Sanremo 2021: Achille Lauro si ispira a Velvet Goldmine

Durante la prima serata del Festival di Sanremo 2021 Achille Lauro ha portato in scena un omaggio al glam rock, riprendendo il look di Jonathan Rhys-Meyers nel film di Todd Haynes

NOTIZIA di 03/03/2021

Che cosa combinerà Achille Lauro? Era una delle domande con cui ci siamo avvicinati alla prima serata del Festival di Sanremo 2021. Dopo che nel 2020 l'artista romano era stato in gara, proponendo ogni sera un costume diverso, in questo Sanremo 2021, in cui è ospite fisso, ci aveva promesso un "quadro" nuovo in ogni serata. Com'è andata allora ieri sera?

Velvet Goldmine: Jonathan Rhys Meyers in una scena
Velvet Goldmine: Jonathan Rhys Meyers in una scena

Achille Lauro non ha certo deluso le aspettative. È entrato in scena con una scintillante capigliatura blu, con un abito dalla foggia metallica e un vistoso collo fatto di piume che incorniciava la sua figura. L'ispirazione di Achille Lauro ci è sembrata evidente: il suo è il look di Brian Slade, il protagonista di Velvet Goldmine, interpretato da un Jonathan Rhys-Meyers in stato di grazia. Vestito d'argento, volto glitterato, capelli blu e le piume intorno a collo a creare un eccezionale gioco di luce: l'immagine iconica del protagonista di Velvet Goldmine, entrata nell'immaginario collettivo, è proprio questa.

Achille Lauro Sanremo 20211 1Ovd76Z
Achille Lauro a Sanremo 2021

Velvet Goldmine è un film del 1998. Todd Haynes, il regista, lo aveva definito "non un film sul glam, ma un film glam. Velvet Goldmine è un film che racconta uno stile, uno stato d'animo, un modo di essere, un mondo. La storia, che riprende la struttura di Quarto potere, vede un giornalista (Christian Bale) che cerca di ricostruire l'ascesa e la scomparsa di una rockstar, Brian Slade (Jonathan Rhys-Meyers), che aveva inscenato la sua morte sul palco. È una storia chiaramente ispirata a quella di Ziggy Stardust, l'alter ego di David Bowie. Qualcuno ha commentato "meno male che Achille Lauro ha lasciato stare David Bowie". In tanti ricorderanno, infatti, che il cantante era entrato in scena, lo scorso anno, con un costume chiaramente ripreso dal look di David Bowie nel video di Life On Mars: era la serata dedicata alle cover e aveva eseguito, vestito da Gucci, Gli uomini non cambiano di Mia Martini insieme ad Annalisa. In realtà Achille Lauro è tornato ancora una volta ad omaggiare Bowie, perché Brian Slade, il personaggio da cui ha mutuato il look, è dichiaratamente ispirato proprio a Bowie.

Piaccia o no, tutto si può dire di Achille Lauro, tranne che non sia bravissimo a scegliere i suoi riferimenti. Il quadro di ieri sera, infatti, era dedicato proprio al glam rock, la corrente che, negli anni Settanta, proprio Bowie (e altri artisti, come i Roxy Music e i T-Rex di Marc Bolan) avevano lanciato. E, per portare in scena questo omaggio, Achille Lauro ha scelto il film glam per eccellenza.