Gomorra: le migliori frasi e citazioni della serie

Le migliori frasi di Gomorra - la serie, da Genny e Ciro a Salvatore Conte e i Savastano, con qualche delucidazione e curiosità su alcuni termini; i tormentoni, le battute sui temi al centro della serie: amore e famiglia, donne e rivali, cibo e potere.

APPROFONDIMENTO di 27/04/2020

Sin dal primo episodio di Gomorra - La Serie, il linguaggio dei protagonisti è stato uno degli elementi più discussi della serie. Una vera sfida per il network e anche per gli spettatori che non conoscono il napoletano. E come se non bastasse, il più delle volte il dialetto che anima le migliori frasi di Gomorra e i dialoghi della serie, è un napoletano "sporco", uno slang delle periferie e dei quartieri "difficili" che raramente ascolterete nelle zone più centrali e "perbene" della città. Le vocali si espandono, e si gonfiano un po' quasi a mostrare una certa spavalderia cafona, e alcune consonanti spariscono senza lasciare tracce, mentre le parole si contraggono, si fanno meno gentili e più aggressive e volgari.

Un po' come l'urlo di 'o Track, quando dai terrazzi delle Vele, grida a qualcuno poco distante "M'sient? T'appoooost?" - che è un grido che sancisce la difesa del proprio territorio, quei palazzoni grigi, centro di traffici, regolamenti di conti, rivalità, sangue e affari. Gomorra però ci ha regalato anche tante frasi e dialoghi indimenticabili e diventate immediatamente dei tormentoni veicolati dai social e dalla genialità dei The Jackal, che con Gli effetti di Gomorra sulla gente ha contribuito a consolidarne il successo. Abbiamo voluto raccoglierne alcune che trovate di seguito, e riproporvele insieme a qualche considerazione che potrà togliere qualche curiosità a chi non conosce il dialetto. In esse sono racchiusi i temi centrali della serie: si parla di guerra e amore, di famiglia e di morte, di essere uomini o donne all'ombra delle Vele, in quel di Secondigliano.

Attenzione, le frasi di seguito sono uno spoiler alla prima, seconda, terza e quarta stagione di Gomorra.

Il cibo - A tavola e in guerra tutto è permesso

Si 'nu juorno t'avessa veni' 'a nostalgia, ricuordate c'a pizza meglio 'e Napule 'a facimmo nuje a Furcella

Sangue Blu a Ciro, stagione 3

Mammà, tu avisse partecipa' a 'nu programma 'e cucina dint' 'a televisione!

Salvatore Conte, stagione 1

O scialatiello 'o ssai comme se fa? Cu 'e frutt' 'e mare... e po' ce vo' 'o cucchiaro.

Pietro Savastano, stagione 2

Deux fritures.

Salvatore Conte, stagione 1

Chi segue Gomorra - la serie sin dal primo episodio lo sa bene: tra un regolamento di conti e l'altro ai protagonisti della serie piace sedersi a tavola. Conte ha una predilezione per la cucina di mammà (e per le fritture, alle quali non rinuncia neanche quando è fuori Napoli) ma anche gli altri sono buone forchette. Tra teglie di parmigiana di melanzane introdotte in carcere (sia per Don Pietro che per Lelluccio, il figlio di Scianel) e scialatielli (un particolare tipo di pasta fresca fatta a mano) i boss si riempiono la pancia volentieri (e allo spettatore viene fame.) Non mancano poi i riferimenti nostalgici alla pizza, piatto simbolo della cucina partenopea. E poi c'è Donna Imma che tra una forchettata di pasta e l'altra, riesce anche a sbrigare questioni di lavoro rimaste in sospeso.

Gomorra - la serie: Marco Palvetti in una scena
Gomorra - la serie: Marco Palvetti in una scena

Le donne - Femmene, leonesse, iene.

Te veco cchiù selvaggia, cchiù leonessa!

Pietro Savastano a sua moglie Imma, stagione 1

Je 'o saccio che state penzanno! Voi dividete il mondo in quelli che non uccidono e in quelli che uccidono, e vi pensate che siccome io sono una femmina appartengo alla prima categoria, e ve sbagliate.

Imma Savastano, stagione 1

A guerra nun 'a vince chi è chiù forte, 'a vince chi è cchiù brav' a aspetta'. E chest' nisciuno 'o ssap' fa meglio di noi femmine!

Imma Savastano, stagione 1

Maria Pia Calzone è Donna Imma in Gomorra - la serie
Maria Pia Calzone è Donna Imma in Gomorra - la serie

O saje chi song ij? Ij so Scianel.. o saje pecchè m chiamm'n accussì? Pecchè ne capisc assaj'e e prufum: e tu puzz già e muort

Scianel, stagione 2

A vuo' sape' 'a verità, nennè? 'E femmene nun so' fatte pe' fa' 'e mugliere. È un mestiere difficile assaje, ma c'o fanno 'mpara'. E che ti credi, che nun me fosse piaciuto pure a mme, a me fa' 'na vita mia, 'e cazz' miei? Io so' sempe stata 'na femmena libbera, ma a forza 'e carocchie m'hanno fatto cala' 'e 'scelle: a finale so' stata 'na brava mugliera e 'na buona mamma. Puo' impara' pure tu. Marine', ce sta sultanto 'na manera pe' 'na femmena si o vero vo' essere libera: nun adda tene' nisciuno marito.

Scianel, a sua nuora Marinella stagione 2

'Na iena è meglio! 'A pantera è bella assaje, ma nun conta 'nu cazzo! Invece 'mmiezz' ê jene a cummanna' song' 'e femmene!

Scianel, stagione 2

A Secondigliano tratto tutti comm 'e figli. Ma si' sbagliano anna pavà.

Patrizia, stagione 4

Donna Imma, Scianel, Patrizia e le altre: Gomorra ci ha regalato figure femminili memorabili, che si sono sapute imporre in uno scenario dominato dagli uomini. Imma, una leonessa che al momento opportuno non esita a guidare il clan di suo marito, con grande intelligenza ma anche scelte drastiche. E poi Scianel, ruvida, volgare, istintiva, spietata. Una vera iena che ha scelto di essere libera. Ed è proprio come dice lei, tra le iene comandano le femmine più grosse, e scelgono i maschi con cui accoppiarsi. Una curiosità: le carocchie sono dei piccoli cazzotti dati sulla sommità della testa, con il dito medio sporto in avanti. Piccoli e dolorosi.

Gomorra 2 - Cristina Donadio è Scianel
Gomorra 2 - Cristina Donadio è Scianel

Tu nun si' ommo, Carme'

È chello c'aggio fatto: l'ommo. L'ommo e 'a mamma, primma pe' tte e mo l'aggia continua' a ffa' pure pe' Cosimino, pecché tu 'ncapa tienne 'o ggas.

Sangue Blu e sua sorella Carmela, su "cose da uomini" stagione 3

Ieri notte agg' vist 'nu documentario per televisione 'ngopp all'api. 'E maschi nun fann nient ra' matina a' sera. Si scetano sul quann 'a madre regina 'e mmann a chiammà. S'accoppiano uno 'a vota per 'na questione 'e sicurezza, e chiavano accussì assaje ca ce scoppiano 'e ppall. E po' moreno. Un appriess a n'ato. Tanto nun servono cchiù a niente.

Patrizia, stagione 4

Un'inedita Patrizia con la passione per i documentari spiega minacciosamente a suo marito Michelangelo che i maschi delle api non fanno nulla dalla mattina alla sera e si svegliano solo quando la Regina li manda a chiamare, per accoppiarsi. Si accoppiano uno alla volta, per una questione di sicurezza, e si accoppiano così tanto, che alla fine non ce la fanno più e muoiono, uno dietro l'altro. "Tanto non servono più a niente", dice lei.

La famiglia - Sangue del mio sangue

Genna', tu si figlio a me! Nun tiene bisogno 'e possibilità!

Pietro Savastano, a suo figlio Genny stagione 1

'O sang' se mastica ma nun se sputa.

Pietro Savastano, stagione 2

A pat'm nun l'ha accis Ciro Di Marzio. L'ha accis o' velen ca tenimm tutt quant n'cuorp. Nuje o sapimme ca ce sta, ma nun o putimme sputà for.

Genny Savastano stagione 3

Gomorra: Fortunato Cerlino e Salvatore Esposito interpretano Pietro e Genny
Gomorra: Fortunato Cerlino e Salvatore Esposito interpretano Pietro e Genny

Sul quanno te toccan 'o sang se ver chi si' overament. Io l'agg visto e iss ha vist a me. Perciò iss è cchiù d'o sang mio

Genny Savastano a Patrizia (su Ciro) stagione 3

Genny: "Nun me dicere maje ca songo nu sconosciuto. Pecché je songo 'o marito e figlieta, song' 'o padre 'e tuo nipote. E chesta è 'na cosa ca nun t'e scurdà maje!"
Don Giuseppe Avitabile: "Si ce sta 'na cosa ca nun me voglio scurda', è proprio chesta!

Scambio di vedute tra Genny e Don Giuseppe Avitabile stagione 3

Genny: Me pare nu principe.
Azzurra: Ma 'o padre ancora nun è re.

Azzurra gela Genny, suo marito e padre del piccolo Pietro stagione 3

Chille t'hanno accise nu padre e nun t'hanno lassate manco nu cuorpo 'a sutterra'. Nuje simmo figlie 'e fantasmi e 'e fantasmi nun trovano pace.

Sangue Blu a sua sorella Carmela stagione 3

Gomorra - La Serie: Arturo Muselli in una scena del decimo episodio
Gomorra - La Serie: Arturo Muselli in una scena del decimo episodio

Amici e nemici - Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio

A Don Pietro Savastano, come lui ci sta sulament' Hamsik!

Zecchinetta, stagione 1

'O chiattone? Ma quanno mai, chillo tene a capa' pe' spartere 'e rrecchie!

Salvatore Conte, su Genny Savastano stagione 1

A capa per spartere 'e recchie, ovvero "ha la testa solo per tenere le orecchie divise tra loro", si dice di chi ha la testa vuota, la "capa fresca" o piena di cose futili. Esattamente come era il "primo" Genny Savastano, la cui unica preoccupazione era di farsi compare una moto nuova. "E certo Genny bello, di che colore la vuoi?" chiede il padre, con rassegnazione. "Rossa!" risponde lui.

Bevilo! Tutto! Famme capi' se me pozz' fida' e te! Se si' sul' un' ca racconta strunzat' o se mio figlio e i miei affari 'e pozz' mettere 'mman' a te!

Pietro Savastano, a Ciro Di Marzio stagione 1

Vien' accà! Vien' a te piglia' 'o perdono! Vien'accà! È tutt' appost piccirill'! Tutt' appost! È fernut' tutt' cos'!

Salvatore Conte, a Danielino stagione 1

Queste indubbiamente sono le battute più famose di Gomorra: quella relativa alla scena in cui Don Pietro Savastano obbliga il suo braccio destro Ciro Di Marzio a bere la sua urina in un bicchiere da prosecco per sincerarsi della sua assoluta fedeltà ha ispirato diversi meme e parodie. Anche la battuta che chiude la scena in cui Don Salvatore accoglie tra le sue braccia Daniele per poi sparargli alla tempia è cult.

Sti cazze 'e russe: stanne chine 'e sorde e cattiveria... e se penzano ca basta chello pe' cumanna'... e se penzano malamente, ce vo' chesto! (indicandosi la testa) Tengono ancora 'nu sacco 'e strada 'a fa'.

Salvatore Conte, stagione 1

Io nun m' fido cchiù e me stesso ... però 'e te sì, Cirù!

Genny Savastano a Ciro Di Marzio stagione 3

Gomorra - la serie, prima stagione: Marco D'Amore con Salvatore Esposito (Ciro e Genny)
Gomorra - la serie, prima stagione: Marco D'Amore con Salvatore Esposito (Ciro e Genny)

Sangueblu: "Iss c'ha dato sulo ll'arme e 'a rrobba. Intanto po' è grazie a isso ca chelle mmerde fanno 'o giallo."
Carmela: "Agg' capito: iss fa 'a coreografia e tu abballe, accussì si coccosa va stuorto 'a folla sta 'e piere 'ro lietto tuojo."
Sangueblu: "Nun è juta a ferni' accussì, Carme'."
Carmela: "E si sta guerra 'a vincimmo che succede? Se fa pavà tutta 'a coreografia o s'accatta 'o teatro sano?"

Scambio di vedute tra Sangue Blu e sua sorella Carmela stagione 3

Nel dialogo tra Enzo e sua sorella, preoccupata dal fatto che Ciro Di Marzio lo stia manovrando per raggiungere i suoi scopi a discapito della sua incolumità: "Lui dirige la coreografia e tu balli, così se qualcosa va storto avrai la folla ai piedi del tuo letto" gli dice mettendolo in guardia su un possibile epilogo tragico della collaborazione tra lui e l'Immortale. Enzo però è sicuro: è grazie a Ciro se "quelle merde" - i Confederati - "fanno 'o giallo", ovvero hanno paura.

Gomorra 3: Enzo (Arturo Muselli) e sua sorella in una scena del quinto episodio
Gomorra 3: Enzo (Arturo Muselli) e sua sorella in una scena del quinto episodio

Ce steva n'imperatore, se chiammava Giulio Cesare. O' ssaje che diceva? Quando c'hai il nemico addosso lo devi anticipare.

Valerio, stagione 4

Chell ca m'e fatt 'ngopp a chella barca, nun m'o scordo cchiù.

Genny Savastano, stagione 4

Tenevo un amico, un fratello. Ogni vota ca guard' o mare penso ca iss sta' llà 'a qualche parte e me sta guardann.

Genny Savastano ad Alberto Resta, stagione 4

Da oggi Secondigliano è tua: chist è 'o regalo mio 'e matrimonio, nun me 'a da' cchiù niente. Ma ricordati semp che nun te' 'a fida' mai 'e nisciun...

Genny Savastano a Patrizia, stagione 4

Il regalo di matrimonio da Genny a Patrizia. Un regalo importante, ingombrante, difficile da gestire. Il regno di Secondigliano passa ufficialmente dalle mani dei Savastano a quelle di colei che seppe proteggere (e amare) Don Pietro nei giorni della sua latitanza. Con un'avvertenza: "Non ti fidare mai di nessuno."

Gomorra 4 Salvatore Esposito E Cristiana Dellanna Sposa
Gomorra 4: Genny e Patrizia vestita da sposa (Salvatore Esposito e Cristiana Dell'Anna)

'O sang' nun se sceglie... 'e cumpagne sì.

Patrizia a Scianel, stagione 3

Dint'â vita contano doje cose: 'a sorte e 'e cumpagne.

Sangueblu a Ciro, stagione 3

Like a boss - Nel segno del comando

Quando mio figlio era criaturo, io 'o purtavo sempe a vede' 'e scigne, e isso me diceva: "Papà, ma comm'è possibile che degli animali accussì sciem, vogliono fare quello che fanno i cristiani?" 'E scigne so' belle quando fanno quello che dice il padrone, pecché se vogliono comandare da sole, diventano pericolose, s'anna abbattere!

Pietro Savastano, stagione 1

Oggi è nu grande juorno. Amm' battezzat' n'alleanza nova. Addo' se pigliano 'e decisioni assieme. Je accatto 'a robb' pe tutt'quant' ma ognuno è 'o rre a casa soja. Amm' fatto gli Stati Uniti di Scampia-Secongliano

Salvatore Conte, stagione 2

'A democrazia nun funziona, pecché i cani si mangiano tra di loro si nun ce sta 'o bastone.

Pietro Savastano, stagione 2

Guagliù! Je nunn'aggio fatto 'o pazzo tutto 'stu tiempo pe' me fa piglia' o pe' me fa spara'. Je mo me n'aggi' 'a i' a cca... ma a Napule, da chisto momento vuje site l'uocchie... 'e mmane... 'o core... e 'a rabbia mia! E ve pozzo assicura' 'na cosa: ce ripigliammo tutto chillo ch'era 'o nuostro!

Pietro Savastano, stagione 2

Pecché je penso ca chi cumanna nun s'adda maje scurda' 'na cosa: 'o potere sujo sta dint'ê mmane 'e chille ca stanno sotto a isso.

Ciro Di Marzio, stagione 2

L'omm che po' fa a men e tutt cos, nun ten paura e niente!

Salvatore Conte, stagione 1

Ma si arópp à fàmm tóija s' fà tróppa gross i t' stràcc 'o cór a piètt!

Genny Savastano ad Enzo 'o Sangueblu stagione 3

Le frasi che hanno segnato l'ascesa di Conte, Savastano e di Ciro nel panorama criminale di Scampia, ma anche quelle che racchiudono la loro filosofia. Bisogna rinunciare a qualcosa, se si vuole essere più forti, dice Conte.

Gomorra - la serie, Marco Palvetti è il boss Conte
Gomorra - la serie, Marco Palvetti è il boss Conte

E alla fine... - Le ultime parole famose

Conte: C'e mai penzat' Cirù? 'O serpent, sta semp' c'a Maronn... e maie cu Gesù. Sul ess' sape chell ca s'adda fa': c'o per, 'o ten ferm n'terr... senza bisogno r'o scamazzà. E pur'i vulev fa' accussì cu te, ma i nun song' a Maronn, però...

Salvatore Conte, a Ciro Di Marzio stagione 2

A fin r'o juorn sta tutta ccà

Pietro Savastano, stagione 2

Gomorra 2, Marco Palvetti nell'episodio Mea Culpa
Gomorra 2, Marco Palvetti nell'episodio Mea Culpa

Fa' 'a brava!

Ciro di Marzio a sua figlia Maria Rita stagione 2 e a Elvana stagione 3

Patrizia: Chest' è, Gennà?
Genny: Chest è, Patrì.

Patrizia e Gennaro, le ultime battute della stagione 4

La verità vi prego sulla morte

Nun fa male!

Attilio a Ciro Di Marzio stagione 1

E muort' so assaje : tutt e muort ca m'aggj lasciat aret e spall' ...me ven'n a cercà 'a notte, allucc'n, nun me rann pace. Pe 'cchest ca ij nun pozz accir'r cchiù : chest è a differenz' tra iss e me...

Ciro Di Marzio, stagione 2

Agg' campato tutta 'a vita mia c'a morte vicino a mme! Nun tengo paura 'e muri'!

Ciro Di Marzio stagione 2

Gomorra - La serie: Marco D'Amore in una scena della serie ispirata al film omonimo
Gomorra - La serie: Marco D'Amore in una scena della serie ispirata al film omonimo

Genny: 'O ssaje come se dice, Malammo'? Ca 'o viceré prima o poi diventa 'o peggio nemico dô rre. Malammore: Se dice pure ca ô funerale dô rre l'unico ca nun chiagne è 'o figlio.

Malammore a Genny Savastano stagione 3

Sangueblu: Comm'è accirere a coccheduno?
Ciro: Comm'a nascere: nisciuno l'ha maje chiesto. Mo l'e 'a fa'!

Sangue Blu a Ciro stagione 3

Quann attierr' a coccrun, attierr a te stesso. Nun è 'o perdono tuoje ca vac cercann.

Sangue Blu a Genny stagione 4

Arturo Muselli nella terza stagione di Gomorra (sesto episodio)
Arturo Muselli nella terza stagione di Gomorra (sesto episodio)

'O vide stu tavuto, Gennarì? Bello, eh? L'aggio stipato pe mme. Ma c'aggi'a trasì quanno me so fatta vecchia assaje.

Scianel, mostrando una bara a Genny Savastano, stagione 3

Nella terza stagione di Gomorra Scianel si ritrova a gestire un'impresa funebre, tra tavuti - ovvero le bare, le casse da morto - e affari sporchi. Nella stessa stagione, in un'altra battuta, Annalisa Magliocca usa un altro termine "funerario": schiattamuorto, che significa becchino, ma anche iettatore.

IL DENARO - Il silenzio è d'oro

Where is my gold?!

Genny Savastano stagione 4

Songhe 'e sorde ca fanno l'ommo onesto!

Pietro Savastano, stagione 1

Io ho passato metà della mia vita a sentire mio padre incazzarsi per i soldi che non c'erano mai e l'altra metà a capire come cazzo funzionano, e sai che ti dico? Che i soldi non valgono un cazzo e come li trovi non è importante. L'unica cosa che conta è che a tua figlia il giorno in cui papà le ha regalato la macchina non glielo leva più nessuno.

Gegè e la sua breve lezione di economia finanziaria a Silvano stagione 3

Sangue Blu: 'O Santo deceva ca sulo 'a ggente ca nun vale niente s'accire pê sorde! L'uommene vere nun 'o ffanno. Ciro: 'O problema è capi' chi è uno e chi è l'ato.

Sangueblu e Ciro, stagione 3

Sangueblu e Ciro, stagione 3

I flashback: il passato dei personaggi

Mammà teneva sidece anne quanno m'ha fatto, a patemo nun l'aggio maje conosciuto. Songo figlio 'e nu sbaglio, figlio 'e nu "malammore". Io e Don Pietro ce sapevamo da quanno erem' piccirill, erem' comme a duje frate. Ma isso è stato comm'a nu pate pe mme. Diceva sempe: "a vita nisciuno c'a regala, c'avimm' 'a ji' a piglia'." E accussì avimmo fatto, sempre 'nziemme. Mo nuje però c'amma cumpurta' buono, tutte quante, perché isso sta 'cca e guarda tutte cose. Sempe. Sempe.

Malammore racconta la storia di Don Pietro Savastano, stagione 3

"Mia madre aveva sedici anni quando mi ha dato alla luce" ricorda Malammore nel suo ultimo saluto a Don Pietro: "Io e lui ci conoscevamo da quando eravamo piccoli, eravamo come due fratelli. Ma lui è stato un padre per me. Diceva sempre: "La vita nessuno ce la regala, ce la dobbiamo andare a prendere". La storia di un'amicizia d'infanzia che si è evoluta in un rapporto fraterno e una collaborazione stretta nell'ascesa criminale di Pietro Savastano.

Genny: Quanno patemo se pigliaie mmano Secondigliano, all'inizio nun valeva niente, era sulo nu quartiere 'e mmerda addo' dinto ce mettevano tutt'a ggente ca l'ati quartiere 'e Napule Centro nun vulevano. Ma patemo ce vedette coccosa e l'ha fatto diventa' 'o cchiù gruosso supermercato dâ droga d'Europa. Ciru', tu 'o ssaje comme ce chiamavano int'a l'anni Ottanta chille 'e Napule Centro?
Ciro: 'E scignitelle. Ce trattavano comme animale, ce vulevano dint'e gabbie.

Genny Savastano ricorda suo padre Pietro, stagione 3

"Quando mio padre prese le redini di Secondigliano, all'inizio era un quartiere che non valeva niente. Un quartiere di merda dove finiva tutta la gente che nessuno voleva negli altri quartieri di Napoli." - ricorda Genny a proposito di suo padre Pietro, celebrandone l'intuito visionario che ebbe nel "rilevare" Secondigliano - "L'ha fatto diventare il più grosso supermercato di droga d'Europa. Ciro, lo sai come ci chiamavano negli anni '80 quelli di Napoli Centro?" "Le scimmiette" - risponde l'amico - "Ci trattavano come animali e ci volevano in gabbia"

Genny: Tu 'o ssaje pecché a Ciruzzo 'o chiammano L'Immortale? Sangue Blu: Pecché mmiezzo a tre guerre nisciuno è stato cazzo d'o accapputtà! Genny: No! Pecché teneva ventune juorne quanno venette 'o terremoto c'atterraie 'a madre e 'o padre. Pienze, dint'a nu palazzo 'e trenta persone, isso è ll'unico ca è rimasto vivo. Mo si tu te pienze d'essere 'o terremoto ca l' atterra, primma te l'e vede' cu mme! Sangue Blu: Je so' figlio 'e Re cumm'a tte, ma comm'a Ciro so stato cresciuto comm'a n'orfano. Ci chiammano figlie 'e fantasmi pecché 'e patemo e tutte ll'uommene d'a famiglia nosta, 'e Confederate nun c'hanno fatte truva' manco 'e corpe.

Genny e Sangueblu, stagione 3

In questo scambio di battute c'è una parte del passato di Ciro, che verrà poi sviluppato nel film L'immortale, lo spin-off di Gomorra la serie dedicata al personaggio interpretato da Marco D'Amore. "Sai perché a Ciruzzo lo chiamano L'immortale?" chiede Genny a Enzo 'o Sangueblu "Perché in tre faide di camorra nessuno è riuscito ad ucciderlo!" replica l'altro. "No, perché Ciro aveva 21 giorni quando sua madre e suo padre rimasero uccisi in un terremoto. In un palazzo di trenta persone, fu l'unico a restare vivo" racconta Gennaro.
L'evento a cui fa riferimento Genny nel suo racconto è il terremoto dell'Irpinia del 1980, che interessò anche Napoli e causò il crollo delle palazzine più vecchie o fatiscenti.

Business: cocaina e altri affari

Eh, ma mo cca a Secondigliano 'o mmeglio business ca ce sta nunn'è 'a droga, ma 'a famm'. E nuje chesta famm' l'amm' 'a fa frutta'.

Genny Savastano, stagione 3

O fra', viene a vede' a fabbrica 'do zuccaro, viè! Nuje 'a tagliammo bbona, sulo nu quarto è munnezza. Sempe meno munnezza 'e chella ca ce mettono l'ate. Oh, coccheduno ce mette pure 'o vveleno p'e zoccole. Nuje simmo puriste: sulo fenacetina.

Sangueblu a Valerio, stagione 3

Da sempre business principale a Secondigliano, la cocaina - la fabbrica dello zucchero, come dice Sangueblu - muove le dinamiche criminali della serie fino alla quarta stagione. Il controllo sul territorio, lo spaccio, le soffiate, le strategie più creative per eludere i controlli danno vita ad una lotta di potere continua che non prevede tregua, ma solo accordi d'interesse. Tuttavia, tra la terza e quarta stagione, i boss intuiscono che devono sviluppare altre imprese collaterali se vogliono mantenere potere e ricchezze. Ed una di queste imprese si sviluppa sulla crisi economica, la "fame" della gente con lavori precari e sottopagati.

Altre parole (e maleparole)

Signò, m'ha cacat'o cazz' stu juoc

Genny Savastano sfoderando un invidiabile british aplomb stagione 4

Dimme na cosa, o Ge', secondo te Avitabile è na femmena? E comme sfaccimma t'è venuto 'ncapa ca t'o putive chiava'?

'O Crezi a Genny, stagione 3

Ciro Di Marzio stagione 2

A gente ce piac' e parlà, ma nun semp' 'o sap fa'

Salvatore Conte, stagione 2

Salvatore nun beve, nun fuma e nun fa' ammore: le piace a fa 'a penitenza.

Nina, su Salvatore Conte stagione 2

Saje che sì tu? N'anima bbona ch'è caduta dinto a 'na capa storta!

Azmera su 'o Principe stagione 2

Facimm pesc e pesc!

'o Mulatto a Nina stagione 2

Il "pesce", ovvero l'attributo maschile in una delle frasi più cult della seconda stagione, nella scena in cui 'o Mulatto insulta Nina, la giovane transessuale di cui Conte è innamorato, invitandola ad un atto di natura omosessuale (che al tempo stesso è una negazione della sua natura femminile). Un'uscita di eleganza tale da far rabbrividire.

Si vuo' campa' mmiez 'a via 'e 'a sta' semppre 'nu passo annanz' rispetto a chi te sta 'ncuoll'.

Ciro terza stagione

'A mmerda sott'acqua nun se vede.

Scianel stagione 3

'A vita è comm'o poker: je aggi' 'a sempe ji' a vede'

Scianel stagione 3

'O ssaje comme se dice? 'A peggio zoccola è chella ca t'attacca 'e piattole e po te fotte n'ata vota. Comme faje tu.

Scianel a Genny stagione 3

Gomorra - La Serie: Cristina Donadio nel decimo episodio
Gomorra - La Serie: Cristina Donadio nel decimo episodio

Pure 'e chiattille teneno 'e ppalle.

Valerio a Sangue Blu terza stagione

Anche i chiattilli hanno le palle, dice Valerio in una scena della terza stagione di Gomorra. Ma che vuol dire chiattillo? È un termine dispregiativo che indica i giovani della Napoli bene, del Vomero o Posillipo, ben vestiti, benestanti che di solito animano la movida delle strade più eleganti, da Via Chiaia a Piazza dei Martiri. Valerio intende dire che anche i chiattilli come lui hanno le palle per far parte del sistema.

Gomorra 3: Enzo e Valerio (Arturo Muselli e Loris De Luna)
Gomorra 3: Enzo e Valerio (Arturo Muselli e Loris De Luna)