Marco D'Amore: "Roberto Saviano era nel mio liceo: lo chiamavano l'indiano"

Marco D'Amore ha spiegato perché Roberto Saviano, autore del romanzo da cui è tratta la serie di Gomorra, veniva chiamato l'indiano durante gli anni del liceo.

NOTIZIA di 29/04/2021

Marco D'Amore, interprete di Ciro Di Marzio in Gomorra, ha raccontato che Roberto Saviano frequentava il suo stesso liceo e che all'epoca lo scrittore era soprannominato l'indiano per via dei suoi lunghi capelli.

L Immortale 2
L'Immortale: una sequenza del film con Marco D'Amore

Quando stanno per giungere al termine le riprese della quinta ed ultima stagione di Gomorra, Marco D'Amore ha rilasciato un'intervista al Corriere della Sera, all'interno della quale ha parlato anche della sua adolescenza e del percorso di crescita che lo ha portato ad essere la persona che è oggi. "Con mio fratello sono cresciuto con chi faceva una vita normale e con chi è andato incontro ad una fine disperata", ha raccontato l'attore, aggiungendo: "Ho avuto un'infanzia memorabile, lo dico guardando con tristezza alle nuove generazioni, alle loro utopie commerciali. Per strada di notte ce la cavavamo con gente più grande che ci ha fortificati, in un quartiere dove c'era bisogno di abilità per sopravvivere".

Img 4834
Berlino 2019: Roberto Saviano alla conferenza di premiazione

D'Amore, che è tornato ad interpretare Ciro Di Marzio nel film L'Immortale, diretto da lui stesso, ha poi richiamato alla mente gli anni del liceo, condivisi in parte con una persona a cui si è poi ricongiunto proprio grazie a Gomorra. "Al liceo io ero quello che parlava forbito, il che mi dava un certo rispetto e curiosità. Poi ero creativo, facevo ridere. Le bische, le sale gioco, il contrabbando. Il racconto della povertà lo vedevo", ha raccontato l'attore, continuando col dire: "C'era anche Roberto Saviano. Lo chiamavano l'indiano, aveva i capelli lisci fin dietro la schiena. Era piuttosto impegnato, mentre per tanti di noi la scuola occupata era il cazzeggio di non andarci. Facemmo l'autogestione più lunga d'Italia". Per quanto riguarda l'occasione in cui la sua strada si è incrociata di nuovo con quella di Saviano, Marco D'Amore ha ricordato: "Lo incontrai una prima volta a Milano, quando cominciavo a recitare in un teatro mezzo disastrato dove lui venne a presentare Gomorra. C'era un grande clamore, non si ricordava di me, aveva lo stress del libro".

Ricordiamo che le riprese della quinta stagione di Gomorra - La Serie si concluderanno nel mese di maggio. Salvo imprevisti, l'uscita dei nuovi episodi su Sky Atlantic dovrebbe avvenire entro la fine dell'anno, come dichiarato dallo stesso Marco D'Amore prima dell'inizio della produzione. "La nuova stagione sarà girata soprattutto nell'hinterland napoletano e nell'area nord, tra Scampia e Secondigliano, il palcoscenico naturale di Gomorra. Ma ci sarà anche una puntata all'estero. L'idea è di uscire prima della fine dell'anno prossimo", aveva detto all'epoca l'attore. Nella stessa intervista al Corriere della Sera, Marco D'Amore ha rilasciato alcune anticipazioni su Gomorra 5 e in particolare sul destino del suo personaggio, Ciro Di Marzio.