Il trattamento reale, la recensione: la nuova rom com Netflix con Mena Massoud e Laura Marano

La recensione de Il trattamento reale: la storia di un amore all'apparenza improbabile tra un principe e una parrucchiera di New York.

RECENSIONE di 21/01/2022
Il Trattamento Reale Kirsty Griffin Netflix 2021 14
Il trattamento reale: Laura Marano durante una scena del film

Netflix è ormai un punto di riferimento imprescindibile per tutti coloro che sono alla continua ricerca di commedie romantiche da guardare senza impegno. Gli amanti del genere non potranno quindi che essere entusiasti per una delle ultime arrivate sulla piattaforma dal titolo Il Trattamento Reale. Il film è l'ultimo lavoro di un regista assai navigato: Rick Jacobson nel corso della sua carriera ha, infatti, diretto diversi episodi di serie televisive di successo come Baywatch, Xena - Principessa guerriera, Spartacus e Ash vs Evil Dead. Questa volta, però, lo troviamo alle prese con una storia d'amore che ruota attorno all'ormai ben nota premessa degli opposti che si attraggono: una parrucchiera di New York dal cuore d'oro si innamora del principe dell'immaginario stato di Lavania, già promesso in sposo a un'altra donna. A vestire i panni dei protagonisti troviamo Laura Marano, già nota ai fedelissimi della categoria romantica su Netflix per essere la protagonista di The Perfect Date e Mena Massoud, Aladdin nell'omonimo remake in live action del celebre cartone animato Disney. Come vedremo nella nostra recensione de Il trattamento reale, la pellicola è un calderone di emancipazione femminile, cliché sugli italo-americani e immancabili tropi della commedia romantica, perfetto per chi cerca il lieto fine a tutti i costi, un po' meno per coloro che sono stanchi della banalità.

Galeotto fu un taglio di capelli

Il Trattamento Reale Kirsty Griffin Netflix 2021 13
Il trattamento reale: Laura Marano e Mena Massoud in una scena

Isabella detta Izzy (Laura Marano) è la tenace proprietaria di un salone di parrucchiere di New York, le cui origini italiane ci vengono rese note fin da subito. Dispensatrice di sorrisi (e ciambelle) e paladina delle ingiustizie, Izzy porta faticosamente avanti la propria attività insieme alla madre (Amanda Billing), alla nonna (Elizabeth Hawthorne) e alle eccentriche colleghe Destiny (Chelsie Preston Crayford) e Lola (Grace Bentley-Tsibuah). Mentre la ragazza è alle prese con l'ennesimo problema all'impianto elettrico del salone, il principe dell'immaginario e multiculturale stato di Lavania, Thomas (Mena Massoud), è in visita a New York per la sua festa di fidanzamento; il rampollo è, infatti, promesso in sposo alla ricca ereditiera Lauren (Phoenix Connolly). Bisognoso di un taglio di capelli, Thomas incarica il suo segretario Walter (Cameron Rhodes) di assoldare una parrucchiera che possa domare i suoi ricci ribelli; ovviamente, grazie a un fortunato scherzo del destino, Walter contatta proprio il salone di Izzy. Tra la ragazza e il principe nasce (quasi) subito un feeling e quest'ultimo decide di ingaggiare lei e il suo entourage per acconciare i capelli di tutti i partecipanti al matrimonio reale che si terrà proprio nello stato di Lavania.

Girl Power

Il Trattamento Reale Kirsty Griffin Netflix 2021 2
Il trattamento reale: Laura Marano in una scena

L'impronta femminista della pellicola firmata Rick Jacobson emerge chiara e forte fin dai suoi primi minuti. Izzy ci viene mostrata come una ragazza indipendente che, grazie al proprio sacrificio, riesce a mandare avanti un'attività di stampo matriarcale in cui non è minimamente contemplata la presenza maschile. Nemmeno l'incontro con il giovane e affascinante principe di Lavania la mette in soggezione, anzi: la ragazza si dimostra fin da subito pronta a rimetterlo al proprio posto quando il rampollo rimane impassibile di fronte a un'ingiustizia perpetrata ai danni di una sua dipendente. Il trattamento reale diventa, così, l'antitesi delle classiche fiabe in cui un principe salva la donzella in difficoltà da una miserabile vita. Izzy non solo se la cava benissimo da sola ma, in qualche modo salva anche Thomas da un'esistenza ottusa trascorsa esclusivamente tra le mura del suo palazzo, spalancandogli gli occhi sulla bellezza del suo regno e del suo popolo. Lodevole (e per nulla scontato) anche il fatto che Izzy e la promessa sposa Lauren non ci vengano mostrate in contrasto tra loro, al contrario vanno perfettamente d'accordo e dimostrino di avere una stima reciproca. La stessa Lauren, poi, non sogna quel matrimonio combinato e impostole dalla madre ma desidera profondamente affermare se stessa dando vita alla realtà imprenditoriale che progetta da anni.

87 Film da guardare su Netflix

"...ma sei nato in Italy"

Il Trattamento Reale Kirsty Griffin Netflix 2021 16
Il trattamento reale: Laura Marano in un'immagine

Come abbiamo già detto, le origini italiane, siciliane nello specifico, di Izzy e della sua famiglia ci vengono rese note fin dall'inizio, a suon di canzoni nazional popolari ed elargizione a destra e a manca di cibo. Il trattamento reale non si sforza minimamente di fornire un ritratto scevro dagli stereotipi degli italoamericani; al contrario calca eccessivamente la mano, ponendo l'accento sull'attitudine allo schiamazzo, sull'esagerato attaccamento agli oneri familiari e sulla assoluta e imprescindibile centralità della cucina. Assistiamo, così, a imbarazzanti trenini sulle note di Tintarella di luna o Il ballo del mattone, mentre la nostra protagonista stringe degli spaghetti in una mano e una bottiglia di vino nell'altra. O a scene in cui, in particolare l'irrefrenabile nonna, distribuisce leccornie gastronomiche alle quali è vietato dire di no, per non offendere il buon cuore degli abitanti del Bel Paese. Un ritratto ormai decisamente anacronistico (e per fortuna sorpassato) degli italiani nel mondo che speravamo di non dover più rivedere.

L'amore vince su tutto

Il Trattamento Reale Kirsty Griffin Netflix 2021 15
Il trattamento reale: Mena Massoud a cavallo in una scena

Al di là dell'emancipazione femminile e degli stereotipi legati all'italianità, Il trattamento reale ripercorre in tutto e per tutto quei tropi della commedia romantica che non passano mai di moda e che diventano i migliori alleati per una visione totalmente disimpegnata. Situazioni totalmente improbabili, che rappresentano le premesse stesse del film, trasportano lo spettatore (non senza qualche sorrisetto o alzata di sopracciglio) verso un prevedibile quanto desiderabile lieto fine. Una fiaba di stampo disneyano nella quale l'incredibile (e decisamente troppo repentina) chimica tra i due protagonisti, così diversi nell'estrazione sociale ma così uguali nella bontà d'animo, non fa che enfatizzare quello che alla fine si rivela essere il vero (e un po' banale) messaggio del film: l'amore vince su tutto.

Conclusioni

Come abbiamo visto nella nostra recensione de Il trattamento reale, il film diretto da Rick Jacobson e con protagonisti Laura Marano (The Perfect Date) e Mena Massoud (Aladdin) incarna in tutto e per tutto quelli che sono i tropi classici della commedia romantica, tanto banali quanto compagni ideali di una visione disimpegnata e sognante. Da lodare l'intento del film di farsi portatore di un'idea di emancipazione femminile al passo coi tempi mentre ciò che ci saremmo anche risparmiati di vedere sono i soliti cliché legati all'italianità.

Movieplayer.it

3.0/5

Voto medio

2.5/5

Perché ci piace

  • Pone l'accento sull'emancipazione femminile.
  • Buona alchimia tra i suoi protagonisti.

Cosa non va

  • Ricalca perfettamente i classici tropi della commedia romantica.
  • Troppi cliché sugli italiani.