Dame in fiamme: il nuovo film di Jean-Jacques Annaud, al cinema dal 28 marzo e su Sky Cinema e NOW dal 15 aprile, racconta le 24 ore che precedono la mattina del 16 aprile 2019, quando l'incendio che ha devastato la cattedrale di Notre-Dame è stato dichiarato sotto controllo.

RECENSIONE di 28/03/2022
Notre Dame In Fiamme Ph Cr David Koskas 1 2
Notre-Dame in fiamme: un dettaglio della cattedrale in fiamme

"Tutto è vero senza che niente sembri verosimile". La frase di Antoine Rivaroli apre la recensione di Notre-Dame in fiamme come apre il nuovo film di Jean-Jacques Annaud, in uscita al cinema dal 28 marzo e su Sky Cinema e NOW dal 15 aprile. Il film racconta le 24 ore che precedono la mattina del 16 aprile 2019, quando finalmente l'incendio che ha devastato la cattedrale di Notre-Dame è stato dichiarato sotto controllo. Ed è una frase che può aver senso se pensiamo al tipo di film che, con rigore e passione, Annaud ha cercato di fare. Notre-Dame in fiamme, mescolando immagini di repertorio e film di finzione, prova a ricostruire le ore dell'incendio di Parigi come se la troupe fosse lì a girare in quei precisi momenti. Il risultato è sorprendente e a tratti commovente: in un film verità girato come un reportage giornalistico non manca la poesia.

Le fiamme divampano

Notre Dame In Fiamme Ph Cr Mickael Lefevre 7 7
Notre-Dame in fiamme: una sequenza del film

Un ragazzo di origine africana suona timidamente alla porta della sacrestia di Notre-Dame. È il suo primo giorno di lavoro, e dovrà occuparsi degli allarmi antincendio. Nel frattempo vediamo arrivare gli operai che stanno lavorando alla ristrutturazione del tetto, i turisti e le guide che illustrano loro la storia e le opere d'arte della cattedrale, i fedeli, tra cui una mamma e una bambina che vuole accendere una candela alla Madonna, arrivare per la messa del Lunedì dell'Angelo. Qualcosa va storto: un filo elettrico sembra fare contatto, qualcosa prende fuoco, ma l'allarme, inizialmente, viene ignorato. Quando scattano i soccorsi, l'incendio è scoppiato e le fiamme divampano su tutto il tetto della Cattedrale.

L'ultimo lupo: al cinema la fiaba ecologica di Jean-Jacques Annaud

Un racconto corale

Notre Dame In Fiamme Ph Cr Mickael Lefevre 7 6
Notre-Dame in fiamme: un momento del film

Jean-Jacques Annaud è sempre stato un maestro a muoversi tra realtà e finzione, tra scritto e non scritto, tra documentario e cinema. Pensiamo ai suoi film come L'orso e Due fratelli, girati con degli animali, e quindi non recitati, ma appassionanti come se in scena ci fossero dei grandi attori. In Notre-Dame in fiamme Annaud segue tanti singoli personaggi sulla scena, in un racconto corale sul modello di tanti film americani ambientati in scene di catastrofi collettive. Qui, però, a differenza di quel tipo di cinema, non c'è un vero protagonista che catalizza l'attenzione e rappresenta un punto di vista, ma tutti i personaggi sono sullo stesso piano, da Emmanuel Macron all'ultimo assunto nello staff della sicurezza della Cattedrale. Una scelta molto democratica. A differenza di un certo cinema americano, inoltre, Annaud non segue i personaggi dall'inizio della loro giornata a fine della vicenda, ma li fa entrare in scena e li fa agire solo nel momento in cui sono funzionali al racconto d'insieme. Quella bambina, però, ce la farà vedere fino al finale, per dare un tocco di commozione in più a una storia che vuole essere la cronaca dell'accaduto, ma pian piano si riempie di molti significati.

Notre Dame In Fiamme Ph Cr Mickael Lefevre 7 1
Notre-Dame in fiamme: una scena

Fondere vero e verosimile

Notre Dame In Fiamme Ph Cr Mickael Lefevre 7 2
Notre-Dame in fiamme: una scena del film

Con Notre-Dame in fiamme Annaud cerca di ricreare, sia nella sostanza che nella forma, la verità del documentario, del reportage giornalistico. Non ricerca, se non in alcuni, riusciti, momenti, l'immagine cinematografica, artistica, la sequenza ad effetto, ma cerca l'immagine che colga l'azione, che sia vibrante, realistica. E, appunto, verosimile, come recita la frase che apre il film, e non reale, perché quella non è stata possibile coglierla in quell'attimo. Ma, accanto al verosimile, c'è anche il vero. Guardate come usa lo split screen in alcune sequenze. Da un lato è per unire il campo e il controcampo, per mostrare contemporaneamente la tragedia dove avviene, ma anche per coglierla negli occhi di chi guarda, dall'altra parte della Senna. Ma in quello schermo diviso in due riesce anche a riunire l'immagine di repertorio, quella colta dalle telecamere in quei momenti, e - per fortuna - irripetibile, e quella della ricostruzione filmata, girata con uno stile - fotografia, inquadrature, montaggio - che sia simile a quello delle riprese giornalistiche dal vivo. In modo che i due aspetti, vero e verosimile, si fondino e diventino un tutt'uno. È in questo modo, accostando le due immagini, che Annaud prova a dare il senso di verità, la dignità del reale anche alla finzione.

Il principe del deserto, il Medio Oriente di Jean-Jacques Annaud

L'importanza dei simboli

Notre Dame In Fiamme Ph Cr Mickael Lefevre 7 3
Notre-Dame in fiamme: un'immagine

Notre-Dame in fiamme è così, è un film vibrante, carico di suspense, è adrenalina, è azione pura. È orchestrato come se fosse la sintesi di una diretta televisiva di 24 ore, con l'idea di andare lì, dentro ai fatti, dove la diretta non può andare. Ma in realtà è molto di più. Ci sono sottotesti che, senza alcun commento o sottolineatura, escono dalle immagini e dell'azione. C'è il rimpianto per non essere riusciti ad evitare il disastro e a intervenire prima. C'è il senso della fatalità, di una tragedia senza un vero colpevole. E c'è il dolore enorme nel vedere soffrire e morire l'arte, proprio colei che è la testimonianza del nostro sentire e del nostro essere umani. Proprio colei che dovrebbe elevare l'animo umano, curarlo, e che a volte invece non riusciamo a curare, a proteggere. L'impresa di salvare le opere d'arte, riuscita, è una delle cose più emozionanti di questa storia, ed è la nota di speranza più forte che esce dal film. C'è infine, nell'impegno con cui vengono salvate le reliquie, il senso dell'importanza dei simboli, per chi ha fede in Dio, ma anche per chi ha fede nell'Arte e nella Storia.

Notre Dame In Fiamme Ph Cr David Koskas 1 1
Notre-Dame in fiamme: i vigili del fuoco lottano contro l'incendio

La Madonna assiste impassibile

Notre Dame In Fiamme Ph Cr Guy Ferrandis 1 2
Notre-Dame in fiamme: una foto del film

E in tutto questo rincorrersi di immagini di fuoco, di acqua, di crolli, di pompieri e di addetti alla sicurezza, c'è un'immagine forte, quella di chi sta fermo. L'immagine della Madonna, della Notre-Dame a cui è intitolata la cattedrale, la statua di marmo, che assiste impassibile al disastro. Ma poi quella Madonna la vediamo piangere: non c'è nessun miracolo, sono le gocce dell'acqua che i pompieri stanno lanciando senza sosta per spegnere le fiamme che si posano per un attimo sul suo volto. E che ci fanno pensare che la Nostra Signora abbia fatto qualcosa per salvare, almeno in parte, la cattedrale. Quella bambina le aveva acceso una candelina, con un cuore messo apposta per lei. E sembra che la Madonna l'abbia ascoltata. È da questi particolari che si capisce quando è un grande film.

Conclusioni

Nella recensione di Notre-Dame in fiamme vi abbiamo parlato di un film che, mescolando immagini di repertorio e di finzione, prova a ricostruire le ore dell'incendio di Parigi come se la troupe fosse lì a girare in quei precisi momenti. Il risultato è sorprendente e commovente: in un film verità girato come un reportage giornalistico non manca la poesia.

Movieplayer.it

4.0/5

Voto medio

4.2/5

Perché ci piace

  • La scelta rigorosa di girare un film con immagini vicine al racconto del reale.
  • La scelta di non avere alcun protagonista, ma tanti personaggi che entrano in scena solo se funzionali al racconto.
  • I sottotesti, dal senso di rimpianto, all'importanza dell'arte e dei simboli.

Cosa non va

  • Lo stile scelto, coraggioso ed efficace, all'inizio potrebbe disorientare qualcuno.