Il Trieste Film Festival debutta su Nexo+ con un canale dedicato

In occasione della 33esima edizione del più importante appuntamento italiano con il cinema dell'Europa centro orientale, debuttano su Nexo+ alcuni dei più bei titoli della storia del Trieste Film Festiva.

NOTIZIA di 21/01/2022

Arrivano su Nexo+ tanti preziosi titoli del Trieste Film Festival. In occasione della 33esima edizione (21-27 gennaio 2022), il Festival diretto da Fabrizio Grosoli e Nicoletta Romeo troverà infatti un canale dedicato sulla piattaforma in streaming di Nexo Digital, che propone ai suoi spettatori concerti, film d'autore, contenuti d'arte, documentari, musica, teatro, opera, balletto, corti, approfondimenti culturali.

Nato alla vigilia della caduta del Muro di Berlino, il Trieste Film Festival è il primo e più importante appuntamento italiano con il cinema dell'Europa centro orientale: da più di trent'anni un osservatorio privilegiato su cinematografie e autori spesso poco noti al pubblico italiano, e più in generale a quello "occidentale".

Un nuovo modo per il Festival per vivere tutto l'anno ed essere presente in streaming con alcuni dei suoi titoli più belli in una delle Costellazioni di Nexo+, i canali tematici che la piattaforma in streaming di Nexo Digital dedica all'arte e alla cultura. Quella del Trieste Film Festival andrà così ad aggiungersi alle 6 Costellazioni già presenti sul canale - quelle di Elisabetta Sgarbi, Far East Film Festival, Feltrinelli Real Cinema, Scuola Holden, Teatro Franco Parenti e AAMOD.

Tra i primi titoli che a partire dal 21 gennaio saranno presenti sulla Costellazione Trieste Film Festival:

  • The Father di Kristina Grozeva e Petar Valchanov - Miglior Film TSFF 2020

  • The Other Side of Everything di Mila Turajlić - Vincitore all'IDFA nel 2017

  • Chriss the swiss di Anja Kofmel - Miglior Documentario TSFF 2019

  • L'euforia dell'esistenza di Réka Szabó - Miglior documentario al TSFF 2020

  • Asimmetria di Maša Nešković - Anteprima assoluta al TSFF 2020

  • L'uomo con la lanterna di Francesca Lixi - Premio Corso Salani TSFF 2018