Facebook

Ray Liotta, Taron Egerton ricorda l'esperienza di lavorare con uno dei suoi "eroi" sul set di Black Bird

Taron Egerton ha ricordato la sua esperienza accanto a Ray Liotta sul set di Black Bird, la nuova serie di Apple TV+.

Taron Egerton ha lavorato con Ray Liotta in occasione della serie Black Bird e ha ricordato l'attore durante una sua apparizione al talk show di Jimmy Kimmel, per l'occasione condotto da Chelsea Handler.
L'attore ha avuto modo di raccontare un momento avvenuto sul set che lo ha emozionato molto.

Ricordando Ray Liotta e la sua esperienza sul set di Black Bird, Taron Egerton ha spiegato: "Per me era un eroe e quando ho letto lo script c'era questo rapporto davvero emozionante e disfunzionale tra il mio personaggio e suo padre ed è stato così entusiasmante quando Ray ha deciso di accettare il ruolo. Ha letto lo script e nemmeno 24 ore dopo aveva accettato, e ne era davvero entusiasta".
Il giovane attoe ha quindi ricordato: "Non sapevo realmente cosa aspettarmi perché so che le sue interpretazioni sono caratterizzate da qualcosa che definirei minaccioso, è un attore in grado di intimidire in ogni film".

Taron ha poi ricordato quando un giorno sul set lo ha visto un po' in disparte, nel suo mondo: "Alle volte gli attori possono essere davvero strani. E ho pensato di lasciarlo in pace, concedergli il suo spazio. Dall'altra parte della stanza ha attirato la mia attenzione e si è alzato venendo verso di me, in un modo un po' fragile perché nella serie sta affrontando dei problemi di salute. E poi mi ha semplicemente abbracciato e siamo rimasti così per un po', ed è stato un po' strano e al tempo stesso davvero bello. E ho detto 'Sono davvero felice che lo stiamo facendo' e mi risposto 'Anche io'. E dopo quel giorno non mi ha detto più niente oltre le battute davanti alla telecamera".
Egerton ha ribadito: "Abbiamo avuto solo qualche settimana di riprese insieme e per me è stato davvero fantastico perché portava questa presenza, questa realtà, in contrasto con la durezza che lo contraddistingueva. Portava questa incredibile tenerezza, questo amore. Sono davvero orgoglioso del rapporto che abbiamo costruito".

La star di Black Bird ha quindi spiegato che Ray Liotta non dava molti consigli, ma faceva molti complimenti: "Ci siamo trovati a nostro agio davvero velocemente ed ero seduto sul set, aspettando di girare una delle scene in cui ci incontriamo in carcere, e mi lamentavo di qualcosa, perché è quello che facciamo noi attori, e gli stavo parlando di qualcosa che dovevo fare per la promozione di un progetto, era qualcosa di non particolarmente entusiasmante. Lui mi stava ascoltando in silenzio, senza quasi guardarmi. Poi ho finito e non aveva detto niente, quindi ho pensato che non fosse d'accordo con me, che mi stessi giudicando. E invece ha detto 'Fan**lo, pagami'".
L'esclamazione è una battuta che aveva pronunciato nel film Quei bravi ragazzi diretto da Martin Scorsese durante un momento in cui si descriveva il funzionamento del sistema di tangenti della mafia.