Luca Ward sulla malattia di sua figlia: "Non mi hanno permesso di portarla in Francia"

Luca Ward ha parlato della malattia di sua figlia Luna, dalla scoperta dei primi sintomi alla frustrazione di non poter accedere alle cure in Francia.

NOTIZIA di 12/04/2021

Luca Ward ha parlato della malattia di sua figlia Luna in una lunga intervista concessa a Il Tempo: l'attore e doppiatore ha spiegato Luna è affetta dalla Sindrome di Marfan e ha raccontato che è stato proprio lui a rendersi conto che qualcosa non andava. Ward ha anche parlato delle difficoltà che la sua famiglia incontrato a causa dell'attuale emergenza sanitaria.

Luca Ward sul set di Animanera
Luca Ward sul set di Animanera

Luca Ward, in piena sintonia con la moglie, l'attrice Giada Desideri, ha deciso di parlare della malattia che è stata diagnosticata a sua figlia: Luna soffre della Sindrome di Marfan e per questo sarà costretta ad operarsi entro la fine dell'anno. In un'intervista a Il Tempo l'attore ha raccontato che è stato lui a capire che qualcosa non andava: "Un giorno vidi mia figlia in costume da bagno e notai che il bacino era asimmetrico. Iniziammo a fare delle indagini specifiche e le fu diagnosticata la sindrome di Marfan".

Ma cosa è esattamente la Sindrome di Marfan? "è una malattia genetica rara causata da un gene che si modifica al momento del concepimento, una 'sfiga', ci ha detto il professor Barnard che l'ha diagnosticata". Purtroppo l'emergenza sanitaria e le restrizioni sui viaggi non hanno permesso a Luna di ricevere le cure appropriate: "La ragazza ha bisogno di cure specifiche che soltanto a Lione si possono fare. Queste cure servono a rallentare la rotazione della colonna vertebrale la cui curvatura, prima della sospensione delle cure, era al 38%, mentre ora ora è al 68% e spinge più che mai sul polmone sinistro".

Img 0937 Copia
Venezia 2019: Luca Ward sul red carpet di apertura

Luca Ward racconta che l'emergenza sanitaria e il blocco delle frontiere gli hanno impedito di portare la figlia a Lione: "il governo francese ci ha negato l'accesso, è necessario avere dei protocolli che permettono, nell'Unione Europea, la costituzione di un cordone sanitario per rendere fluide le cure ovunque". Inizialmente il professore che ha in cura Luna aveva programmato l'operazione alla fine della crescita, spiega l'attore, "ma adesso deve essere operata subito, non si può rimandare, l'intervento - aggiunge Luca - dovrebbe essere fissato intorno ad ottobre di quest'anno".

L'anticipo dell'operazione comporta dei rischi ma è l'unica strada da percorre, visto l'attuale quadro clinico della ragazza: "Luna stessa non vede l'ora di farla, è una ragazza straordinaria, pure avendo solo 11 anni ha la coscienza e la maturità di un adulto", ha concluso con orgoglio Luca Ward.