Il traditore, la recensione: Marco Bellocchio racconta una pagina di storia italiana

La nostra recensione de Il traditore, il film di Marco Bellocchio in concorso a Cannes 2019 con un magnifico Pierfrancesco Favino.

RECENSIONE di 23/05/2019
Il Traditore 4
Il Traditore: una scena del film di Marco Bellocchio

Marco Bellocchio è un regista che ha già affrontato e raccontato la nostra storia e con Il traditore torna a farlo dedicandosi a una pagina ampia, corposa e dolorosa, seguendo l'evoluzione di un personaggio che ha segnato gli ultimi decenni del secolo scorso con le sue rivelazioni in ambito mafioso, andandosi a intrecciare saldamente con gli sviluppi del rapporto Stato/Mafia del nostro paese. Se Pierfrancesco Favino sia riuscito a rendere un ritratto efficace di Tommaso Buscetta, il primo pentito italiano, è uno dei punti principali di questa nostra recensione de Il traditore, perché è chiaro che il film dell'autore di Buongiorno, notte, in concorso a Cannes 2019, si affida soprattutto sulla sua prova attoriale.

La trama de Il traditore che racconta la storia

Trattandosi di un film che racconta uno spaccato di realtà, non è il contenuto della trama de Il traditore a stupire, quanto piuttosto la costruzione dello script del film che sceglie di seguire Tommaso Buscetta, il Boss dei due mondi, per un intervallo di tempo molto lungo. Conseguenza di ciò è una delle poche perplessità che ci ha lasciato il film di Bellocchio, che vive di alcuni passaggi piuttosto bruschi. La storia apre sin dagli anni '80 e dall'arresto di Buscetta in Brasile per l'estradizione in Italia, passando per il complesso rapporto col il giudice Giovanni Falcone, la strage di Capaci e gli sviluppi successivi che hanno portato alla fuga definitiva dal nostro paese.

Il Traditore: uscita del film a 27 anni da strage di Capaci "offende" il figlio del caposcorta di Falcone

Pierfrancesco Favino mattatore tra personaggi strappati alla realtà

Il Traditore 8
Il Traditore: Pierfrancesco Favino in un momento del film

Quanto detto poco sopra fa intuire che il lavoro di Pierfrancesco Favino viene accompagnato anche da diversi cambiamenti fisici intercorsi nei venti e passa anni che scorrono davanti ai nostri occhi. Venti anni di storia italiana popolati da una schiera di personaggi che hanno accompagnato la storia di Buscetta con ruoli e interessi differenti. Tra questi spicca Maria Fernanda Cândido, che offre un intenso ritratto di Cristina, moglie del protagonista, ma meritano una menzione anche Fabrizio Ferracane, Luigi Lo Cascio e Nicola Calì, rispettivamente nei panni di Pippo Calò, Totuccio Contorno e Totò Riina.

Un discorso a parte va fatto su Fausto Russo Alesi che tratteggia la figura di Giovanni Falcone e costruisce insieme a Favino il sottile e complesso rapporto che intercorre tra i due. Ma se tutto gira a dovere è perché è solido il perno di questo racconto che si dipana nel corso del tempo e che Favino segue con consapevole adattamento al contesto in cui si muove con sicurezza, alternando i modi da uomo che sa conquistare la simpatia della gente a quelli duri da uomo di Cosa Nostra. Non scopriamo oggi la bravura dell'attore italiano, ma non capita di frequente che abbia la possibilità di dedicarsi a un ruolo di tale spessore e importanza.

La mano sicura di Marco Bellocchio

Il Traditore 3
Il Traditore: Fausto Russo Alesi e Pierfrancesco Favino in una scena del film

L'abilità di Favino va di pari passo con quella dell'autore della pellicola, perché è vero che l'interprete diventa Buscetta e ci accoglie nel suo mondo, ma è la solida messa in scena di Marco Bellocchio ad accompagnarci attraverso gli anni e la lucida selezione di quei momenti dell'evoluzione del personaggio e la sua storia che meglio assecondano e sostengono la chiave di lettura scelta per portarlo in scena. In questo lungo cammino, Bellocchio non cerca lo spettacolo, si mette al servizio dell'ampia pagina di storia che vuole raccontare, ma si concede almeno una sequenza di grande impatto visivo ed emotivo. Colpisce quando serve, ma ci lascia il tempo e lo spazio per riflettere sul personaggio e ciò che rappresenta nella storia del nostro paese.

Conclusioni

Per sintetizzare la nostra recensione de Il traditore, confermiamo l’apprezzamento per la prova attoriale di Pierfrancesco Favino nel dar vita a Tommaso Buscetta e i suoi cambiamenti nel corso degli oltre vent’anni affrontati dal film di Bellocchio, che ci è parso nel complesso riuscito e importante nel mettere in scena la chiave di lettura scelta per il personaggio.

Movieplayer.it

3.5/5

Voto medio

4.1/5

Perché ci piace

  • La prova di Pierfrancesco Favino, attore maturo e versatile qui ampiamente valorizzato.
  • La chiave di lettura sul personaggio di Buscetta, che seguiamo per oltre vent’anni della sua turbolenta vita.
  • Il tono scelto, potente quando serve ma altrimenti dimesso, per lasciarci spazio per la riflessione.

Cosa non va

  • Alcuni passaggi un po’ bruschi nell’ambito dell’evoluzione della storia.