Facebook

Lino Banfi e la malattia di sua moglie Lucia: l'Alzheimer e quel "ci ripresenteremo" emozionante

La moglie di Lino Banfi è affetta da Alzheimer e durante un'intervista di qualche hanno fa l''attore comico ha pronunciato delle parole commoventi a proposito della sua malattia.

La moglie di Lino Banfi si chiama Lucia Lagrasta: i due si sono sposati nel 1962 e hanno avuto due figli, Walter e Rosanna. Lucia combatte da tempo con una malattia irreversibile, l'Alzheimer, e qualche anno fa Lino ha commosso l'intero stivale con il suo celebre "ci ripresenteremo", durante un'intervista divenuta virale.

Lino Banfi
Lino Banfi, una foto del popolare comico pugliese

Il loro amore è sbocciato quando erano ancora due ragazzini: lei faceva la parrucchiera mentre lui era un aspirante attore: "Ogni tanto ci scambiavamo una lettera. Lei mi mandava qualche soldo", ha rivelato Lino durante l'intervista di Vanity Fair, ricordando i tempi in cui viveva a Milano.

Venezia 2010: Lino Banfi
Venezia 2010: Lino Banfi

"Ci siamo sposati alle sei di mattina in una sagrestia", senza festeggiamenti a causa dell'opposizione al matrimonio dei genitori di lei, anche se in seguito la coppia ha avuto occasione di ovviare a questa mancanza festeggiando le nozze d'oro: "Nel 2012 abbiamo celebrato le nozze d'oro, benedetti da Papa Ratzinger e circondati da amici celebri".

Banfi, con delicatezza e con le lacrime agli occhi, ha poi parlato della malattia della moglie, quella che tutti chiamano Alzheimer e che lui preferisce definire più semplicemente usando le parole 'un po' di problemi neurologici': "Dimentica le cose cose, non ricorda. Ma poi è anche cosciente e presente. Non mi arrendo. La seguono i medici migliori. Voglio arginare la malattia. Le sto provando tutte. E quando posso la faccio ridere."

Lino Banfi ha rivelato di essere profondamente triste e addolorato a causa della malattia di Lucia, ma l'attore pugliese è comunque determinato a non perdere le speranze: "Un po' di tempo fa mi ha chiesto: 'E se un giorno non ti dovessi più riconoscere?'. Gli ho risposto stringendola: 'Vorrà dire che ci presenteremo di nuovo'".