Sandra Milo: Giuseppe Conte le telefona, lei interrompe lo sciopero della fame (video)

Sandra Milo ha interrotto lo sciopero della fame dopo la telefonata di Giuseppe Conte: l'attrice voleva richiamare l'attenzione del Governo sulla condizione dei lavoratori dello spettacolo.

NOTIZIA di 22/05/2020

Giuseppe Conte le ha fatto una telefonata e lei è stata conciliante: Sandra Milo ha annunciato via Instagram di aver interrotto lo sciopero della fame iniziato qualche giorno fa.

Visualizza questo post su Instagram

Un giorno da ricordare

Un post condiviso da Sandra Milo (@sandramiloreal) in data:

L'attrice 87enne aveva annunciato che lo sciopero intrapreso, prima che essere una forma di protesta contro il Governo, era un modo per richiamare l'attenzione sulla difficile situazione che i lavoratori autonomi dello spettacolo si trovano ad affrontare oggi. Ieri però Sandra Milo ha ricevuto una telefonata del tutto inattesa, come ha raccontato ai suoi follower su Instagram e ai microfoni della trasmissione Un giorno da pecora: "Ieri mi è successa una cosa bellissima. Mi arriva una chiamata e dall'altra parte un uomo mi dice: sono Giuseppe Conte. Io pensavo fosse uno scherzo e Conte mi ha dato il numero del centralino di Palazzo Chigi dove chiamarlo: era davvero il premier. Mi ha detto che non sopportava l'idea che io facessi lo sciopero della fame, è stato bellissimo. Ho capito davvero la sua umanità".

Se sui social molti utenti hanno cominciato a ironizzare sul fatto che potrebbe essersi trattato di uno scherzo, e che quindi non fosse il vero Giuseppe Conte quello al telefono, Sandra Milo invece è apparsa assolutamente convinta dell'identità del suo interlocutore. "E' stato emozionante, bellissimo" ha continuato "ho pensato che per una volta la politica avesse ritrovato un volto umano. Gli ho detto che noi autonomi abbiamo dei problemi insostenibili ora, e gli ho proposto di trovare una soluzione possibile. Non abbiamo organizzato alcun incontro, in realtà ieri lui mi ha chiesto un favore, non vi dico quale, ma un favore che gli ho già fatto. Ora sono sicura che lui ricambierà, perché è un uomo d'onore".