Facebook

Profeti: il nuovo trailer del film di Alessio Cremonini con Jasmine Trinca, in sala dal 26 gennaio

Dal 26 gennaio, solo al cinema, il nuovo film del regista David di Donatello Alessio Cremonini con Jasmine Trinca e Isabella Nefar, Profeti, che si è aggiudicato il Black Panther Award - Menzione speciale della giuria al Noir In Festival.

Profeti: il nuovo trailer del film di Alessio Cremonini con Jasmine Trinca, in sala dal 26 gennaio

Svelato il nuovo trailer di Profeti, il nuovo film di Alessio Cremonini, vincitore del David di Donatello come Miglior regista esordiente per Sulla mia pelle, al cinema dal 26 gennaio con Lucky Red. Il lungometraggio con protagonista Jasmine Trinca è una produzione Cinemaundici e Lucky Red con Rai Cinema in collaborazione con Sky Cinema. 

Profeti è la storia del confronto tra Sara (Jasmine Trinca), una giornalista italiana andata in Medio Oriente per raccontare la guerra dello Stato Islamico, e Nur (Isabella Nefar), una foreign fighter radicalizzata a Londra che ha sposato un miliziano e ora vive nel Califfato. Sara viene rapita dall'Isis e in quanto donna, in quanto essere inferiore che ha dignità solo se sottomessa al maschio, non può stare in una prigione dove sono presenti anche degli uomini. Per questo motivo viene data in custodia ad una sua "pari": ad una donna. Nur diventa la sua carceriera. La casa di Nur, la sua prigione. E sarà proprio quella casa nel mezzo di un campo di addestramento dello Stato Islamico il luogo dove Sara e Nur si confronteranno. Un confronto quasi impossibile che si trasforma in guerra psicologica mentre attorno scoppiano le bombe e i nemici vengono bruciati vivi per vendetta. Un confronto fatto di silenzi, di sottili ricatti, e dal progressivo tentativo di Nur di convertire Sara.

Dopo aver raccontato le vicende di Stefano Cucchi in Sulla mia pelle, Alessio Cremonini si confronta con temi altrettanto attuali: la prigionia, i diritti delle donne, il Medio Oriente, la religione, lo scontro di civiltà. "Sono questi i temi della mia indagine: lo strumento è il cinema. Un cinema inteso come "viaggio" che svela storie, che percorre strade poco battute. Un cinema politico. Un cinema radicale. Un cinema essenziale" - ha dichiarato Cremonini - "Un film su due donne occidentali che hanno fatto scelte diametralmente opposte. Sara, una giornalista italiana rapita dall'Isis durante un reportage di guerra in Siria, e Nur che la tiene prigioniera per mesi in una casa costruita in un campo di addestramento dello Stato Islamico. Quello che il cinema può e deve fare, è mettere in scena la vicenda di Sara e Nur senza manicheismi o semplificazioni retoriche. Questa storia, infatti, non soltanto è metafora di quello che accade in molte parti del Medio Oriente, ma ci riguarda da vicino. Poiché, ormai lo sappiamo, se nell'altra sponda del Mediterraneo inizia un incendio poi le fiamme arrivano anche da noi".

Il film inizia con le parole di una combattente curda intervistata da Sara, la giornalista italiana interpretata da Jasmine Trinca: "Combatto per i curdi, per la libertà e per le donne. In Medio Oriente, se sei una donna, devi imparare a difenderti il prima possibile. Qui, la maggior parte dei regimi è basata sulla sottomissione, sull'oppressione delle donne. Qui, la maggior parte dei regimi è basata sulla sottomissione, sull'oppressione delle donne. È per questo che le uniche persone che possono cambiare questa mentalità sono le donne", parole che portano subito la mente quanto sta accadendo in Iran.

Profeti
Locandina di Profeti