Orlando Bloom, il Principe Harry e la loro strana alleanza di quartiere contro i paparazzi

Il Principe Harry ha parlato di Orlando Bloom e della loro strana alleanza di quartiere con con l'obiettivo di 'contrastare' lo strapotere dei paparazzi a Montecito.

NOTIZIA di 14/05/2021

il Principe Harry ha raccontato di aver stretto una sorta di strana alleanza di quartiere con Orlando Bloom per far fronte la costante attenzione che la sua famiglia riceve a Montecito da parte di paparazzi troppo invadenti. Il Principe ne ha parlato durante il podcast Armchair Expert con Dax Shepard e Monica Padman,

Codice Unlocked - Londra sotto attacco: Orlando Bloom in un momento del film
Codice Unlocked - Londra sotto attacco: Orlando Bloom in un momento del film

Come riportato da People, il Principe Harry ha raccontato la sua "collaborazione" con Orlando Bloom e ha dichiarato: "Pochi giorni fa, ho ricevuto un messaggio da Orlando Bloom, che abita poco oltre casa mia. Mi ha mandato la fotografia di un ragazzo con i capelli lunghi, un cappellino, gli auricolari e una grossa macchina fotografica nella sua macchina 4x4. La vettura era guidata da una donna e, nel frattempo, il ragazzo scattava fotografie alla famiglia di Orlando. Tutto questo è normale? Possiamo accettarlo?".

Nonostante questo, comunque, a detta del Principe Harry, le vita in California è migliore di quella a Londra. Il figlio di Lady Diana ha raccontato: "Qui mi sento più rilassato. Sono più tranquillo e libero. Posso uscire con mio figlio Archie e nessuno mi dice nulla".

I Principi Harry e William sul set di Star Wars: ep. VIII
I Principi Harry e William sul set di Star Wars: ep. VIII

La partecipazione del Principe Harry al podcast ha preceduto di circa una settimana la distribuzione di The Me You Can't See su AppleTV+ a partire dal prossimo 21 maggio. Tra gli altri, la serie incentrata sulla salute mentale e sul benessere vedrà la partecipazione di Lady Gaga, Glenn Close e Oprah Winfrey. A questo proposito, il Principe Harry ha raccontato: "Siamo tutti nati in luoghi diversi e le nostre esperienze sono completamente eterogenee. Eppure, siamo tutti esseri umani. La mia speranza è che la serie possa mostrare il potere dell'onestà, della vulnerabilità, dell'empatia e la connessione che esiste tra tutte le persone".